Hamilton non si aspettava di vedere gli altri tanto vicini

Hamilton non si aspettava di vedere gli altri tanto vicini

Lewis quindi è doppiamente soddisfatto di aver realizzato la pole nonostante un errore alla curva 1

Per appena 7 millesimi Lewis Hamilton si è preso la pole position del Gp di Singapore, la 37esima della sua carriera, ai danni di Nico Rosberg. A stupire il pilota della Mercedes però non è stata tanto la vicinanza del suo compagno di squadra, quanto quella delle Red Bull ed in particolare delle Ferrari, che hanno pagato appena un paio di decimi.

"Il piano è sempre quello di cercare di fare il giro migliore alla fine, anche se non riesce sempre. Devo dire che sono state belle qualifiche e non mi aspettavo di vedere gli altri così vicini. Noi siamo stati veloci per tutte le sessioni, ma anche le Ferrari, quindi il risultato finale è molto importante per la nostra squadra" ha detto Lewis.

E dire che nel giro migliore ha fatto anche un lungo alla prima curva che pensava potesse aver compromesso tutto: "All'ultimo giro ho perso un po' di tempo arrivando lungo in staccata alla curva 1, però nel resto della tornata sono riuscito a recuperare. Onestamente pensavo che la pole ormai fosse andata, ma non mi sono arreso ed ho continuato a spingere, recuperando quanto bastava".

Quando poi gli è stato chiesto se fosse stupito nel vedere Felipe Massa al comando a metà della Q3, ha concluso: "Non stavo guardando tanto agli altri, quanto a cercare di fare del mio meglio, perché eravamo tutti molto vicini. Il team però ha fatto un ottimo lavoro ed è arrivata una bella pole".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton
Articolo di tipo Ultime notizie