F1 | Test Abu Dhabi: Pirelli introduce una nuova mescola

La giornata di test post stagionali di Abu Dhabi sarà fondamentale per Pirelli che porterà in pista una nuova mescola che si andrà a collocare tre le attuali C1 e C2.

F1 | Test Abu Dhabi: Pirelli introduce una nuova mescola

Il test di Abu Dhabi di martedì sarà cruciale sia per i team di Formula 1 che per Pirelli, in quanto gli pneumatici definitivi per il 2023 saranno sottoposti alla prima prova completa in pista.

La sessione sarà anche il primo test vero e proprio di una nuova mescola dura che si andrà a collocare tra le attuali C1 e C2. Tutte e 10 le scuderie potranno schierare due vetture a testa, una per i piloti titolari e una riservata ai piloti esordienti che hanno disputato meno di due gare.

Verranno utilizzati solo gli pneumatici 2023, il che significa che i rookie dovranno svolgere un ruolo importante.

Le squadre hanno partecipato alle prove con pneumatici 2023 sia nelle FP2 ad Austin che a Città del Messico. Tuttavia, queste sessioni erano "alla cieca" e mentre alcuni piloti hanno utilizzato gli stessi pneumatici che saranno usati ad Abu Dhabi, altri hanno usato versioni sperimentali che non sono state selezionate per il test.

Per Abu Dhabi gli pneumatici saranno preparati come concordato con i team e la FIA per il 2023, con due ore di preriscaldamento a 70°.

La ripartizione degli pneumatici tra i piloti titolari e i debuttanti è diversa, con i primi che riceveranno più set e quindi avranno potenzialmente un chilometraggio maggiore nel corso della giornata. Le assegnazioni sono le seguenti:

Piloti titolari - 10 set: 1 C1, 1 C2, 3 C3, 3 C4, 2 C5.

Piloti esordienti - 8 set: 2 C3, 4 C4, 2 C5.

Pneumatici e cerchi McLaren Pirelli

Pneumatici e cerchi McLaren Pirelli

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

"La ripartizione è stata decisa insieme alla FIA", ha dichiarato l'ingegnere capo della Pirelli Simone Berra interpellato da Motorsport.com in merito alle scelte. "Quindi porteremo solo un set della gamma più dura, C1 e C2, e alcuni set di C3, C4 e C5, ovviamente, perché sono più adatti a questo circuito”.

"L'idea è che i giovani piloti possano lavorare di più sulla gamma più morbida e aumentare la loro confidenza con la vettura".

Per il 2023 le cinque mescole slick esistenti sono invariate rispetto a quest'anno, mentre la novità principale della prossima stagione riguarda la costruzione.

"La specifica 2023 è diversa in termini di struttura sia sull'asse anteriore che su quello posteriore, soprattutto sull'anteriore", ha detto Berra. "Abbiamo lavorato molto sulla struttura per migliorare l'integrità dell'assale anteriore e per diminuire un po' le prescrizioni di pressione dell'assale anteriore rispetto a quelle attuali".

Berra ha confermato che nel 2023 ci sarà una sesta mescola in più, con l'attuale C1 che diventerà C0 e una nuova C1 introdotta per colmare il vuoto percepito tra le attuali C1 e C2. Il nuovo pneumatico è stato provato da alcuni piloti ad Austin.

"Abbiamo una nuova versione della C1 che quindi non sarà  più l'attuale C1, ma un nuovo pneumatico che dovrebbe fornire maggiore aderenza rispetto al vecchio. Abbiamo ricevuto dei feedback sul fatto che la C1 mancasse un po' di grip”.

"L'attuale C1 diventerà per il prossimo anno la C0. Quindi, l'anno prossimo avremo sei mescole, la C0 che è l'attuale C1, la nuova C1, e poi le altre che rimarranno invariate sulla nuova struttura. La C0 sarà utilizzata nei circuiti più stressanti, che probabilmente saranno Silverstone, Suzuka e Qatar".

Pneumatici Pirelli

Pneumatici Pirelli

Photo by: Carl Bingham / Motorsport Images

Riguardo alla decisione di passare al riscaldamento a 70° C rispetto ai 50° previsti, Berra ha dichiarato: "Ci siamo concentrati molto sulla struttura, perché era l'obiettivo principale dello sviluppo di quest'anno. Non abbiamo sviluppato molte mescole diverse e quindi non abbiamo raggiunto l'obiettivo dei 50 gradi”.

"Chiedendo ai piloti il loro feedback, chiedendo alla FIA quale fosse il risparmio in termini di consumo di energia, si è deciso che la soluzione migliore fosse quella di mantenere i 70 gradi".

Pirelli farà anche alcune prove con le vetture 2022 in inverno, prima che le macchine 2023 siano pronte.

L'attenzione si concentrerà sulle gomme rain al Paul Ricard e a Fiorano, mentre il lavoro sulle slick - per il 2024 - sarà svolto a Portimao. Finora è stata confermata la partecipazione di Ferrari, Aston Martin e AlphaTauri, mentre la Mercedes si è detta interessata a dare una mano.

"Ci saranno alcuni test, ma non con tutte le squadre", ha detto Berra. "Abbiamo chiesto loro la disponibilità e alcuni di loro hanno risposto positivamente”.

"Lavoreremo soprattutto sulle intermedie e sulle wet, perché per noi è il periodo migliore dei test a temperature fredde e in condizioni rappresentative. E poi faremo un paio di test sulle gomme slick per le nuove specifiche del 2024".

Leggi anche:
condividi
commenti
F1 | Hulkenberg svela: "Ecco com'è nato il mio ritorno"
Articolo precedente

F1 | Hulkenberg svela: "Ecco com'è nato il mio ritorno"

Articolo successivo

F1 | Alonso: "Motore KO? Sulla macchina #14 succede sempre"

F1 | Alonso: "Motore KO? Sulla macchina #14 succede sempre"