F1, Spa, Libere 1: Bottas apre la sfida, Leclerc è quarto

Valtteri è stato il più veloce nel primo turno di prove libere del GP del Belgio: il finlandese della Mercedes ha preceduto Verstappen di poco più di un decimo, dopo che l'olandese aveva stupito con le gomme hard. Hamilton ha fatto un long run con le bianche, prima di tentare un giro secco nel quale è stato pericolosamente ostacolato da Latifi. Terzo è Gasly con l'AlphaTauri davanti alle due Ferrari di Leclerc e Sainz.

F1, Spa, Libere 1: Bottas apre la sfida, Leclerc è quarto

Max Verstappen secondo, Lewis Hamilton diciottesimo. I due aspiranti al titolo mondiale lontani anni luce. Davanti a tutti Valtteri Bottas con la Mercedes capace di 1'45"199 nella prima sessione di prove libere del GP del Belgio, iniziata e finita con qualche goccia di pioggia che non ha bagnato l'asfalto della pista delle Ardenne.

La sessione è iniziata con Red Bull e Mercedes che hanno svolto lavori molto diversi con le rispettive monoposto calzate con le gomme hard. L'olandese ha stupito tutti arrivando a uno strepitoso 1'45"905 con due brevi run le bianche, mentre Hamilton con più benzina a bordo si è dedicato a un long run di 11 giri per scoprire la consistenza del pneumatico C2.

Poi montate le gomme soft ha chiuso un giro pulito Valtteri Bottas che ha dato la misura di qual è la competitività della Mercedes W12, lasciando Vestappen a 164 millesimi a parità di mescola, mentre Lewis, che era pronto a portarsi al comando, quando è stato pericolosamente chiuso da Nicholas Latifi prima della staccata della Bus stop. Il canadese in un giro lento non ha visto il campione del mondo che si è spostato per evitare un brutto impatto ad alta velocità.

E' andata bene, ma Latifi deve guardare di più gli specchietti! La riapertura delle ostilità, quindi, non ha dato responsi chiari, promettendo una sfida molto ravvicinata. Stupisce la terza posizione di Pierre Gasly subito a suo agio con l'AlphaTauri: il francese è ottimo terzo a mezzo secondo dalla W12 di testa perché si è messo davanti alle due Ferrari. Charles Leclerc è quarto a 619 millesimi seguito come un'ombra dal compagno di squadra, Carlos Sainz.

Le Rosse non hanno affatto sfigurato su una pista che, almeno sulla carta, non si dovrebbe adattare alla SF21: i due piloti del Cavallino  hanno preceduto Sergio Perez con la seconda Red Bull e Sebastian Vettel con l'Aston Martin rispettivamente sesto e settimo.

Per il momento non hanno stupito le McLaren con Lando Norris ottavo a mezzo secondo dalle Ferrari e Daniel Ricciardo solo 12esimo: siamo abituati a vedere le MCL35 M piuttosto guardinghe al venerdì, per cui è prematuro esprimere dei giudizi.

Dietro a Norris ci sono le due Alpine a chiudere la top 10: il vincitore dell'Ungheria, Esteban Ocon è nono davanti a Fernando Alonso  staccato di un paio di decimi.

Lance Stroll è 11esimo con la seconda AMR21 a quattro decimi da Vettel. Bene Antonio Giovinazzi 13esimo con l'Alfa Romeo, mentre non ha impressionato Kimi Raikkonen che è solo 17esimo. Il finlandese è parso un po' arrugginito: si è girato alla Source in accelerazione e, soprattutto, ha toccato le protezioni rientrando ai box.

George Russell aspettando il contratto Mercedes per il 2022 porta la Williams in 14esima piazza, seguito da Yuki Tsunoda con l'altra AlphaTauri e dall'altra FW43B di Nicholas Latifi.

Chiudono la pista dei tempi le due Haas: Nikita Mazepit ha rifilato tre decimi a Mick Schumacher (che ha sfoderato il casco rievocativo di quello del padre al debutto in F1 a Spa 30 anni fa!), sfruttando il telaio fresco che la squadra americana gli ha messo a disposizione.

Il turno asciutto potrebbe essere l'unico del weekend, visto che le previsioni meteo sono orientate alla pioggia.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 18 1'45.199 239.682
2 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 14 1'45.363 0.164 0.164 239.309
3 France Pierre Gasly
AlphaTauri 20 1'45.699 0.500 0.336 238.549
4 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 19 1'45.818 0.619 0.119 238.280
5 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 20 1'45.935 0.736 0.117 238.017
6 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 17 1'46.127 0.928 0.192 237.587
7 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 19 1'46.177 0.978 0.050 237.475
8 United Kingdom Lando Norris
McLaren 17 1'46.336 1.137 0.159 237.120
9 France Esteban Ocon
Alpine 16 1'46.497 1.298 0.161 236.761
10 Spain Fernando Alonso
Alpine 16 1'46.612 1.413 0.115 236.506
11 Canada Lance Stroll
Aston Martin 19 1'46.649 1.450 0.037 236.424
12 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 20 1'46.683 1.484 0.034 236.348
13 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 17 1'46.755 1.556 0.072 236.189
14 United Kingdom George Russell
Williams 19 1'46.772 1.573 0.017 236.151
15 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 19 1'46.928 1.729 0.156 235.807
16 Canada Nicholas Latifi
Williams 20 1'47.101 1.902 0.173 235.426
17 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 15 1'48.125 2.926 1.024 233.196
18 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 17 1'48.224 3.025 0.099 232.983
19 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 16 1'48.705 3.506 0.481 231.952
20 Germany Mick Schumacher
Haas 15 1'49.059 3.860 0.354 231.199
condividi
commenti
Mick Schumacher con il casco celebrativo dell'esordio di Michael
Articolo precedente

Mick Schumacher con il casco celebrativo dell'esordio di Michael

Articolo successivo

Sergio Pérez e Red Bull ancora insieme in F1 nel 2022

Sergio Pérez e Red Bull ancora insieme in F1 nel 2022
Carica i commenti