Formula 1
25 set
FP3 in
11 Ore
:
18 Minuti
:
47 Secondi
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
13 giorni
G
GP del Portogallo
23 ott
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP di Turchia
13 nov
Prossimo evento tra
48 giorni
04 dic
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP di Abu Dhabi
11 dic
FP1 in
76 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: il flap mobile è quasi piatto!

condividi
commenti
Red Bull: il flap mobile è quasi piatto!
Di:
Co-autore: Giorgio Piola

La squadra di Milton Keynes cerca la massima velocità sui rettilinei avendo scaricato molto l'ala posteriore: sulla RB16 è stato montato il profilo principale a cucchiaio già visto a Spa, ma è stato accoppiato a un flap mobile a incidenza minima. Modifica anche al diffusore posteriore, mentre sulla macchina di Albon si rivede il muso con i piloni stretti.

La Red Bull vuole stupire a Monza: la squadra di Milton Keynes si è presentata nel “tempio della velocità” con una configurazione aerodinamica particolarmente scarica al posteriore della RB16.

Red Bull Racing RB16, dettaglio dell'ala posteriore molto scarica di Monza

Red Bull Racing RB16, dettaglio dell'ala posteriore molto scarica di Monza

Photo by: Giorgio Piola

È stato mantenuto il profilo principale di Spa, quello per l’asciutto a cucchiaio, mentre il flap mobile è una sorta di secondo elemento principale che un’incidenza davvero minima e una corda più corta per ridurre sia il carico aerodinamico che la resistenza all’avanzamento.

L’immagine di Giorgio Piola ci rivela il coraggio della Red Bull che conta di trovare la necessaria spinta verticale grazie al corpo vettura della RB16 che sfrutta l’assetto Rake per sollevare il retrotreno nel lento e abbassare la monoposto nel veloce in modo tale da avere la migliore penetrazione dell’aria.

Red Bull Racing RB 16, ecco il ricciolo apparso al diffusore posteriore

Red Bull Racing RB 16, ecco il ricciolo apparso al diffusore posteriore

Photo by: Giorgio Piola

Fra le novità di Monza c'è anche una modifica al diffusore posteriore che adotta una sorta di ricciolo nel bordo più esterno per modificare l'andamento della scia che sullo Stradale ha una funzione molto importante.

Sulla monoposto di Alexander Albon è ricomparso il muso con i piloni stretti che finora è stato bocciato dopo le prove libere nei GP in cui è stato provato: è il segno che lo staff di Adrian Newey non se la sente di accantonarlo, nella convinzione che possa dare dei vantaggi che, al momento, non si sono visti in pista.

Red Bull Racing RB 16, dettagliodel muso con i piloni stretti montato sulla RB16 di Albon

Red Bull Racing RB 16, dettagliodel muso con i piloni stretti montato sulla RB16 di Albon

Photo by: Giorgio Piola

 

LIVE Formula 1, Gran Premio d'Italia: Libere 1

Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio d'Italia: Libere 1

Articolo successivo

F1, Monza, Libere 1: Bottas presenta la Mercedes

F1, Monza, Libere 1: Bottas presenta la Mercedes
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Italia
Piloti Max Verstappen , Alexander Albon
Team Red Bull Racing
Autore Franco Nugnes