F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: la RB16B cambia nell'area delle... veneziane

La squadra di MIlton Keynes continua a spingere nello sviluppo della RB16B: a Portimao sono state portate importanti modifiche nell'area fra le bargeboard e i deviatori di flusso, modificando sensibilmente l'andamento dell'aria nel tentativo di recuperare la downforce perduta con il taglio del fondo.

Red Bull: la RB16B cambia nell'area delle... veneziane

La Red Bull continua a sfornare importanti novità aerodinamiche sulla RB16B, segno che la monoposto è in piena fase di sviluppo. Ieri abbiamo osservato le modifiche alle prese dei freni anteriori, ma ci sono anche succulente soluzioni aerodinamiche.

Adrian Newey a Portimao per il GP del Portogallo ha portato nuovi deviatori di flusso ai lati della bocca delle pance e ha introdotto delle modifiche al bordo d’uscita del fondo per trarre il massimo vantaggio aerodinamico in un’area della monoposto cruciale, chiamata a distribuire i flussi in modo tale da recuperare la downforce perduta con il taglio del pavimento.

In Algarve è cambiata l’estensione che collega il bargeboard al candelabro verticale: il vorticatore posto a sostegno delle “veneziane” ha ora una corda molto più corta e una maggiore svergolatura, con un soffiaggio verticale a tutta altezza.

Red Bull Racing RB16B, dettaglio del nuovo bargeboard e del deviatore di flusso modificato

Red Bull Racing RB16B, dettaglio del nuovo bargeboard e del deviatore di flusso modificato

Photo by: Giorgio Piola

Red Bull Racing RB16B, dettaglio del bargeboard visto a Imola

Red Bull Racing RB16B, dettaglio del bargeboard visto a Imola

Photo by: Giorgio Piola

La “tapparella” di convogliatori di flusso è più estesa e si nota una diversa disposizione degli elementi sopra al pavimento, con la comparsa di una paratia verticale che supporta due flap arcuati che hanno la funzione di spingere l’aria all’esterno della ruota posteriore.

Anche il candelabro che superiormente si collega al cono antintrusione con forma alare, al piede ha assunto una forma a punta cambiando sensibilmente l’andamento dei flussi, vista la comparsa di un elemento orizzontale in più della tapparella.

I due soffiaggi che sovrastano il bordo d'uscita del fondo sono stati prolungati fino al deviatore di flusso posto a meta lunghezza del pavimento, mentre c'è anche una modifica al diffusore: la parte centrale dell'estrattore ha un gomito che si stringe di più rispetto alla versione vista a Imola.

Red Bull Racing RB16B, dettaglio del diffusore più stretto nella zona centrale

Red Bull Racing RB16B, dettaglio del diffusore più stretto nella zona centrale

Photo by: Giorgio Piola

Questi interventi sono il frutto dell’evoluzione dei concetti aerodinamici e non rappresentano certo solo un adattamento della RB16B alle caratteristiche del tracciato portoghese e dei suoi saliscendi. La Red Bull ha fatto sapere tramite Helmut Marko che non ha alcuna intenzione di interrompere la crescita della sua monoposto per trasferire l’attenzione dei tecnici sulla F1 2022.

A Milton Keynes si sentono di nuovo nella lotta per il mondiale e non vogliono perdere la grande occasione di interrompere la supremazia Mercedes, magari costringendo la squadra di Brackley a inseguirli negli sviluppi, obbligandoli ad allungare il periodo destinato a realizzare parti nuove per la W12, quando, invece, gli ingegneri di James Allison avrebbero preferito trasferire tutte le attenzioni alla vettura a effetto suolo del prossimo anno.

condividi
commenti
Qualifying Race: ai piloti l'esperimento piace

Articolo precedente

Qualifying Race: ai piloti l'esperimento piace

Articolo successivo

LIVE Formula 1, Gran Premio del Portogallo: Libere 1

LIVE Formula 1, Gran Premio del Portogallo: Libere 1
Carica i commenti