Mercedes: ecco come è stato modificato il brake magic

La squadra di Brackley è intervenuta sul volante-computer per proteggere il brake magic, vale a dire il pulsante posto dietro al volante che sulla W12 serve ad attivare una funzione che permette di scaldare le gomme spostando la ripartizione di frenata sull'anteriore al 90%. Ora il bottone è leggermente incavato per cui non può essere azionato in modo accidentale come è successo a Lewis a Baku.

Mercedes: ecco come è stato modificato il brake magic

La Mercedes ha deciso di intervenire sul brake magic, l’ormai famoso pulsante che è costato almeno un podio a Lewis Hamilton nel GP dell’Azerbaijan, al via del mini-GP di due giri che ha concluso su la gara di Baku dopo il crash di Max Verstappen per il cedimento della gomma posteriore sinistra.

Come si ricorderà, la squadra di Brackley dispone di un bottone collocato nel retro del volante-computer grazie al quale il pilota può trasferire la ripartizione di frenata al 90% sull’asse anteriore, mentre nel retrotreno agisce la MGU-K, il motore elettrico che raccoglie l’energia cinetica in fase di rilascio.

L’azione combinata di queste due funzioni permette alla Mercedes W12 di mandare in temperatura le gomme prima di un giro lanciato o di una ripartenza come nel caso azero.

Per azionare la mappatura Hamilton e Bottas sono chiamati a schiacciare questo pulsante e una volta in griglia lo devono disattivare per dare il via alla procedura di partenza.

Lewis, invece, subito dopo l’ottimo start al fianco di Sergio Perez, difendendosi dalla Red Bull del messicano, ha inavvertitamente toccato il brake magic e alla prima staccata è finito lungo nella via di fuga dopo un vistoso bloccaggio anteriore.

Per evitare il ripetersi di una situazione che a Hamilton è costata almeno 18 punti (ma sarebbero potuti essere anche 25!), la Mercedes ha deciso di proteggere il brake magic: come ci mostra il disegno di Giorgio Piola, i tecnici di James Allison sono intervenuti modificando il bottone che non è più sporgente dalla corona del volante, ma è leggermente incassato.

Il pilota, quindi, non è più in grado di attivare il brake magic accidentalmente, ma ora lo deve volutamente schiacciare. Non è escluso che questo pulsante possa essere ricollocato in futuro, anche se non è facile trovare un’altra posizione essendo il volante già pieno di manettini, levette e interruttori.

condividi
commenti
Todt contro la Qualifying Sprint: "La F1 non ne ha bisogno"
Articolo precedente

Todt contro la Qualifying Sprint: "La F1 non ne ha bisogno"

Articolo successivo

Strategie F1: la pioggia variabile impazzita, altrimenti un pit stop

Strategie F1: la pioggia variabile impazzita, altrimenti un pit stop
Carica i commenti