Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
27 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
99 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Track limit: 125 tempi cancellati. Cosa succederà in gara?

Il collegio dei commissari sportivi ha annullato i tempi di tutti i giri nei quali i piloti hanno superato i limiti della pista alla Curva 1 e alla Curva 4 e sono fioccati provvedimenti a raffica. Ma cosa succederà domani in qualifica e, soprattutto, in gara nelle curve che sono cieche? I piloti ne vogliono parlare durante il briefing...

condividi
commenti
Track limit: 125 tempi cancellati. Cosa succederà in gara?

Centoventicinque tempi cancellati in due ore e mezza di attività in pista. Un numero che dice molto sui track limit posti all’uscita di curva 1 e curva 4 del circuito di Algarve e che darà il via ad un confronto nel briefing dei piloti in corso stasera.

Il meccanismo è semplice: due sensori affogati nell’asfalto segnalano ogni passaggio di una monoposto oltre la linea definita come ‘invalicabile’ e scatta la sanzione, ovvero tempo cancellato.

In alcuni casi il sistema di controllo è necessario per mettere un limite alle traiettorie eccessivamente esterne che possono innescare problemi di sicurezza, ma quando si viaggia alla media di cinquanta provvedimenti per ora (come oggi a Portimao) forse è il caso che anche il collegio dei commissari sportivi faccia una riflessione, soprattutto in vista delle qualifiche di domani.

I piloti dopo la sessione FP2 non hanno rilasciato dichiarazioni particolari in merito alla faccenda, preferendo probabilmente affrontare l’argomento nel loro briefing, ma i team-radio di alcuni di loro sono stati molto esplicativi.

Romain Grosjean non ha nascosto i suoi dubbi, così come Pierre Gasly, mentre Max Verstappen ha avuto bisogno di un ripasso da parte del suo ingegnere su cosa è permesso fare e cosa no.

Ma più che i provvedimenti presi nelle due sessioni di prove completate oggi (nelle prove libere l’unica sanzione è la cancellazione del tempo) a preoccupare è soprattutto cosa potrà accadere in qualifica ed in gara.

Nel primo caso la cancellazione del tempo diventa cruciale, mentre in corsa dopo tre avvertimenti si rischia di incappare nella bandiera ‘bianco nera’ come ultimo avvertimento prima della temuta bandiera nera che comporta l’esclusione dalla gara.

Bottas detta il passo, Hamilton si perde e la Ferrari si ritrova

Articolo precedente

Bottas detta il passo, Hamilton si perde e la Ferrari si ritrova

Articolo successivo

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP del Portogallo

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP del Portogallo
Carica i commenti