F1, Stiria, Libere 1: Verstappen e Gasly si presentano

Il motore Honda monopolizza le prime due posizioni nella prima sessione di prove libere del GP di Stiria al Red Bull Ring: Verstappen con la Red Bull ha preceduto di un paio di decimi l'ottimo Pierre Gasly con l'AlphaTauri. Staccate le Mercedes con Hamilton terzo a quattro decimi seguito dal compagno Bottas. Bene Tsunoda quinto davanti alle due Alpine di Alonso e Ocon. Giovinazzi con l'Alfa è nono davanti alle Ferrari di Leclerc e Sainz che non brillano.

F1, Stiria, Libere 1: Verstappen e Gasly si presentano

Max Verstappen è stato l'unico pilota capace di sfondare il muro dell'1'06" nella prima sessione di prove libere del GP di Stiria. L'olandese con la Red Bull è stato il più veloce al Red Bull Ring, nel primo dei due appuntamenti che la F1 disputa sulla pista di Dietrich Mateschitz, ma a sorprendere è il secondo tempo di Pierre Gasly con l'AlphaTauri, secondo a 256 millesimi da Max. Due motori Honda davanti a tutti su un tracciato che si trova a quasi 700 metri d'altura e dove l'aria è un po' rarefatta e valorizza le qualità di turbo e sistema ibrido.

Le due Mercedes inseguono molto distaccate: Lewis Hamilton è terzo in 1'06"332 seguito da Valtteri Bottas staccato dal compagno di squadra di appena 54 millesimi di secondo. Il distacco di oltre quattro decimi sulla pista più corta del mondiale è indicativo della situazione: i tecnici di Brackley stanno analizzando come mai sul dritto le RB16B siano più rapide delle frecce nere, pare a causa di una resistenza all'avanzamento che penalizza la potenza della power unit, ma le W12 avevano ali cariche, T-wing e doppio pilone dell'ala posteriore, mentre le Red Bull sono molto più scariche.

Deve far riflettere il fatto che Yuki Tsunoda con la seconda AlphaTauri sia quinto a un soffio dalle Mercedes: il giovane giapponese ha avuto un buon adattamento alla pista austriaca, senza mostrare gli errori che lo hanno caratterizzato in altri appuntamenti e subito si è portato nelle posizioni di vertice.

Alle spalle del rookie nipponico si conferma Fernando Alonso: lo spagnolo è sesto con l'Alpine dando la sensazione che la A521 si adatti sempre più al suo stile di guida, con soluzioni di assetto nell'anteriore che sono diverse da quelle di Esteban Ocon che è arrivato comunque subito dietro a Fernando a soli 32 millesimi.

Lance Stroll colloca l'Aston Martin all'ottavo posto davanti al sorprendente Antonio Giovinazzi, molto positivo con l'Alfa Romeo. L'italiano è nono con 1'06"614: la prestazione è degna di lode perché a parità di motore è stato davanti alle due Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Il distacco della Rossa dalla vetta è di sette decimi: preoccupante, anche se la squadra di Maranello sembra aver lavorato di più pensando alla gara, traendo buone indicazioni nel mini long run. I team hanno lavorato per la corsa temendo una seconda sessione che dovrebbe essere bagnata.

La McLaren è 12esima con Daniel Ricciardo e, addirittura, 16esima con Lando Norris. Ormai sappiamo che la squadra d Woking al venerdì non cerca mai le prestazioni e tiene la power unit con una mappatura molto soft, per cui i valori emersi sono poco indicativi.

Sergio Perez non ha entusiasmato sul giro, ma il messicano della Red Bull ha svolto un programma di lavoro diverso e si accontenta di un 13esimo posto davanti a Sebastian Vettel con la seconda Aston Martin, avvicinata dalla Williams di George Russell ottimo 15esimo, mentre Nicholas Latifi è 17esimo.

Robert Kubica, con la C41 lasciata libera da Kimi Raikkonen, è 19esimo fra le due Haas di Mick Schumacher e Nikita Mazepin: il polacco è stato anche autore di un testacoda a inizio turbo. Robert paga la mancanza di allenamento. Errori anche per Sergio Perez e Carlos Sainz che si è girato all'uscita della curva 1.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 34 1'05.910 235.848
2 France Pierre Gasly
AlphaTauri 32 1'06.166 0.256 0.256 234.936
3 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 32 1'06.332 0.422 0.166 234.348
4 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 34 1'06.386 0.476 0.054 234.157
5 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 36 1'06.397 0.487 0.011 234.119
6 Spain Fernando Alonso
Alpine 35 1'06.519 0.609 0.122 233.689
7 France Esteban Ocon
Alpine 35 1'06.551 0.641 0.032 233.577
8 Canada Lance Stroll
Aston Martin 33 1'06.584 0.674 0.033 233.461
9 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 29 1'06.614 0.704 0.030 233.356
10 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 36 1'06.629 0.719 0.015 233.303
11 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 33 1'06.630 0.720 0.001 233.300
12 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 38 1'06.669 0.759 0.039 233.163
13 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 33 1'06.696 0.786 0.027 233.069
14 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 32 1'06.708 0.798 0.012 233.027
15 United Kingdom George Russell
Williams 31 1'06.848 0.938 0.140 232.539
16 United Kingdom Lando Norris
McLaren 35 1'06.861 0.951 0.013 232.494
17 Canada Nicholas Latifi
Williams 31 1'07.180 1.270 0.319 231.390
18 Germany Mick Schumacher
Haas 30 1'07.473 1.563 0.293 230.385
19 Poland Robert Kubica
Alfa Romeo 30 1'07.823 1.913 0.350 229.196
20 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 31 1'08.081 2.171 0.258 228.328
condividi
commenti
F1: il GP di Turchia prende il posto di Singapore in calendario

Articolo precedente

F1: il GP di Turchia prende il posto di Singapore in calendario

Articolo successivo

Colpo Aston Martin: preso Fallows da Red Bull per diventare DT

Colpo Aston Martin: preso Fallows da Red Bull per diventare DT
Carica i commenti