Vettel penalizzato di tre posizioni, Sainz sale al decimo posto

Il collegio dei commissari sportivi del GP d'Austria hanno deciso di sanzionare il pilota tedesco con una penalizzazione di tre posizioni sulla griglia di partenza di domani per aver bloccato Alonso in Q2. Seb con l'Aston Martin scatterà dall'11esima piazza, mentre si era qualificato ottavo. Beneficieranno di una posizione Russell, Stroll e Sainz.

Vettel penalizzato di tre posizioni, Sainz sale al decimo posto

La decisione era inevitabile e il provvedimento è arrivato puntuale: Sebastian Vettel è stato penalizzato di tre posizioni sulla griglia del GP d’Austria.

Il tedesco è stato giustamente sanzionato dal collegio dei commissari sportivi per aver bloccato l’Alpine di Fernando Alonso che era lanciata alla conclusione della Q2: l’Aston Martin di Seb ha proceduto troppo lentamente nelle curve 9 e 10, quelle che per il direttore di gara, Michael Masi, non potevano essere affrontate a bassa velocità perché i piloti lenti potevano essere motivo di grave pericolo per chi seguiva perché non aveva modo di cambiare traiettoria.

Vettel, che ha concluso la qualifica all’ottavo posto con la AMR21, domani dovrà scattare dall’undicesima piazza: in virtù di questa decisione avranno modo di scalare di una posizione nello schieramento i tre piloti che seguivano Sebastian: George Russell con la Williams scala ottavo, mentre il compagno di squadra Lance Stroll diventerà nono e il ferrarista Carlos Sainz decimo.

Il quattro volte campione del mondo si è subito scusato con Fernando Alonso, ma lo spagnolo ha commentato sarcasticamente quanto gli è successo, consapevole che avrebbe potuto approdare alla Q3 proprio con l’ultimo tentativo che è stato costretto ad abortire: “Un weekend rovinato già in qualifica per un giro!”.

Vettel perde anche 1 punto sulla patente ed è il sesto negli ultimi 12 mesi.

condividi
commenti
Ferrari: una scelta tattica per partire con le hard?

Articolo precedente

Ferrari: una scelta tattica per partire con le hard?

Articolo successivo

Ricciardo non trova le cause della sua crisi in McLaren

Ricciardo non trova le cause della sua crisi in McLaren
Carica i commenti