Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso

Vettel esclusivo: "E' ora di concretizzare il sogno Ferrari"

condividi
commenti
Vettel esclusivo: "E' ora di concretizzare il sogno Ferrari"
Di:
30 ott 2019, 07:11

Sebastian si è raccontato in una lunga intervista con Motorsport.com: il tedesco crede fermamente nel progetto ferrarista per diventare campione anche con la Rossa. Seb considera Hamilton il più grande pilota di questa era e vede in Leclerc, Verstappen e Russell la nuova generazione vincente. E sulla SF90 ha detto che...

Dietro quell’armatura, innalzata per proteggersi dagli effetti collaterali che comporta oggi essere Sebastian Vettel, c’è un uomo conosciuto da pochissime persone.

Non bisogna confondere formalità e riservatezza con un approccio “freddo”, perché il trentaduenne di Heppenheim freddo non è. Anzi, osservando Seb (così è chiamato da tutti in Ferrari) stagione dopo stagione l’impressione è quella di una persona spinta da una fortissima passione, che sfocia in una determinazione assoluta.

Ha vinto tantissimo in pochissimo tempo, entrando nell’Olimpo dei grandi della Formula 1 con cifre anche importanti: un poker di Mondiali completato nel 2013, poi dodici mesi dopo l’inizio ufficiale della sua storia con la Ferrari, una coppia che festeggerà il prossimo fine settimana il centesimo Gran Premio insieme.

Da quando è in rosso Vettel ha spesso dovuto fare i conti con il suo palmares, prigioniero di uno status che si è dimostrato un’aggravante nelle giornate da dimenticare.

Seb non parla mai a caso, e sulla tribuna centrale del circuito di Città del Messico ha risposto alle domande di Motorsport.com senza filtri, facendo trasparire dal linguaggio del corpo e dall’espressione del viso una ritrovata serenità.

Vettel vuole bene alla Ferrari, e la Ferrari sembra volergliene altrettanto, come dimostra lo sforzo fatto per metterlo nelle condizioni di dare il massimo. Ed ora che il cerchio si è chiuso, si è rivisto quel massimo che Vettel può dare: un valore aggiunto di un quattro volte campione del mondo che ha ancora molto da dire.

Sebastian Vettel intervistato a Città del Messico da Roberto Chinchero

Sebastian Vettel intervistato a Città del Messico da Roberto Chinchero

Photo by: Ferrari

Facciamo un passo indietro, ai test invernali. Si respirava un’atmosfera di grande fiducia nella squadra...
“Si, è stato un momento positivo”.

Quando e dove hai capito che non sarebbe stato possibile raggiungere l’obiettivo del titolo mondiale?
“Abbiamo avuto un fantastico primo giorno di test, la macchina era davvero buona, sia nel feeling che nel confronto con le altre monoposto. C’era una certa euforia all’esterno, ma nel team siamo sempre stati tranquilli”.

“La seconda settimana di prove è stata più realistica in merito al nostro potenziale e credo che nell’arco dei test, specialmente Red Bull e Mercedes, si siano messe a posto giorno dopo giorno, arrivando solo alla fine delle prove al quadro reale dei valori in campo”.

Avevi già capito la situazione a fine test?
“Ad essere sinceri è stata una sorpresa ritrovarci alle prese con difficoltà impreviste in Australia, ma la situazione non è stata subito chiara, perché nel successivo appuntamento in Bahrain siamo andati molto bene, per poi tornare ad avere delle difficoltà in Cina”.

“Siamo stati sorpresi da questa sequenza di alti e bassi, ma dopo quattro o cinque gare il quadro è diventato più chiaro e soprattutto dopo Barcellona abbiamo capito che non eravamo veloci abbastanza”.

“A quel punto ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo anche capito che non eravamo dove volevamo essere, e anziché combattere contro gli avversari abbiamo dovuto lottare contro noi stessi. La Mercedes GP dopo GP ha ottenuto ottimi risultati, mentre noi eravamo alle prese con la comprensione e la soluzione dei nostri problemi e non è stato possibile farlo nel giro di una notte, ma quello lo avevamo capito”.

