Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera
Intervista
Formula 1 GP del Canada

F1 | Verstappen: "Gara folle, ma abbiamo gestito in modo perfetto"

Max Verstappen aggiunge un altro trionfo sul tabellino di questa stagione, grazie a una gara folle in cui è riuscito a sfruttare al meglio determinate situazioni per conquistare la testa della corsa e portare la sua RB20 davanti a tutti sul traguardo. Un'altra prova di forza per l'olandese, che ha sottolineato anche i meriti del team.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20

Dopo una battuta d’arresto a Monte Carlo, Max Verstappen torna in grande stile sul gradino più alto del podio vincendo anche in Canada. In una gara dove non sono mancate le emozioni e gli episodi, data la pioggia caduta prima e durante la corsa, l’olandese ha commesso un solo vero errore, con un lungo in curva due che ha dato modo a Lando Norris di avvicinarsi nella prima parte del GP, trovando poi quel sorpasso che aveva portato il britannico nelle condizioni di sorpassare non solo l’olandese, ma anche George Russell al comando.

Il momento decisivo è però arrivato nel momento dell’uscita della Safety Car, quando McLaren non è riuscita a richiamare in tempo Lando Norris per il pit. L’indicazione dell’uscita della vettura di sicurezza è infatti arrivata proprio pochi istanti prima che l’inglese sorpassasse l’ultimo cartello luminoso della FIA prima della pit lane, per cui il tempo di reazione sarebbe stato comunque minimo.

Al contrario, chi si trovava alle sue spalle è subito riuscito a fermarsi rientrando ai box, potendo così montare un altro set di gomme intermedie in vista del ritorno della pioggia atteso da lì a pochi minuti. Anche Norris è poi riuscito a rientrare, ma solo un giro dopo ai propri avversari: quel giro in più è stato fatale, perché il pilota della McLaren è scivolato dal primo al terzo posto, dietro anche alla Mercedes di Russell.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20, George Russell, Mercedes F1 W15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20, George Russell, Mercedes F1 W15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Da quel momento in poi, Verstappen ha mantenuto il comando, gestendo in maniera egregia anche il momento del passaggio sulle slick, uno degli episodi più delicati della gara. Essendo in testa, Red Bull chiaramente non ha corso rischi, decidendo di rimanere fuori fino ad avere riscontri concreti in merito al funzionamento della gomma d’asciutto. Mentre Norris è rimasto fuori per tentare qualcosa di diverso, Verstappen ha effettuato il cambio di pneumatici passando alla media, mescola sì più prestazionale, ma anche più soggetta al rischio graining rispetto alla hard.

La buona gestione della media, anche nel momento della ripartenza dopo la Safety Car per l’incidente di Carlos Sainz e Alex Albon, è stata la chiave che ha permesso a Verstappen di centrare un’altra vittoria, tenendo sempre a distanza i rivali alle sue spalle, spesso impegnati nel duellare tra loro.

“È stata una gara pazza. Sono successe tante cose, abbiamo dovuto gestire bene le chiamate ai box. Il team ha fatto un ottimo lavoro oggi, abbiamo mantenuto la calma, ci siamo fermati al momento giusto. Poi anche la Safety Car è entrata nel momento giusto per noi, ma anche dopo ciò abbiamo gestito bene la situazione. È stata una gara divertente, una di quelle di cui hai bisogno ogni tanto. In momenti differenti della gara Mercedes e McLaren sono state grandi rivali”

Durante la corsa, l’olandese ha parlato anche di un potenziale problema alla sospensione, ma dopo la gara il tre volte campione del mondo ha spiegato che all’interno del team sono consapevoli di cosa si trattasse: “Non era un grande problema, sapevamo cosa fosse. La cosa più importante è che abbiamo vinto e che c’è ancora margine per migliorare”, ha raccontato Verstappen.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Leclerc: "Cambiamo motori spesso, non è un buonissimo segno"
Articolo successivo F1 | Vasseur: "Ci siamo danneggiati da soli con diversi problemi"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera