Steiner: “Due esordienti in Haas? Tutto è possibile”

Il team principal della squadra americana ha ufficializzato a Romain Grosjean e Kevin Magnussen tre settimane fa che non saranno più parte del team nel 2021. L'italiano non commenta i nomi di Mick Schumacher e Nikita Mazepin, ma lascia intendere che l'anno prossimo sarà di transizione per il team che potrebbe puntare su dueesordienti dotati di buone garanzie economiche.

Steiner: “Due esordienti in Haas? Tutto è possibile”

Kevin Magnussen e Romain Grosjean sono stati ufficialmente informati la scorsa settimana della conclusione del rapporto di collaborazione con il team Haas. La decisione presa dalla squadra statunitense era nell’aria dal mese di agosto ed in questi ultimi giorni stanno solo arrivando le conferme di quanto già noto da tempo, anche se Gunther Steiner conferma che l’okay finale è giunto solo ad inizio ottobre.

“La decisione è stata presa circa tre settimane fa – ha spiegato il team principal – e non è stato un passaggio semplice. Per quanto ci siano stati alti e bassi nelle nostre relazioni, alla fine parliamo di due piloti che sono qui da molto tempo, quattro e cinque anni".

"Non è semplice chiudere questi rapporti, ma alla fine devo pensare alla squadra e al suo futuro. Ovviamente non potevo certo aspettarmi che Romain e Kevin fossero felici quando la scorsa settimana li ho chiamati, ma sono stati entrambi molto comprensivi e, da parte nostra, li abbiamo messi al corrente della decisione appena è stato possibile, per permettergli di avere più opportunità di trovare progetti alternativi”.

Steiner ha poi spiegato i motivi che hanno portato alla decisione di essere al via del Mondiale 2021 con un tandem inedito.

Tra le ragioni c’è anche la consapevolezza che la prossima stagione per il team non sarà quella della resurrezione e il contesto si sposa bene con la decisione di schierare due nuovi piloti.
“Non sono in disaccordo con questa affermazione – ha confermato Steiner – anche questo aspetto ha avuto il suo peso. Spero ovviamente che il prossimo anno possa andare meglio del 2020, ma le possibilità che la squadra possa tornare alle posizioni del 2018 sono piuttosto basse, bisogna anche essere realisti".

"Quindi se c’è da fare un cambiamento meglio farlo ora, visto che possiamo iniziare a mettere le basi senza avere moltissimo da perdere. Nel 2021 potremo solo far meglio rispetto a questa stagione”.

I nomi dei due piloti Haas 2021 al momento restano segreti, e Steiner si guarda bene dal nominarli:
“Due esordienti? Tutto è possibile”, “Cerchiamo piloti di talento ma in alcuni casi c’è chi porta con sé anche importanti sponsorizzazioni”. La squadra annuncerà presto l’arrivo di Nikita Mazepin e Mick Schumacher (in quest’ultimo caso la decisione è ufficialmente della Ferrari) e, probabilmente, il motivo per cui i nomi non sono ancora stati comunicati è legato al rilascio della Super licenza, che richiede un tempo tecnico dopo la recente modifica del regolamento sportivo in materia confermata dal Consiglio Mondiale.

condividi
commenti
Papà Stroll positivo al COVID, non sarà presente a Portimao
Articolo precedente

Papà Stroll positivo al COVID, non sarà presente a Portimao

Articolo successivo

Russell: "Non temo di essere scaricato dalla Williams"

Russell: "Non temo di essere scaricato dalla Williams"
Carica i commenti