F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: una modifica al muso con un diverso cape

La squadra del Cavallino prosegue lo sviluppo della SF21: in Portogallo dovrebbe debuttare un nuovo cape che potrebbe essere utile a bilanciare la monoposto con un maggiore carico grazie al fondo a Z che ha debuttato a Imola e che era atteso, invece, a Portimao.

Ferrari: una modifica al muso con un diverso cape

La Ferrari prosegue lo sviluppo della SF21: a Imola ha debuttato il fondo con il bordo d’uscita a Z che era atteso in Portogallo, ma che, invece, è stato anticipato in Emilia Romagna nello scorso appuntamento, sfruttando la vicinanza dell’Enzo e Dino Ferrari a casa, mentre in Algarve dovrebbe fare la sua prima uscita un cape del muso di disegno diverso.

La modifica studiata dagli aerodinamici diretti da David Sanchez è finalizzata a bilanciare la monoposto orientando in modo diverso i flussi verso i bargeboard e il fondo, dopo che si è cercato l’aumento di carico nel retrotreno con il fondo apparso in Riva al Santerno.

La squadra del Cavallino è sodisfatta per il fatto che la monoposto di quest’anno reagisce molto bene alle modifiche a differenza della SF1000 della scorsa stagione che era piuttosto “sorda” alle novità.

La modifica al muso che coinvolge il cape si riconosce dal diverso taglio nella parte finale del mantello con il pavimento che assume una forma a L, facilmente confrontabile con la versione precedente, sotto, che aveva un marciapiede più stretto nella sezione finale.

Ferrari SF21, dettaglio del muso di Imola

Ferrari SF21, dettaglio del muso di Imola

Photo by: Giorgio Piola

La soluzione verrà provata domani sulla monoposto di Carlos Sainz: è molto probabile che nelle prove libere si effettuino dei test comparativi per valutare l’impatto della novità.

condividi
commenti
Russell: "A Imola ho fatto una brutta figura. Mi sono scusato"

Articolo precedente

Russell: "A Imola ho fatto una brutta figura. Mi sono scusato"

Articolo successivo

Leclerc: "C'è molto lavoro dietro alle quinte che funziona"

Leclerc: "C'è molto lavoro dietro alle quinte che funziona"
Carica i commenti