F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: sperimentati in Messico nuovi dischi della Brembo

La Scuderia nella prima sessione di prove libere del GP del Messico ha introdotto su entrambe le SF21 nuovi dischi in carbonio. La diversa disposizione dei fori di raffreddamento ha reso facilmente riconoscibile la soluzione, ma l'innovazione arriva dai materiali, studiati l'anno scorso per dare corso al tender FIA della fornitura unica poi saltata. Si tratta di studi che potranno essere molto utili nella stagione 2022.

Ferrari: sperimentati in Messico nuovi dischi della Brembo

La Ferrari punta al terzo posto nel mondiale Costruttori e lotta con la McLaren per raggiungere questo obiettivo, ma la squadra di Maranello non rinuncia a lavorare pensando anche alla stagione 2022, sebbene la monoposto del prossimo anno sarà totalmente diversa da quella che sta correndo.

Un esempio eclatante lo abbiamo visto con l’adozione del nuovo sistema ibrido che permette alla SF21 di limitare il gap di potenza con il motore Mercedes, grazie a una diversa gestione dell’elettrico che vale molto più della decina di cavalli che sono stati trovati.

La Scuderia ha deciso di anticipare sulla power unit numero 4 questo pacchetto di novità 2022, potendo raccogliere dati importanti sulla funzionalità del sistema anche in chiave di affidabilità: al banco prova si possono simulare le condizioni più estreme di gara, ma non c’è niente di meglio che valutare durante un GP quali sono gli aspetti che eventualmente vanno sviluppati o corretti in vista di un impegno continuativo nel prossimo campionato.

E non si è trattato di un caso isolato, perché un po’ a sorpresa la Ferrari ha introdotto nel primo turno di prova libere del GP del Messico un nuovo disco freno della Brembo. La soluzione non è sfuggita all’occhio attento del nostro Giorgio Piola, perché i fori di raffreddamento hanno un disegno insolito rispetto al solito: eravamo abituati a vedere i dischi con oltre 1400 buchi disposti per file diagonali di sette fori. Questa caratteristica non è cambiata, ma di diverso c’è che ogni sei sfoghi, si saltano due fori, mostrando un design decisamente cambiato.

Leggi anche:

Ovviamente tutti hanno la bocca cucita e nessuno è disposto a dare spiegazioni (anzi i meccanici Ferrari hanno cercato di fare velo a Piola mentre cercava di cogliere la modifica con i suoi scatti), ma siamo riusciti a capire che la squadra del Cavallino starebbe provando dei materiali diversi che potrebbero trovare spazio sulla Rossa del prossimo anno, quando verranno introdotti dischi di 330 mm di diametro rispetto a quelli attuali di 280 mm, grazie all’introduzione di cerchi e gomme da 18 pollici.

La Brembo stava sviluppando delle soluzioni innovative che dovevano essere introdotte nella fornitura dell’impianto uguale per tutte le squadre che doveva entrare in vigore quest’anno, ma come si ricorderà la FIA annullò quel tender, bloccando un lavoro di ricerca che la Casa bergamasca aveva portato avanti.

Alcuni concetti di quello sviluppo potranno essere ripresi sulle monoposto 2022 e gli esperimenti condotti da Charles Leclerc e Carlos Sainz in Messico lo stanno a dimostrare. La Ferrari sta facendo un grosso lavoro sotto traccia per tornare a essere protagonista nel prossimo campionato e per il momento ne possiamo cogliere solo alcuni aspetti che, però, danno il segno del voler tornare a guardare molto in alto.

Dettaglio del nuovo disco freno anteriore della Ferrari SF21 provato in Messico

Dettaglio del nuovo disco freno anteriore della Ferrari SF21 provato in Messico

Photo by: Giorgio Piola

condividi
commenti
F1 | Piola: "Se Red Bull sarà superiore, Hamilton cambierà motore"
Articolo precedente

F1 | Piola: "Se Red Bull sarà superiore, Hamilton cambierà motore"

Articolo successivo

F1 | Messico, Libere 2: Verstappen fa il vuoto sulle Mercedes

F1 | Messico, Libere 2: Verstappen fa il vuoto sulle Mercedes
Carica i commenti