F1: tre gare consecutive potrebbero essere riproposte in futuro, ma solo in GP fuori dall'Europa

condividi
commenti
F1: tre gare consecutive potrebbero essere riproposte in futuro, ma solo in GP fuori dall'Europa
Jonathan Noble
Di: Jonathan Noble
27 set 2018, 08:54

Steve Nielsen, direttore sportivo grand prix, afferma che i back-to-back-to-back sono difficili da proporre di nuovo in Europea a causa della logistica, mentre in gare intercontinentali sarebbe un'operazione fattibile.

In questa stagione il Mondiale di Formula 1 è stato protagonista di un "back-to-back-to-back", ovvero tre gare in altrettanti fine settimana consecutivi avvenuto tra il GP di Francia e il GP di Gran Bretagna, con in mezzo il GP d'Austria.

Il tris di gare ha funzionato, ma il personale dei team ha fatto sapere di essere stata insoddisfatta di questa soluzione a causa dell'intensità degli eventi e, di conseguenza, del poco tempo per recuperare energie necessarie per svolgere al meglio il proprio lavoro.

Per questo motivo la F1 eviterà di riproporre tre fine settimana di gara consecutivi nella prossima stagione, ma Steve Nielsen - direttore sportivo Grand Prix Racing - ha affermato che in futuro questa soluzione potrà essere utilizzata nuovamente, però in maniera differente.

"Penso che quello che questa stagione ci ha insegnato sia che, qualora dovessimo ripetere la soluzione di tre gare in tre fine settimana consecutivi, non lo faremmo alla leggera. Sarebbe certamente studiato meglio e non fatto negli eventi europei".

"In Europa i team hanno grandi hospitality, sono cose uniche, ma costruirle e smontarle è una cosa enormemente dispendiosa in termini di tempo e di risorse umane. Quindi se dovessimo fare un trittico di gare consecutive lo faremmo nelle gare fuori dall'Europa".

Nielsen ha spiegato che, seppure le distanze percorse per disputare gare al di fuori dal Vecchio Continente siano più grandi, queste sono anche più comode dal punto di vista della gestione logistica rispetto agli eventi europei.

"Mentre i back-to-back-europei sembrano probabilmente più semplici, sono molto più complessi di quelli che potrebbero essere fatti fuori dall'Europa. Il back-to-back europeo prevede la costruzione di hospitality, il loro smontaggio, flotte di camion in ogni sorta di movimento. In Europa la F1 richiede quasi 300 camion. Una trasferta europea è molto più complessa di una intercontinentale".

"Nelle trasferte intercontinentali le distanze sono ovviamente di gran lunga maggiori, ma in pratica fai le valigie e metti tutto nei medesimi aerei. La F1 organizza i trasporti di tutti i team ed è un processo molto efficiente, il modo in cui si muove tutta l'attrezzatura è molto più efficiente rispetto a una gara europea".

"Se dovessi scegliere una cosa per cui la F1 è la migliore, per ironia della sorte direi le tratte per le gare intercontinentali, perché sono più facili in termini d'organizzazione della logistica".

Prossimo articolo Formula 1
Simulazione GP di Russia: sulla curva più lunga del mondiale ci sono 3g per 6 secondi!

Articolo precedente

Simulazione GP di Russia: sulla curva più lunga del mondiale ci sono 3g per 6 secondi!

Articolo successivo

Statistiche F1: Mercedes in calo, ma la crescita Ferrari non basta. Delude Red Bull

Statistiche F1: Mercedes in calo, ma la crescita Ferrari non basta. Delude Red Bull
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble
Tipo di articolo Ultime notizie