F1 | Si vuole ridurre i treni di gomme in alcuni GP 2022

Ross Brawn, direttore sportivo di F1, nell'incontro con la stampa di lunedì non ha parlato solo della Sprint Qualifying e della volontà di rendere pubbliche le modifiche che saranno introdotet sulle monoposto, ma anche dell'idea di limitare i treni di pneumatici a disposizione per ogni GP. L'idea è di fare qualche esperimento nel corso del 2022. Tim Goss della FIA sta studiando una proposta che verrà discussa con le squadre.

F1 | Si vuole ridurre i treni di gomme in alcuni GP 2022

La Formula 1 è un ribollire di idee da sperimentare e introdurre nel mondo dei Gran Premi. La sensazione è che in questa fase si voglia mettere troppa carne al fuoco, senza tenere in debito conto che nel 2022 il Circus passerà alle monoposto ad effetto suolo che rappresentano un taglio netto con le realtà attuale, introducendo una rivoluzione regolamentare che non ha eguali nella storia recente della F1.

Fatta questa doverosa premessa è interessante osservare che Ross Brawn, direttore sportivo di F1, stia valutando una serie di provvedimenti che possono andare incontro alle esigenze della sostenibilità, del miglioramento della logistica e alla riduzione dei costi.

Uno degli ultimi concetti che è sul tavolo è quello di studiare nuove norme che definiscono l’uso degli pneumatici nell’arco di un weekend di gara, con l’obiettivo di abbassare il numero dei treni a disposizione rispetto ai tredici forniti adesso dalla Pirelli per ogni macchina.

Leggi anche:

Naturalmente c’è la preoccupazione che la riduzione delle gomme possa avere un impatto negativo sullo spettacolo, cosa che, invece, si vuole evitare assolutamente…

"Stiamo tutti cercando di migliorare il nostro impegno a favore della sostenibilità in modi molto diversi e intervenire sulla logistica dei GP e sull'utilizzo degli pneumatici può essere un tema – ha spiegato Brawn – nel 2022 spero che si possa sperimentare dei fine settimana di gara in cui avremo un numero ridotto di pneumatici a disposizione”.

“Pensiamo di poterlo fare senza influenzare lo spettacolo. Ma, come sa in F1, c'è sempre la possibilità che da un concetto positivo emergano delle conseguenze indesiderate. È per questo che Tim Goss (ex dt della McLaren, ndr), tecnico FIA, sta elaborando una proposta che verrà portata in discussione con le squadre”.

“Penso che faremo degli esperimenti in alcuni weekend durante la stagione per valutarne gli effetti. Se funzionerà, allora potremo adottare il provvedimento stabilmente nel futuro, altrimenti ne riparleremo più avanti”.

La Pirelli non ha niente da obiettare anche se ci sono squadre, tipo la Mercedes, che hanno espresso delle forti riserve all’idea di introdurre altre variabili in un campionato 2022 che si preannuncia già molto ricco di novità.

Ridurre i treni, c’è chi vorrebbe scendere a 10, significherebbe mettere tendenzialmente fuori gioco le mescole più morbide e tutto questo potrebbe avere un effetto sulle prestazioni, tanto più che ancora non si conosce quale sarà il comportamento delle gomme da 18 pollici che faranno il loro debutto sulle monoposto a effetto suolo.

Finora sono stati fatti dei test in pista con mule car che simulano gli effettivi carichi 2022, ma non si hanno dati certi sulla durata delle ribassate sulle nuove vetture.

La F1 deve evitare di stravolgere la sua natura e i cambiamenti devono avvenire in maniera graduale senza produrre rivoluzioni. Va ricordato che il fornitore unico ad ogni appuntamento in calendario porta circa 2.400 gomme, comprese le rain e quelle di scorta, per cui il numero di pneumatici normalmente utilizzato è 1.040, vale a dire meno della metà di quelli in stoccaggio e, l’eventuale risparmio, sulla base di tre treni forniti in meno a GP, sarebbe di 240 pneumatici.

In materia di sostenibilità si starebbe parlando di un camion in meno da far girare su strada, mentre sarebbe certamente interessante il vantaggio nello spedire meno materiale per via aerea.

Pneumatici Pirelli nel garage

Pneumatici Pirelli nel garage

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

condividi
commenti
Gomme: le silenziose protagoniste del Motorsport
Articolo precedente

Gomme: le silenziose protagoniste del Motorsport

Articolo successivo

Williams salterà i test di Abu Dhabi: non ha la "mule car" per le 18"

Williams salterà i test di Abu Dhabi: non ha la "mule car" per le 18"
Carica i commenti