Vettel deluso: "Aston Martin con problemi, ma ne usciremo"

Il tedesco è uscito con un risultato disastroso dal primi GP con l'Aston Martin: Sebastian è fiducioso sul potenziale della squadra. "Sono stati individuati una serie di problemi sulla macchina che non mi permettono di concentrarmi solo sulla guida. Sono sicuro che nei prossimi due GP vedremo cambiare la situazione per rilanciare la stagione 2021".

Vettel deluso: "Aston Martin con problemi, ma ne usciremo"

Il debutto di Sebastian Vettel con l’Aston Martin non poteva essere peggiore. Il quattro volte campione del mondo sembra caduto dalla padella alla… brace. Il tedesco era convinto di uscire dall’ultimo anno difficile con la Ferrari passando alla squadra di Silverstone, ma così non è stato, perché l’approccio con la AMR21 è stato più complicato del previsto.

Sulla monoposto che deriva dalla Mercedes W12 c’era una grande aspettativa e le prestazioni di Seb non sono state all’altezza delle attese: lo si era capito già nei test invernali che c’era qualcosa che non andava nel verso giusto. La “verdona” ha accusato diversi problemi già nei test collettivi: alla rottura di un cambio si sono aggiunti dei guai alla meccanica causati da imprevisti surriscaldamenti e a patirne è stato soprattutto Vettel.

Con una preparazione pre-campionato certamente lacunosa nella quale non ha trovato il feeling con la vettura curata da Andy Green, il pilota di Heppenheim non è andato oltre il 18esimo tempo nelle qualifiche del Bahrain. Non è uscito dalla Q1 e, per giunta, si è visto retrocedere all’ultimo posto della griglia perché non aveva osservato le doppie bandiere gialle nel suo ultimo run, per cui è stato punito dai commissari sportivi con 5 posizioni sulla griglia da scontare al via della gara.

Ci si aspettava una rimonta dal fondo, ma sebbene abbia fatto una buona partenza, Vettel durante la corsa ha dovuto lottare contro l’eccessivo degrado della gomma che è iniziato sulla sua monoposto prima che su altre.

E nella battaglia delle retrovie si è anche reso protagonista di un tamponamento ai danni dell’Alpine di Esteban Ocon, colpito in staccata nel posteriore, che gli è costato una penalità di 10 secondi grazie alla quale ha chiuso in un deludente 15esimo posto.

Vettel ha ammesso di non sentirsi ancora a suo agio con la nuova macchina, consapevole che ci sono molti problemi che il team deve risolvere...
"Probabilmente abbiamo vissuto il weekend che non ci saremmo aspettati, ma ci sono molte cose che abbiamo imparato in gara che dobbiamo affrontare - ha spiegato Seb - vedremo quanto velocemente sapremo porvi rimedio, ma non nascondo che in macchina ancora non mi sento cose fossi a casa”.

“Ci sono molte cose con le quali sto combattendo tanto da non potermi concentrare solo sulla guida. Prima dobbiamo affrontare i problemi trovare una soluzione”.

Sebastian ha chiarito che le difficoltà non dipendono da problemi di adattamento alla macchina, ma da guai che devono essere risolti…

Quando sarai al 100% delle tue possibilità?
“E’ difficile dirlo, perché adesso siamo a meno della metà. Ci sono problemi così grossi che mi impediscono di sentire la macchina per andare forte. Per ora mi sono adeguato al modo in cui la macchina vuole essere guidata, ma ovviamente non è così che si può dare il meglio".

Nonostante le difficoltà iniziali, Vettel ha detto di sentirsi bene nel suo nuovo ambiente ed è ottimista sul futuro dell’Aston Martin...
"Sì, mi trovo bene in squadra. Ovviamente, mi dispiace per il primo weekend di gara così così brutto, ma so quanta preparazione ci voglia prima dell'inizio di una stagione. In Bahrain abbiamo capito molte cose e cercheremo di lavorare sodo per riportarci dove vorremmo essere: penso che le prossime due gare saranno molto utili per calmare le acque".

condividi
commenti
Mercedes: la Realtà Aumentata cambierà il modo di lavorare in F1
Articolo precedente

Mercedes: la Realtà Aumentata cambierà il modo di lavorare in F1

Articolo successivo

Hakkinen: perché si chiama "finlandese volante"?

Hakkinen: perché si chiama "finlandese volante"?
Carica i commenti