Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
26 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
66 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
98 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
105 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
115 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
150 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
178 giorni
02 set
Prossimo evento tra
185 giorni
09 set
Prossimo evento tra
192 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
206 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
213 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
220 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
234 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
241 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
277 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
286 giorni

Strategie GP Bahrain: chi rischierà un solo pit stop

La Pirelli consiglia due soste per coprire la gara del GP del Bahrain, ma ci sono molte squadre che studiano la partenza con le medie e se i piloti riusciranno ad arrivare fino al giro 27 potranno concludere la corsa con le hard, potendo risparmiare un pit stop. Molto dipenderà dalla durata delle gomme posteriori su un'asfalto che è molto abrasivo.

condividi
commenti
Strategie GP Bahrain: chi rischierà un solo pit stop

La prima sfida che team e piloti dovranno affrontare oggi nel Gran Premio del Bahrain sarà coprire i 57 giri in programma con un solo pit-stop. Impresa non impossibile, ma non del tutto scontata come in altre occasioni.

L’asfalto molto abrasivo del circuito di Al Sakhir è particolarmente aggressivo sugli pneumatici, e per questo motivo tutte le squadre hanno passato il turno Q2 con gomme medie, scartando la temuta mescola soft battezzata venerdì come inadeguata in ottica gara.

Secondo la Pirelli la strategia più veloce risultata dalle simulazioni prevede due soste, con partenza con un set di medie, un primo cambio al giro 21 con un set di soft e un secondo (sembra con soft) al giro 39. Una scelta valida, sempre secondo Pirelli, è sempre a due soste ma con alternanza medie-medie-soft, con l’ultimo stint di quindici giri.

La strategia ad una sosta (che prevede il pit-stop al giro 27 con passaggio alle hard) dalle simulazioni risulta più lenta, ma è quella su cui punteranno le squadre per evitare i rischi di una seconda sosta. Non è la prima volta che le simulazioni cozzano con le scelte dei team, poiché nelle valutazioni degli ingegneri una sosta in più è sempre considerata come una fase che comporta rischi aggiuntivi.

Resta però l’incognita della tenuta degli pneumatici posteriori, la cui gestione sarà una delle sfide maggiori che dovranno affrontare i piloti soprattutto nel primo stint, quando col pieno di benzina dovranno coprire quasi metà gara.

Se riusciranno ad arrivare al giro 25, si porteranno nella condizione prevista per completare la corsa con la singola sosta, viceversa si aprirà lo scenario per il doppio pit-stop.

Set di pneumatici Pirelli per la gara del GP di Bahrain

Set di pneumatici Pirelli per la gara del GP di Bahrain

Photo by: Pirelli

Mercedes: la pancia della gomma Pirelli influenza la W11?

Articolo precedente

Mercedes: la pancia della gomma Pirelli influenza la W11?

Articolo successivo

LIVE Formula 1, Gran Premio del Bahrain: la Gara

LIVE Formula 1, Gran Premio del Bahrain: la Gara
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Bahrain
Sotto-evento Gara
Location Bahrain International Circuit
Autore Roberto Chinchero