Stroll: "Con Aston Martin penseremo fuori dagli schemi!"

Il patron del marchio di vetture inglesi e padrone del team di F1 spiega quale sarà la strategia di Aston Martin in F1. L'obiettivo è di usare la piattaforma più potente per attrarre nuovi appassionati, agganciando anche le nuove generazioni con una comunicazione attenta al digitale. Non conteranno solo i risultati sportivi perché l'intenzione è dare al marchio da rilanciare un'identità fresca e moderna.

Stroll: "Con Aston Martin penseremo fuori dagli schemi!"

Lawrence Stroll ha l’ambizione di far diventare la Aston Martin una “squadra di tutti” dedicando una particolare attenzione ai fan. Il canadese ha le idee chiare sul da farsi per raccogliere gli appassionati di F1 intorno al prestigioso marchio britannico che torna nel Circus dopo 60 anni.

La squadra di Silverstone, che ha vinto il suo primo GP con Sergio Perez l’anno scorso, abbandona il nome Racing Point e indossa il colore old green di una livrea che, in particolare ai britannici, creerà un forte sentimento nazionalistico.

Non lo dice espressamente, ma papà Stroll vuole lanciare quell’idea del sogno con la quale Luca di Montezemolo costruì la strepitosa sequenza di mondiali dell’era Schumacher, ridando smalto alla produzione della Ferrari con modelli innovativi e all’avanguardia.

L’Aston Martin sta vivendo una fase finanziaria molto difficile e la F1 è la piattaforma che dovrà ricollocarla nel posto che le spetta nel cuore degli inglesi. Si tratta di un’operazione molto complicata ma affascinante nella quale Lawrence sta spendendo tutte le sue energie.

Quanto è emozionante vedere Aston Martin tornare sulla griglia di Formula 1?
"Molto. La Formula 1 è una piattaforma potente che giocherà un ruolo chiave nella strategia di Aston Martin, mentre cerchiamo di rilanciare l'azienda. È uno sport globale con un pubblico enorme che può riaccendere l’attenzione sul marchio e aumentandone la desiderabilità anche nel resto del mondo”.

“Abbiamo già visto i risultati del nostro duro lavoro con l'annuncio di Cognizant come title sponsor, un’azienda che svolgerà un ruolo chiave nella nostra trasformazione digitale”.

“Il motorsport è sempre stato una parte importante nella storia Aston Martin, sin dai suoi primi giorni. Il ritorno di Aston Martin in F1 dopo oltre 60 anni rappresenta un momento fondamentale. Le più grandi Case automobilistiche del mondo hanno gareggiato e hanno avuto successo in F1: noi miriamo a includere questo iconico marchio di auto sportive britanniche tra quei nomi".

Quanto è importante per Aston Martin essere in Formula 1?
"Siamo dove Aston Martin dovrebbe essere. Questo è un marchio che ha già avuto un enorme successo negli sport motoristici internazionali di alto livello come la 24 Ore di Le Mans - e ora abbiamo l'opportunità di scrivere una nuova pagina nei libri di storia. Questa è una prospettiva eccitante per chiunque ami l’Aston Martin, per i fan della Formula 1 e dello sport stesso".

Che strategia adotterete nei GP?
"La F1 sarà il fulcro della nostra strategia di marketing e una componente chiave del business. Il team Aston Martin porterà nuova energia: l’obiettivo è allargare il nostro appeal oltre il bacino dei fan della Formula 1”.

“Vogliamo coinvolgere gli appassionati con i risultati in pista, ma vogliamo espandere la nostra presenza su altre piattaforme emergenti come quelle degli eSport. L'arrivo di Cognizant rappresenta anche il primo passo della nostra spinta in avanti”.

“La Formula 1 è la vetrina ideale per un marchio come Aston Martin che produce fantastiche auto. Si è parlato molto della capacità della Formula 1 di far ricadere la sua tecnologia dalla pista alla strada. Renderemo visibile la ricaduta tecnologica tra la Formula 1 e le vetture stradali, in particolare con la nostra gamma di vetture a motore centrale che sarà lanciata in futuro".

Cosa porterà Aston Martin al Circus?
“Tutti sanno cosa rappresenta l’Aston Martin, ma il team di Formula 1 ci permetterà di portare l'essenza del marchio in posti nuovi. Vogliamo parlare a un pubblico più ampio, coinvolgendolo non solo con il team ma con la stessa Formula 1. L'obiettivo è quello di agganciare la prossima generazione di appassionati, portando nuove idee nel sistema F1. Quel viaggio inizierà con il lancio della monoposto".

Stiamo investendo in aree come i social media per raccontare questa meravigliosa storia. Vogliamo che l’Aston Martin diventi una squadra per tutti, andando oltre lo sport, ma coccolando i fan più devoti che ci hanno portato dove siamo oggi. Dovremo pensare fuori dagli schemi e spero che questo ci dia un'identità fresca e moderna".

La presentazione della squadra dovrebbe essere fissata per il 3 marzo.

condividi
commenti
Williams conferma Roy Nissany come test driver nel 2021
Articolo precedente

Williams conferma Roy Nissany come test driver nel 2021

Articolo successivo

F1: prima giornata in Red Bull per Sergio Perez

F1: prima giornata in Red Bull per Sergio Perez
Carica i commenti