F1 | Szafnauer: "Alpine uno dei team migliori sullo sviluppo"

Otmar Szafnauer, team principal di Alpine, pensa che la squadra transalpina sia stata tra le migliori a sviluppare la monoposto 2022. Questo aspetto ha portato la compagine di Enstone a chiudere al quarto posto nel Mondiale Costruttori.

F1 | Szafnauer: "Alpine uno dei team migliori sullo sviluppo"

Alpine ha conquistato il quarto posto nel Mondiale Costruttori 2022 di Formula 1 dopo un'accesa battaglia durata sino all'ultimo gran premio con la McLaren.

Esteban Ocon e Fernando Alonso hanno fatto la loro parte, cercando di massimizzare i risultati pur venendo rallentati in più di un'occasione - soprattutto l'asturiano - a causa di problemi d'affidabilità delle A522.

Sebbene le vetture azzurre abbiano avuto diverse battute d'arresto, favorendo così McLaren in alcuni momenti dell'anno, queste si sono rivelate a più riprese la quarta forza della stagione a livello prestazionale, in un crescendo dovuto anche a una modalità di sviluppo della stessa andato quasi sempre nella giusta direzione.

Otmar Szafnauer, team principal di Alpine, pensa che il team transalpino sia stato uno dei migliori nel fondamentale dello sviluppo della monoposto. Questo ha portato a battere la McLaren di 14 punti a fine anno, nonostante vi siano stati numerosi ritiri.

Nel duello con il team di Woking, Alpine ha adottato un approccio di sviluppo molto più regolare nella cadenza legata all'arrivo di nuove parti. McLaren, invece, ha preferito portare sviluppi con meno frequenza.

"Dovremo esaminare l'incidenza degli aggiornamenti, la curv dei miglioramenti fatti, per capire come siamo evoluti rispetto alla concorrenza", ha dichiarato il manager statunitense. "Ma credo che Alpine sia stato tra i team migliori nello sviluppare la monoposto nel corso dell'anno".

Otmar Szafnauer, Team Principal, Alpine F1, durante la conferenza stampa dei team principal

Otmar Szafnauer, Team Principal, Alpine F1, durante la conferenza stampa dei team principal

Photo by: FIA Pool

Alpine aveva iniziato i test pre-stagionali in sordina. Prestazioni al di sotto delle aspettative, sebbene il problema del porpoising sembrava essere presente in minor quantità rispetto a gran parte dei team.

Oltre al fenomeno ripresentatosi con il ritorno delle vetture a effetto suolo in Formula 1, le A522 avevano già mostrato sin dai primi chilometri di essere piuttosto fragili. Fragilità rimasta nel corso della stagione, accompagnata però da un miglioramento evidente delle prestazioni.

"Nei primi test abbiamo avuto problemi per un paio di motivi. Noi volevamo spingere al massimo per capire le prestazioni. Ma questo ha significato un paio di cose: punto primo. Ci siamo presi rischi sui motori dal punto di vista delle prestazioni, non siamo stati conservativi dal punto di vista dell'affidabilità. Ma quello è un punto su cui abbiamo potuto lavorare".

"In secondo luogo, per quanto riguarda il telaio, spingere sulle prestazione significa dover lavorare più a lungo sulla vettura prima di deliberare le componenti per la versione finale della monoposto. E questo significa che si è sotto pressione per produrli in tempo utile".

"Se qualcosa va storto nella produzione, allora diventa tutto piuttosto critico. A noi l'anno scorso è successo tutto questo. All'inizio, dunque, siamo stati un po' più in difficoltà. Poi, però, siamo riusciti ad avere un numero sufficiente di pezzi di ricambio e abbiamo iniziato a capire a vettura. Poi sono arrivati gli aggiornamenti".

Alpine è stata molto attiva nella fase estiva-autunnale del Mondiale 2022 di Formula 1 realizzando diverse versioni del fondo delle A522. Queste, stando alle dichiarazioni dei vertici del team e dei piloti, hanno fruttato miglioramenti prestazionali significativi che hanno aiutato Alpine a cogliere il suo obiettivo stagionale, quel quarto posto nel Mondiale Costruttori che significa essere dietro ai soli 3 top team. Un piccolo passo per un'ipotetica scalata che potrebbe portare il team a essere più ambizioso nel corso delle prossime stagioni.

Leggi anche:
condividi
commenti

F1 | Kubica prova le nuove rain Pirelli con l'Alfa al Paul Ricard

F1 | Horner: "Perez era in difficoltà con le gomme. Ecco perché"