F1, Sochi, Libere 2: la Mercedes fa il vuoto con Bottas

condividi
commenti
F1, Sochi, Libere 2: la Mercedes fa il vuoto con Bottas
Di:

Bottas è stato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere del GP di Russia: il finlandese con la Mercedes ha lasciato a due decimi Hamilton, leader del mondiale. La sorpresa di giornata è la Renault di Ricciardo terza davanti alle due McLaren di Sainz e Norris. Bene Perez con la Racing Point che si mette alle spalle Verstappen con la Redb Bull e la migliore Ferrari che è ottava con Leclerc.

Valtteri Bottas ci sta prendendo gusto a Sochi: il finlandese si conferma al comando della lista dei tempi anche nel secondo turno di prove libere del GP di Tussia con la Mercedes dopo aver fatto il bello e cattivo tempo in mattinata, mentre Lewis Hamilton si era disinteressato a cercare la prestazione nel giro secco.

Bottas con le gomme Soft è arrivato a 1'33"519 nella simulazione da qualifica. La W11 non è riuscita a migliorare anche nel pomeriggio la prestazione dello scorso anno, segno che la pista è ancora più lenta di quattro decimi e i piloti sono penalizzati da un fastidioso vento che soffia a raffiche.

Il nordico è stato il più veloce nel giro secco e nel long run, rivelando una forma davvero invidiabile, mentre Lewis Hamilton è staccato di 267 millesimi dal compagno di squadra dopo aver sofferto qualche bloccaggio in frenata, segno che non è ancora a posto con l'assetto, ma arriverà domani. Le frecce d'argento volano nella simulazione di gara con le Hard, mentre soffrono di più con le Soft, ma molto dipenderà dalle temperature che ci saranno in pista (oggi 27 gradi di aria e 34 gradi di asfalto).

Gli altri sono lontani, lontanissimi. E fra gli inseguitori si conferma Daniel Ricciardo terzo con la Renault: l'australiano ha chiuso un ottimo 1'34"577 con le Soft, mostrando anche un passo interessante nella simulazione di gara, mentre Esteban Ocon non è andato oltre la nona piazza con la stessa vettura di Enstone.

La squadra diretta da Cyril Abiteboul sta portando novità tecniche ad ogni GP e la crescita della R.S.20 è consistente tanto da poter ambire al famigerato primo podio che la Casa francese si aspetta da quando è rientrata in F1.

Ricciardo ha rifilato due decimi alle McLaren: Carlos Sainz è quarto con la MCL35 davanti a Lando Norris Alla fine il muso in stile Mercedes è stato di nuovo messo da parte e i due piloti hanno scelto di girare nella configurazione solita.

Al sesto posto c'è Sergio Perez con la Racing Point: il messicano con la RP20 in versione standard ha mostrato una bella aggressività che gli ha permesso di tenersi dietro Red Bull e Ferrari. Sergio, scaricato dal team di Silverstone per fare posto a Vettel nel 2021, ha fatto il suo, mentre Lance Stroll ha abortito il suo tentativo di giro secco per cui è solo 17esimo nella lista dei tempi con la monoposto più evoluta. Il canadese, però, è parso molto competitivo nel passo gara, segno che la Racing Point ha ambizioni di podio.

Delude la Red Bull con Max Verstappen ottavo e Alexander Albon 12esimo. L'olandese sta soffrendo più del previsto con una RB16 ostica da mettere a punto e che fa fatica a mandare in temperature le gomme. Max non è mai riuscito a chiudere un giro senza errori segno che l'evoluzione promessa della monoposto di Milton Keynes non si sposa con la pista russa.

Albon patisce anche lui e non deve sorprendere il fatto che Pierre Gasly con l'AlphaTauri sia davanti all'11esimo posto per 32 millesimi di secondo.

Le Ferrari sono esattamente dove ci si poteva aspettare: Charles Leclerc che è tornato a essere davanti al compagno di squadra di appena un decimo di secondo è ottavo, mentre Sebastian Vettel chiude la top 10. La SF1000 paga un secondo e mezzo dalle Mercedes, ma sembra in grado di stare nel gruppo di ventro dove le differenze si misurano in pochi decimi. Entrambi i piloti della Rossa si sono lamentati delle vibrazioni che sono apparse a sorpresa durante il passo gara.

Kimi Raikkonen è 14esimo con l'Alfa Romeo, mentre al solito Antonio Givinazzi non è riuscuto a fare un giro senza problemi per cui ha concluso solo 19esimo davanti a Romain Grosjean ultimo con la Haas.

Bene Nicolas Latifi che con la Williams è 15esimo davanti al compagno di squadra George Russell. Il canadese sta crescendo e ha assorbito molto bene il crash del mattino alla curva 7 senza risentirne.

Il pilota di casa Daniil Kvyat è 13esimo con la seconda AT01 di Faenza: segue Gasly e Albon, insomma è nella bagarre...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 37 1'33.519 225.117
2 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 33 1'33.786 0.267 0.267 224.477
3 Australia Daniel Ricciardo
Renault 27 1'34.577 1.058 0.791 222.599
4 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
McLaren 36 1'34.723 1.204 0.146 222.256
5 United Kingdom Lando Norris
McLaren 33 1'34.847 1.328 0.124 221.965
6 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Racing Point 35 1'34.890 1.371 0.043 221.865
7 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 30 1'35.048 1.529 0.158 221.496
8 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 35 1'35.052 1.533 0.004 221.487
9 France Esteban Ocon
Renault 28 1'35.139 1.620 0.087 221.284
10 Germany Sebastian Vettel
Ferrari 35 1'35.183 1.664 0.044 221.182
11 France Pierre Gasly
AlphaTauri 35 1'35.210 1.691 0.027 221.119
12 Thailand Alexander Albon
Red Bull 31 1'35.242 1.723 0.032 221.045
13 Russian Federation Daniil Kvyat
AlphaTauri 37 1'35.461 1.942 0.219 220.538
14 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 33 1'35.516 1.997 0.055 220.411
15 Canada Nicholas Latifi
Williams 31 1'35.563 2.044 0.047 220.302
16 United Kingdom George Russell
Williams 30 1'35.575 2.056 0.012 220.275
17 Canada Lance Stroll
Racing Point 34 1'35.627 2.108 0.052 220.155
18 Denmark Kevin Magnussen
Haas 32 1'35.729 2.210 0.102 219.920
19 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 36 1'36.053 2.534 0.324 219.178
20 France Romain Grosjean
Haas 32 1'36.858 3.339 0.805 217.357

 

Domenicali: è ufficiale che sarà capo della F1

Articolo precedente

Domenicali: è ufficiale che sarà capo della F1

Articolo successivo

Verstappen: "Qui per noi è dura. Temo... le Renault!"

Verstappen: "Qui per noi è dura. Temo... le Renault!"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Russia
Sotto-evento FP2
Location Sochi Autodrom
Team Mercedes
Autore Franco Nugnes