Quanto è difficile affrontare il momento in cui comprendi che non sarà una stagione con ambizioni Mondiali?
“Da un certo punto di vista capisci subito cosa sta succedendo. Poi c’è una reazione, provi a non accettare lo stato delle cose e cerci di dimostrare il contrario, ma gara dopo gara torni sempre alla realtà, ci riprovi e arriva lo stesso risultato, come se non volessi accettare lo stato delle cose, non volerle vedere per come sono, e non è una bella sensazione”.

“Ma alla fine ti devi arrendere, dopo quattro o cinque gare arrivi ad ammettere: ‘okay, questo è’. Forse è meglio elaborare queste situazioni gradualmente, credo che capire di colpo che non sarai della partita, per me sarebbe più dura, ma chiariamo, è comunque una situazione poco gradevole”.

Finora hai guidato cinque monoposto Ferrari. Per il grande pubblico sono cinque ‘rosse’, sono tutte Ferrari, ma quanto è importante trovare subito la giusta sensazione con una vettura che ogni anno è di fatto sconosciuta?
“Molto importante. C’è chi dice "ah, al giorno d'oggi il pilota non fa la differenza"… beh, non sono d'accordo. Se ti senti a tuo agio in macchina, se senti di avere tutto sotto controllo, allora puoi fare una grande differenza, ma hai bisogno della monoposto giusta, hai bisogno degli strumenti giusti, hai bisogno del team, hai bisogno che la squadra funzioni bene, hai bisogno che lo sviluppo prosegua nella giusta direzione, hai bisogno di... qualunque cosa, devi fare tutto il possibile per sentirti a casa quando sali in macchina”.

“E proprio a questo proposito il primo giorno di prove dei test invernali è stato molto buono. Poi abbiamo perso quella sensazione, e abbiamo lottato a lungo e duramente per ritrovarla, e questa fase non ha aiutato di certo a estrarre tutto il possibile dalla monoposto”.

“Avevo però da subito un’idea chiara di cosa mancasse, grazie anche all’esperienza delle stagioni precedenti, ma non avevamo idea di come trovare la soluzione al problema. Ed anche quando abbiamo identificato i rimedi del caso, c’è voluto del tempo per metterli in macchina, non è bastato schiacciare un bottone”.

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, risponde alle domande durante la nostra intervista

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, risponde alle domande durante la nostra intervista

Photo by: Ferrari

È stata un’attesa snervante?
“Queste cose richiedono tempo, ma ne vale la pena. Per ottenere prestazioni servono una vettura effettivamente veloce e il giusto feeling trasmesso al pilota per consentirgli di sfruttarla al massimo”.

La svolta è arrivata con l’introduzione degli sviluppi tecnici a Singapore?
“Sì, esatto”.

Le novità hanno cancellato i problemi all’avantreno che non si sposavano al meglio con il tuo stile di guida?
“Non esattamente, credo che in generale sia una questione di fiducia. Un pilota vuole capire il comportamento della monoposto, prevedere le sue reazioni nelle varie situazioni, e quando si crea questo feeling riesci ad anticipare, a prevedere”.

“Sai, si potrebbe discutere su un punto, ovvero che il controllo totale di una monoposto è solo un’illusione. Ma credo che si possa davvero prevedere il comportamento di una monoposto quando hai fiducia, se si crea questo quadro riesci a estrarre di più da te stesso e dall’auto, ovvero da tutto il pacchetto”.

Il giovedì precedente il Gran Premio di Singapore le domande nella tua conferenza stampa erano orientate su un possibile ritiro. Tre giorni dopo hai vinto la gara e tutto è andato in archivio. Quanto è difficile gestire queste situazioni e la velocità con cui cambia la percezione della tua figura dall’esterno?
“Diciamo che la parte difficile è riuscire a non ascoltare, ma è un discorso generale che va oltre il nostro contesto. Il mondo si sta muovendo molto velocemente, tutto è accelerato compreso il tempo in cui la gente si costruisce un’opinione, non solo in Formula 1, ovviamente. Diciamo che la Formula 1 è allineata al resto del mondo, ovvero agli altri sport, alla politica, ecc ecc”.

