Sainz: "Meglio sbattere nei test che in gara!"

Lo spagnolo conclude sesto con la Toro Rosso: la squadra faentina soddisfatta dell'addibilità

Sainz:

La Toro Rosso chiude la seconda sessione di test collettivi che si è svolta a Barcellona con il sesto tempo conseguito da Carlos Sainz. Lo spagnolo è stato costretto a interrompere il lavoro anticipatamente dopo l’incidente dalla curva 3 nel corso del pomeriggio. Lo spagnolo ha commesso un errore nel punto del tracciato più difficile ed è stato portato anche al Centro Medico solo per dei controlli, perché è uscito illeso dal crash.

“È stata una giornata positiva fino all’uscita di pista – ammette Carlos Sainz – sono consapevole che abbiamo fatto un grosso passo avanti dal secondo giorno di test a oggi. Questa mattina il vento molto teso ha reso difficile il controllo della monoposto, ma la macchina si è comportata bene, mentre nel pomeriggio ho commesso un errore alla curva 3, che non è certo il posto migliore per farlo, perché le barriere sono piuttosto vicine. Ma preferisco sbattere nei test piuttosto che alla prima gara. Adesso volto pagina e mi dedico ai test dalla prossima settimana: finalmente mi sono sentito a mio agio in macchina”.

La STR10 in questo 2015 ha già totalizzato 3.479 km nelle due sessioni, segno che la monoposto motorizzata Renault ha trovato una buona affidabilità. Il team principal, Franz Tost, analizza la situazione…
"Purtroppo abbiamo dovuto terminare il test in anticipo oggi: siamo ancora impegnati per capire cosa abbia causato l’uscita di Carlos; tuttavia, è giusto evidenziare che il forte vento a raffiche ha reso difficile il lavoro in pista e anche altre monoposto sono uscite di pista”.

Il manager austriaco è soddisfatto dei dati raccolti…
“Tutto sommato, sono stati quattro giorni di test positivi per noi. Abbiamo capitalizzato quello che avevamo imparato a Jerez due settimane fa, per cui siamo riusciti a migliorare le prestazioni della monoposto. Ancora una volta siamo riusciti a completare molti giri senza subire grossi problemi di affidabilità, raggiungendo un chilometraggio importante con entrambi i piloti. In totale abbiamo coperto 3.479 km in 8 giorni di test, offrendo a Max e Carlos la possibilità di adattarsi alla macchina e alle diverse procedure. È stata positiva anche la simulazione di un weekend di gara. Entrambi i piloti hanno dimostrato di essere essi degli allievi veloci, mostrando coerenza e maturità. Max ha percorso 1.794 km e Carlos 1.684 km. Non potevamo sperare di meglio".

La prossima settimana tornerete a girare a Barcellona…
"E’ difficile valutare la nostra prestazione e quella delle altre squadre, perché le temperature erano troppo basse. Personalmente, non mi piacciono i test di febbraio in Europa, in quanto non si possono valutare tutti gli aspetti tecnici per preparare bene l'inizio della stagione. Il test dello scorso anno in Bahrein era stato più utile. La prossima settimana qui a Barcellona introdurremo una serie di novità aerodinamiche sulla vettura”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Carlos Sainz Jr.
Articolo di tipo Ultime notizie