Sutil: "Credo di aver fatto la mia parte"

Il tedesco comunque non si sbilancia sulle sue possibilità di ottenere il volante della Force India

Sutil:
E' stato un ritorno impegnativo quello di Adrian Sutil. Dopo oltre un anno di assenza dal Circus, il tedesco oggi è sceso in pista a Barcellona, mettendo insieme ben 78 giri con la Force India ed effettuando anche un buon carico di lavoro di sviluppo sulla VJM06. Per lui alla fine c'è stato l'ottavo tempo, distanziato praticamente di un secondo esatto da Fernando Alonso, ma oggi non era il cronometro a contare, quanto la possibilità di dimostrare al team di non aver perso lo smalto di un tempo, visto che c'è ancora in ballo la possibilità di ottenere un volante, ma che c'è anche da battere la concorrenza di Jules Bianchi. Parlando con i giornalisti al termine della giornata, Adrian ha detto di non sapere chi è in vantaggio tra lui ed il francese: "Ho passato sei anni in questa squadra, quindi conoscono già il mio potenziale. Anche se è ovvio che oggi fosse importante dimostrare che posso essere ancora veloce. In questo momento non so chi ha le chance migliori tra me e lui, ma ho dato tutto quello che avevo per provare a tornare: ora tocca alla squadra decidere". Una cosa però è certa: oggi ha dato il massimo. Dunque, non avrà rimpianti in qualsiasi modo andrà a finire, anche perchè sa che non dipenderà solo dal talento: "Mi pare scontato che dipenda anche da qualcosa di diverso dal talento, altrimenti credo che la squadra avrebbe già annunciato il nome del pilota da tempo. Ora però il tempo stringe, perchè tra tre settimane si corre a Melbourne. Per me comunque la cosa più importante era fare una bella prestazione qui e credo di aver fatto la mia parte. Posso dormire senza rimpianti".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Adrian Sutil
Articolo di tipo Ultime notizie