F1, Sochi, Libere 1: Mercedes davanti, bene Leclerc, Max cambia PU

Bottas stupisce nella prima sessione di prove libere del GP di Russia: il finlandese con le gomme soft va sotto il tempo dello scorso anno e lascia a due decimi Hamilton. Verstappen, terzo, non è lontano, ma interrompe la sessione per sostituire la power unit Honda. Ottima la prestazione di Leclerc quarto con la Ferrari dotata della nuova power unit, mentre Sainz è settimo.

F1, Sochi, Libere 1: Mercedes davanti, bene Leclerc, Max cambia PU

La Mercedes presenta le sue credenziali a Sochi: le due W12 si sono portate subito al comando della prima sessione di prove libere del GP di Russia. In un appuntamento che sarà caratterizzato dalla pioggia i team si sono scatenati utilizzando le gomme soft (mescola morbida C5).

E Valtteri Bottas, più veloce nelle qualifiche di Monza, ha ottenuto un brillante 1'34"427 che per la prima volta nell'anno risulta mezzo secondo più veloce rispetto al tempo della FP1 dello scorso anno, segno che è stato recuperato il gap di carico aerodinamico determinato dal taglio del fondo.

Il finlandese, che sembra essersi sbloccato da quando ha saputo quale sarà il suo futuro in Alfa Romeo, ha rifilato due decimi al compagno di squadra, Lewis Hamilton, confermando che a Sochi Valtteri si trova particolarmente bene. Le frecce nere sono parse subito a loto agio anche con le gomme hard e hanno rivelato un eccellente andatura nel long run.

Max Verstappen ha dovuto fare ricorso a un secondo treno di rosse per avvicinare le Mercedes: la Red Bull con 1'34"654 è ad appena 227 millesimi dalla vetta, ma ad appena 16 millesimi dal campione del mondo, segno che la partita è apertissima, anche se l'olandese dovrà scontare tre posizioni in griglia per la penalizzazione di Monza.

Verstappen non ha svolto la simulazione di gara perché Max ha interrotto la sessione per dare modo ai meccanici di sostituire la power unit Honda, smarcando magari il motore 4 che porterebbe in penalità.

La nota positiva arriva dalla Ferrari con Charles Leclerc ottimo quarto con la SF21 dotata della nuova power unit. Con il motore 4 che costringerà il monegsco a schierarsi in fondo alla griglia, la Rossa si è arrampicata a un ottimo 1'35"117 a meno di sette decimi da Bottas, rivelando anche un buon passo nel mini long run.

Leclerc è staccato dai primi tre, ma ha fatto il vuoto rispetto a tutti gli altri, visto che Sebastian Vettel, quinto con l'Aston Martin, con 1'35"781, è a sei decimi dalla Ferrari, mentre Carlos Sainz è solo settimo con la specifica di motore vecchia, preceduto anche da Pierre Gasly con l'AlphaTauri: il francese ha fatto meglio di 17 millesimi appena.

La McLaren, dominatrice a Monza, sembra un po' ridimensionata a Sochi: attenzione a trarre giudizi affrettati sulla squadra di Woking che al venerdì non si esprime mai al meglio del suo potenziale: Lando Norris è ottavo, mentre Daniel Ricciardo è solo 14esimo. L'inglese ha "baciato" il muro rientrando ai box, come se si fosse bloccato all'improvviso il posteriore della MCL35 M: ha rotto l'ala anteriore, ma ha urtato a bassa velocità

Non ha impressionato Sergio Perez con la seconda Red Bull: il messicano è nono davanti a Fernando Alonso con l'Alpine che ha preceduto il compagno di squadra, Esteban Ocon, 11esimo.

Lance Stroll è 12esimo con la seconda "verdona" e il canadese si è messo davanti ad Antonio Giovinazzi con il rientrante Kimi Raikkonen 15esimo, staccato di un paio di decimi. Il finlandese sembra aver recuperato bene dalla positività al COVID-19 e riprende il suo posto dopo aver saltato due gare.

Yuki Tsunoda con la seconda AT02 è andato alla scoperta della pista senza cercare guai (fastidioso il vento che soffiava in coda alle vettura in curva 13 e 14): il giapponese è 16esimo davanti alle due Williams di George Russell e Nicholas Latifi.

Nikita Mazepin sente l'aria di casa e precede Mick Schumacher nell'ultima fila Haas.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 25 1'34.427 222.953
2 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 23 1'34.638 0.211 0.211 222.456
3 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 13 1'34.654 0.227 0.016 222.418
4 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 22 1'35.117 0.690 0.463 221.335
5 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 23 1'35.781 1.354 0.664 219.801
6 France Pierre Gasly
AlphaTauri 24 1'35.794 1.367 0.013 219.771
7 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 25 1'35.811 1.384 0.017 219.732
8 United Kingdom Lando Norris
McLaren 24 1'35.959 1.532 0.148 219.393
9 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 22 1'36.188 1.761 0.229 218.871
10 Spain Fernando Alonso
Alpine 21 1'36.225 1.798 0.037 218.787
11 France Esteban Ocon
Alpine 25 1'36.236 1.809 0.011 218.762
12 Canada Lance Stroll
Aston Martin 21 1'36.522 2.095 0.286 218.114
13 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 23 1'36.795 2.368 0.273 217.498
14 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 23 1'36.877 2.450 0.082 217.314
15 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 20 1'36.952 2.525 0.075 217.146
16 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 26 1'37.794 3.367 0.842 215.277
17 United Kingdom George Russell
Williams 23 1'38.013 3.586 0.219 214.795
18 Canada Nicholas Latifi
Williams 21 1'38.155 3.728 0.142 214.485
19 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 22 1'38.586 4.159 0.431 213.547
20 Germany Mick Schumacher
Haas 23 1'38.977 4.550 0.391 212.703
condividi
commenti
GP di Monaco: piloti perplessi del format ridotto
Articolo precedente

GP di Monaco: piloti perplessi del format ridotto

Articolo successivo

Red Bull: Verstappen monta il motore 4 Honda, partirà in coda!

Red Bull: Verstappen monta il motore 4 Honda, partirà in coda!
Carica i commenti