Williams salterà i test di Abu Dhabi: non ha la "mule car" per le 18"

La squadra di Grove è costretta a non partecipare ai due giorni di collaudo che seguiranno l'ultimo GP stagionale a Yas Marina: Dave Rosbson spiega che il team non dispone dell'indispensabile muletto adattato alle gomme ribassate, per cui rinuncerà ai test con i giovani piloti. Il responsabile dello sviluppo Williams però non teme che questa assenza possa pregiudicare la qualità della monoposto 2022.

Williams salterà i test di Abu Dhabi: non ha la "mule car" per le 18"

Nei test di due giorni che seguiranno il GP di Abu Dhabi a Yas Marina non ci sarà la Williams. Il team di Grove è stato l’unico che non ha partecipato ai collaudi di sviluppo che la Pirelli ha disposto per lo sviluppo delle nuove gomme da 18 pollici, per la semplice ragione che la squadra non ha approntato una “mule car”.

E, per lo stesso motivo, quindi, la Williams non parteciperà ai test che seguiranno l’ultimo GP della stagione nei quale i team, oltre a far girare i giovani piloti, potranno saggiare le gomme ribassate che sono state deliberate dalla FIA insieme al fornitore unico.

La squadra di Grove ha rinunciato a realizzare la “mule car” per ragioni finanziarie: la decisione quando era stata presa era stata adottata dalla vecchia proprietà, in un momento in cui c’è l’esigenza di procedere al massimo risparmio.

Dave Robson, ingegnere a capo dello sviluppo della Williams, ha dichiarato: “Purtroppo nei test di Abu Dhabi non ci saremo. Non abbiamo la “mule car” e questo ci impedirà di partecipare”.

Leggi anche:

Nel team sono oggi consapevoli che pagheranno uno scotto per non aver aderito ai test di sviluppo delle gomme da 18 pollici e ai collaudi di Abu Dhabi: il primo contatto con le ribassate avverrà solo in occasione dei primi test invernali a Barcellona.

“Sappiamo che avere una “mule car” sarebbe stato vantaggioso, ma non avevamo le risorse per realizzarla. Vorrà dire che scopriremo le nuove gomme nei test invernali, ma se la nuova macchina dovesse andare bene, allora potremo recuperare il gap velocemente. Quando inizierà la stagione 2022 non saremo troppo indietro…”.

La Pirelli dopo ogni test di sviluppo degli pneumatici da 18” ha inviato un report completo a tutti i team e all’inizio dell’anno aveva fornito alle 10 squadre le “gommine” per il lavoro in galleria del vento: i tecnici di Grove, quindi, hanno potuto lavorare in simulazione come tutte le altre squadre, ma non hanno mai avuto un feedback dai piloti sull’effettivo comportamento delle ribassate in pista.

condividi
commenti
F1 | Si vuole ridurre i treni di gomme in alcuni GP 2022
Articolo precedente

F1 | Si vuole ridurre i treni di gomme in alcuni GP 2022

Articolo successivo

Brawn: "Lavoriamo per migliorare la visibilità con la pioggia"

Brawn: "Lavoriamo per migliorare la visibilità con la pioggia"
Carica i commenti