Renault pronta alle penalità in caso di necessità

Renault pronta alle penalità in caso di necessità

Remi Taffin ha spiegato che è già stato deciso di fare ricorso alla sesta power unit da qui a fine anno

Suzuka sarà una pista piuttosto dura da affrontare per le power unit: questa è la convinzione di Remi Taffin, direttore delle attività in pista di Renault Sport F1. Trattandosi di un tracciato con caratteristiche molto varie, quello giapponese sottoporrà sia i motori termici che la loro parte ibrida a differenti tipi di sforzo.

"Suzuka rimane una delle piste storiche del calendario agonistico, un circuito emblematico e temibile che rappresenta una vera e propria sfida, sia per i piloti che per gli ingegneri e i responsabili della strategia. Dobbiamo ottimizzare tutti i componenti dell'auto per riuscire a gestire le sollecitazioni prodotte dalle curve affrontate ad alta velocità, dalle lunghe fasi di accelerazione massima e dalle curve a gomito. Trovare la migliore armonia possibile tra il telaio e il gruppo propulsore si rivelerà particolarmente efficace" ha spiegato Taffin.

"La sfida presentata dal tracciato giapponese si divide in due parti ben distinte. La maggior parte delle curve sono collocate nel primo settore del circuito, mentre la potenza riveste un ruolo cruciale nella seconda metà. Di conseguenza, tutti i componenti del gruppo propulsore dovranno superare un vero e proprio esame di ammissione e dovranno funzionare perfettamente" ha aggiunto, spiegando appunto che c'è una differenza importante tra i diversi settori della pista.

Ecco poi l'analisi sulla prima parte del tracciato: "Il primo momento determinante sul tracciato sarà quello in corrispondenza delle esse, una serie di curve in cui il pilota dovrà giocare con l'acceleratore cambiando direzione ad alta velocità. Come a Silverstone, in corrispondenza delle curve Maggots e Becketts, dovrà affrontare il circuito a circa 245 km/h, velocità che andrà mantenuta fino all'ultimo. In questa porzione del circuito, terrà per circa 15 secondi la quinta o la sesta marcia. Dovrà cambiare rapidamente direzione e rilasciare l'acceleratore di colpo, quindi gli occorrerà un'auto dal comportamento neutro, capace di offrire una buona manovrabilità sull'intero range di coppia. In questo ambito, il MGU-H avrà tutto il tempo per recuperare l'energia a livello dello scarico, dato che quest'ultimo svilupperà un flusso costante. Il secondo generatore elettrico potrà, allo stesso modo, fare il pieno di energia quando il pilota sfiorerà il pedale del freno. Il MGU-K avrà migliori opportunità più avanti, prima a livello della curva a gomito, poi in corrispondenza della chicane che conclude il giro".

E quella sulla seconda: "La seconda metà del circuito metterà a dura prova il motore a combustione interna e il turbocompressore. La porzione che inizia con la curva 14 include la straordinaria curva 130R e prosegue spedita fino alla chicane finale, si estende su 1250 m, nei quali il pilota non solleverà mai il piede. Alla massima accelerazione, occorreranno circa 17 secondi per coprire questa distanza, ovvero 75 metri al secondo. Al cuore del motore a combustione interna, i pistoni effettueranno 200 rotazioni al secondo, una velocità straordinaria che genererà forze interne colossali".

Secondo Taffin diverse squadre proveranno a risparmiare le loro power unit girando meno nelle prove libere: "In vista delle sollecitazioni esercitate sull'insieme dei componenti, utilizzeremo ove possibile elementi nuovi nel corso di questo appuntamento. In questa fase della stagione, l'affidabilità comincia a giocare un ruolo determinante a livello dei risultati. Tutti i team e i piloti hanno dovuto utilizzare gruppi propulsori sempre più su misura man mano che abbiamo appreso maggiori informazioni sul funzionamento dei nuovi blocchi 2014. Alcune scuderie potrebbero scegliere di conservare delle carte vincenti, ovvero di percorrere meno chilometri nelle prove libere per risparmiare i motori per le ultime corse della stagione".

In casa Renault comunque hanno già messo in conto che da qui alla fine dell'anno qualcuno monterà la sesta unita, incappando in penalità: "Noi siamo fiduciosi sotto questo aspetto, dato che abbiamo già deciso di introdurre un sesto gruppo propulsore in caso di necessità. Abbiamo ormai una tabella di marcia sempre più chiara. Certo, dover utilizzare nuovi pezzi e subire delle penalità non è l'ideale, ma possiamo farlo su corse in cui l'impatto sarà minimo. Pensiamo che Suzuka rappresenterà una bella sfida, ma siamo sereni e non vediamo l'ora di affrontarla".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie