McLaren-Honda: Alonso lancia segnali di... fumo

McLaren-Honda: Alonso lancia segnali di... fumo

La MP4-30 è stata costretta ai box, ma non era un cedimento della power unit giapponese

Gli allibratori inglesi non hanno acettato scomesse su Fernando Alonso: per loro era dato per scontato che il motore Honda della McLaren MP4-30 non sarebbe durato a lungo.

Quando lo spagnolo è rientrato ai box con una vistosa fumata dallo scarico del 6 cilindri turbo era parso chiaro a tutti che potesse essere una rottura di motore, per altro profetizzata da Arai ieri. E, invece, i segnali di... fumo di Fernando sono stati male interpretati perché dopo una sosta al box la monoposto di Woking ha potuto riprendere la pista.

Non solo, ma l'iberico si è anche arrampicato al secondo tempo di giornata, cogliendo un 1'26"741 con le gomme Pirelli Hard Winter che rivela un certo potenziale finora inespresso. E i gufi sono rimasti con un palmo di naso...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso
Articolo di tipo Ultime notizie