Opinioni facili?
“È un incubo, ogni giorno si giudica diversamente, si cambia opinione. Personalmente non trovo credibile questo approccio, perché se credi davvero in qualcosa non puoi cambiare idea dall’oggi al domani, a meno che tu non abbia una ragione, ovviamente”.

“Ma c’è chi la ricambia ancora la notte successiva. Tornando alla domanda iniziale, non è poi così difficile gestire queste situazioni, perché sai che le opinioni cambiano molto velocemente. A volte, però, possono creare delle tensioni, possono esserci situazioni in cui certi giudizi o delle opinioni impattano sul team, perché la squadra è formata da gente appassionata di questo sport, ed è normale che un appassionato segua ciò che viene detto e scritto, e questo a volte non aiuta”.

“Se si verifica qualcosa di negativo ci vuole un po' di tempo per toglierlo dalla testa della gente, ma può anche essere divertente vedere che tre giorni prima ti dicono che va tutto male e tre giorni dopo che tutto è fantastico. Nel mio caso non mi crea problemi, sono qui da molto tempo, e ho già vissuto alti e bassi”.

Nella storia della Formula 1 ci sono pochi piloti che hanno disobbedito ad un ordine di squadra. I celebri “no” di Carlos Reutemann, René Arnoux, ed in questa lista sei entrato anche te…
“Non ho mai detto di no…”.

Ricordiamo bene il Gran Premio della Malesia 2013, e il tuo ‘no’ all’ordine di mantenere la seconda posizione dietro a Webber, il famoso messaggio in codice via-radio ‘Multi 21’ che tu ignorasti vincendo la gara…
“Ah sì. Sì. (Vettel sorride)”.

Credi che ci siano giorni in cui un pilota deve dire ‘No’ per rispetto alla sua carriera e alla sua storia sportiva?
“Sì, ma penso che sia difficile, soprattutto al giorno d'oggi. La Formula 1 negli ultimi 20 anni è diventata uno sport di squadra, se si confronta con gli anni '70, '80, o i primi anni '90, il pilota allora era la figura principale, aveva ovviamente un team intorno a sé, ma era il leader”.

“Credo che oggi un pilota abbia molta più responsabilità derivante dal lavoro che svolgono le persone che sono in squadra, professionisti che ti aiutano e ti sostengono. Nel caso della Ferrari, è giusto ricordare che è la squadra più grande al mondo, il team viene prima di ogni cosa, anche del pilota”.

“Ci sono situazioni in cui sei in macchina ed è difficile avere il quadro completo di una situazione, non puoi vedere tutto, quindi credo che dipenda davvero dalla situazione in cui ti trovi, ed è anche difficile dire “aveva ragione o torto” in merito ad una scelta di questo tipo”.

“Se ad esempio prendiamo la situazione che vivevo con Mark (Webber), dobbiamo considerare che abbiamo lavorato insieme per molti anni, e non credo che abbiamo lavorato molto bene insieme [Seb sorride…] e poi è arrivato il giorno in cui mi è stato chiesto di fare qualcosa, ma non avevo mai avuto un favore prima di quel momento…”.

“Perché avrei dovuto farlo? Era una situazione particolare, e credo che alla fine, come hai detto, finisce che pensi a te stesso, difendi ciò che ritieni sia giusto e corretto. In quella circostanza con Mark... è stata una storia diversa”.

Roberto Chinchero intervista Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Roberto Chinchero intervista Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Photo by: Ferrari

In Formula 1 è esplosa la generazione di piloti nati nel 1997, dieci anni più giovani di te. Credi che questi ragazzi abbiamo un atteggiamento diverso, più aggressivo, o è soltanto la giovane età che li porta ad osare?
“Sono molto più impegnati a guardarsi al cellulare, questa è una grande differenza, ma è anche un approccio legato alla loro generazione. A parte questo aspetto, non credo che gli ingredienti di base siano cambiati, alla fine devi essere veloce, e Max, Charles e George (Russell) che ora guida una monoposto che non gli permette di mostrare le sue doti, sono ragazzi veloci”.

“Non sono stato stupito, perché erano ragazzi già molto veloci ndl karting, era abbastanza chiaro che avevano qualcosa di particolare e sapevamo che era in arrivo una generazione di piloti molto interessante”.

