F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: ricompare a Spa l'ala posteriore scarica di Baku

Gli aerodinamici di Milton Keynes hanno portato in verificaa Spa la stessa ala posteriore vista in occasione del GP dell'Azerbaijan: profilo principale a cucchiaio e flap mobile tagliato nelle porzioni più vicine alla paratia laterale per ridurre la resistenza all'avanzamento della RB16B e cercare buone velocità massime sul rettilineo del Kemmel. L'AlphaTauri segue lo stesso concetto, ma con soiluzioni molto meno estreme.

Red Bull: ricompare a Spa l'ala posteriore scarica di Baku

La Red Bull è pronta a prendere dei rischi a Spa-Francorchamps: la squadra di Milton Keynes per il GP del Belgio ha portato in verifica la stessa ala posteriore vista a Baku in occasione delle prove libere del GP dell’Azerbaijan ma che poi non era stata usata in gara.

Nell’immagine di Giorgio Piola possiamo osservare la soluzione che gli aerodinamici diretti da Dan Fallows hanno portato nelle Ardenne: oltre al profilo principale caratterizzato da un accentuato disegno a cucchiaio, si nota anche il flap mobile che ha una corda più corta in prossimità della paratia laterale.

Red Bull RB16B confronto ala posteriore standard e quella con il flap mobile tagliato

Red Bull RB16B confronto ala posteriore standard e quella con il flap mobile tagliato

Photo by: Giorgio Piola

L’intenzione è quanto mai chiara: puntare alla massima efficienza aerodinamica per cercare più alte velocità massime sui rettilinei, contando sul fatto che il necessario carico aerodinamico verrà generato dal corpo vettura.

La RB16B deve contrastare la crescita della Mercedes W12 registrata da Silverstone in poi, quando ha fatto il suo debutto il nuovo pacchetto che comprende un fondo privo di conchiglie che ha permesso di trovare quell’equilibrio aerodinamico che era sempre mancato alla freccia nera.

Anche la paratia laterale dell’ala posteriore della Red Bull è completamente liscia senza frange, soffiaggi e generatori di vortice.

AlphaTauri AT02, dettaglio dell'ala posteriore per Spa

AlphaTauri AT02, dettaglio dell'ala posteriore per Spa

Photo by: Giorgio Piola

In AlphaTauri, invece, hanno deliberato soluzioni meno estreme, per quanto in linea con la tendenza dei “cugini” inglesi: il profilo principale dell’ala posteriore è quasi piatto con un bordo d’entrata leggermente rialzato al centro.

Il flap mobile è a corda lunga e, sebbene, mostri una ridotta incidenza, evidenzia la presenza di un vistoso nolder, utile a garantire una buona spinta verticale nelle curve più lente come la Source.

condividi
commenti
Hamilton: "Adesso la battaglia sarà ancora più dura"
Articolo precedente

Hamilton: "Adesso la battaglia sarà ancora più dura"

Articolo successivo

Vettel: "Non so dov'è finita la coppa da dare a Lewis"

Vettel: "Non so dov'è finita la coppa da dare a Lewis"
Carica i commenti