Sutil: "L'incidente? Acquaplaning e buio determinanti"

Il tedesco ha individuato i due problemi che hanno generato il suo incidente e quello terribile di Bianchi

Sutil:

Adrian Sutil è stato sfortunato e involontario co-protagonista del grave incidente occorso a Jules Bianchi nel corso del Gran Premio del Giappone, a Suzuka. 

Il tedesco ha prima perso il controllo della sua vettura, finendo contro le barriere della curva 8. Una gru è intervenuta per spostare la sua Sauber incidentata ma, proprio in quell'istante, Bianchi ha a sua volta perso il controllo della sua Marussia, finendo proprio contro il mezzo pesante fermo nella via di fuga. Bianchi è ora in condizioni critiche.

Il pilota del team svizzero, al termine della corsa, non ha voluto rilasciare dichiarazioni riguardo quanto visto alla curva 8 da spettatore, rispettando la privacy del collega, ma ha chiarito le causa del suo incidente e di quello dello sfortunato pilota francese.

"Per quanto riguarda l'incidente di Bianchi ho visto, ma non mi sembra il caso di rilasciare dichiarazioni, dunque non parlerò -ha dichiarato Sutil - ma al momento degli incidenti la luce era poca e l'acqua aveva reso l'asfalto molto insidioso ed è per questo che mi ha sorpreso e sono finito fuori. A Jules è capitata la medesima situazione, per le medesime cause, ma appena un giro più tardi. Negli ultimi giri la visibilità era davvero ridotta. Ormai la luce era poca e vi erano numerosi rivoli d'acqua che attraversavano la pista". 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Adrian Sutil , Jules Bianchi
Articolo di tipo Ultime notizie