“Se chiedi a chi un anno fa lavorava con loro, ti confermeranno che erano ragazzi speciali, ed è bello vedere che si siano arrivati nella categoria maggiore del motorsport. Questo è uno sport complesso, molto costoso, e non sempre è facile separare il talento dalle opportunità, quindi quando vedo che dei ragazzi che meritano riescono ad arrivare in Formula 1 sono contento, è un messaggio positivo”.

“Ci sono stati casi in cui un giovane pilota aveva le doti per poter puntare in alto ma si è trovato nel posto sbagliato nel momento sbagliato, ed è mancata l’opportunità, per questo mi piace sapere che ci siano i nomi giusti nei posti che meritano”.

Lewis si appresta a conquistare il sesto titolo Mondiale. Lo possiamo considerare uno dei grandissimi di sempre?
“È doveroso, come si può pensare diversamente? Per me è molto chiaro, lo è assolutamente. È in questo sport da molto tempo, ed è uno dei piloti di maggior successo. Dopo Michael, credo che sia giusto fare il suo nome, anche se ovviamente i giudizi sono personali”.

“La Formula 1 oggi è cambiata, ci sono molte più gare, e di conseguenza hai la possibilità di vincere di più rispetto al passato, per questo credo che non sia corretto confrontare i palmares, tirare in ballo nomi come Ascari o Fangio. Ogni pilota va giudicato nel suo tempo, e Lewis è indubbiamente un grande professionista che si è distinto tra tutti i piloti della sua generazione”.

Hai ribadito più volte di aver sognato sin da ragazzino di guidare una Ferrari. Quanto è diversa la realtà rispetto al sogno che hai avverato?
“Nel sogno tutto è sempre perfetto, tutto funziona come… nei sogni. Credo ancora nel mio sogno, credo ancora che funzionerà, anche se la realtà è sempre diversa, non ci sono ‘clic’ magici che fanno funzionare tutto miracolosamente”.

“Abbiamo avuto stagioni buone, disputato ottime gare, ma nel complesso non è stato e non è abbastanza. Non siamo stati vicini ai nostri avversari come volevamo, non abbiamo conquistato abbastanza punti e così via, perché il mondo reale è sempre più duro”.

“Ma ci tengo a sottolineate che sono contento della realtà che sto vivendo, come squadra stiamo progredendo e lo stiamo facendo nella giusta direzione. Sta a noi fare l'ultimo passo, quello step finale che abbiamo cercato di fare negli ultimi due-tre anni”.

“Non mi pento di nulla, perché sono ancora in quel sogno, so di guidare la monoposto più prestigiosa sulla griglia, e per me è ancora un grande onore. Poi sta a noi fare in modo che la monoposto più prestigiosa diventi anche la più veloce”.

Vedendo i progressi che la squadra ha fatto nel corso di quest’anno viene da credere che nel 2020 partirete da un’ottima base. Concordi con questa visione?
“La monoposto della prossima stagione sarà un'evoluzione della vettura attuale, e non potrebbe essere diversamente visto che i regolamenti sono gli stessi e le problematiche risolte quest’anno dovrebbero essere la garanzia di avere una vettura migliore sin dai primi passi. Mi aspetto un’ottimizzazione, ma anche la voglia di trovare più spazi in cui cercare ulteriori prestazioni”.

Ormai manca davvero poco all’ufficializzazione delle regole tecniche e sportive che daranno forma alla Formula 1 del 2021. Come la vedi?
“Abbiamo visto che la stabilità dei regolamenti tende ad avvicinare il gruppo di team che lotta per la vittoria, ma c’è chi potrebbe obiettare che questa tendenza è per i soli tre team che di fatto si contendono le vittorie, visto che il distacco con le squadre di metà classifica è sempre consistente”.

“Sarebbe molto bello avere un gruppo più numeroso di team in grado di puntare alla vittoria, ma sono anche convinto che con qualsiasi regolamento dovesse entrare in vigore, avremo sempre davanti i migliori team ed i migliori piloti”.

“Sarebbe affascinante avere un nutrito numero di squadre in grado di vincere, uno scenario che possa offrire anche a team di metà classifica di avere un weekend speciale in cui poter a puntare al podio, ma da quanto ne so al momento non è ancora del tutto definito ciò che vedremo nel 2021”.

Sei ottimista sulla possibilità che il futuro possa sposare questa linea?
“Non lo so. Spero che alla fine venga varato un progetto nel bene dello sport. Al di là del colore che si indossa, penso che la Formula 1 così com'è oggi sia troppo costosa, vengono spese cifre enormi per la ricerca di performance, e non sarebbe male se questo processo venisse semplificato”.

“Non è un passaggio semplice, perché c’è una linea sottile tra mantenere il DNA della Formula 1 e provare a compattare la performance dei team, non credo si voglia vedere una Formula 1 con monoposto e motori identici, perché non sarebbe Formula 1, ma come ho detto qualcosa deve essere fatto, altrimenti sarà molto difficile gestire il futuro e le sfide che attendono questo sport”.

I tuoi piani prevedono di finire la tua carriera in Formula 1 al volante di una Ferrari o c’è spazio per altre sfide?
“Non mi piace guardare troppo lontano. Forse le mie decisioni verranno prese dopo aver studiato bene le regole che saranno varate per il futuro e sicuramente il prossimo anno deciderò cosa fare”.

Scorrimento
Lista

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
1/40

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, secondo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, in conferenza stampa

Sebastian Vettel, Ferrari, secondo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, in conferenza stampa
2/40

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
3/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
4/40

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
5/40

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, and Sebastian Vettel, Ferrari, talk after Qualifying

Charles Leclerc, Ferrari, and Sebastian Vettel, Ferrari, talk after Qualifying
6/40

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, after Qualifying

Sebastian Vettel, Ferrari, after Qualifying
7/40

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
8/40

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, pit stop
9/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
10/40

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point e Sebastian Vettel, Ferrari, in conferenza stampa

Sergio Perez, Racing Point e Sebastian Vettel, Ferrari, in conferenza stampa
11/40

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
12/40

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90, sospensione anteriore

Ferrari SF90, sospensione anteriore
13/40

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
14/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, sull'erba

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, sull'erba
15/40

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, sull'erba

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, sull'erba
16/40

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
17/40

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari firma un autografo ad un fan

Sebastian Vettel, Ferrari firma un autografo ad un fan
18/40

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Sebastian Vettel, Ferrari e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
19/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia la pole nel parco chiuso

Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia la pole nel parco chiuso
20/40

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
21/40

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo

Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo
22/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il poleman Sebastian Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari, festeggiano nel parco chiuso

Il poleman Sebastian Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari, festeggiano nel parco chiuso
23/40

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Meccanici della Ferrari preparano l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in garage

Meccanici della Ferrari preparano l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in garage
24/40

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
25/40

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
26/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia l'arrivo al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia l'arrivo al Parc Ferme
27/40

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, primo classificato, al Parc Ferme

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, primo classificato, al Parc Ferme
28/40

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, secondo classificato, beve Champagne sul podio

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, secondo classificato, beve Champagne sul podio
29/40

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
30/40

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 pit stop
31/40

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia al Parc Ferme
32/40

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90, festeggia sull'arrivo al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90, festeggia sull'arrivo al Parc Ferme
33/40

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia con il trofeo

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia con il trofeo
34/40

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90 al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90 al Parc Ferme
35/40

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, con il suo trofeo

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, con il suo trofeo
36/40

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia con il suo team al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia con il suo team al Parc Ferme
37/40

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari e Max Verstappen, Red Bull Racing sul podio

Charles Leclerc, Ferrari, il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari e Max Verstappen, Red Bull Racing sul podio
38/40

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con il trofeo
39/40

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con lo champagne

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia sul podio con lo champagne
40/40

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Articolo successivo
Leclerc: "Ad Austin si corre in senso antiorario"

Articolo precedente

Leclerc: "Ad Austin si corre in senso antiorario"

Articolo successivo

Alfa Romeo: tre GP a secco di punti. Manca la spinta giusta?

Alfa Romeo: tre GP a secco di punti. Manca la spinta giusta?
Carica i commenti