F1 | Secondo le simulazioni Hamilton poteva vincere in Ungheria

Stando alle simulazioni, Lewis Hamilton avrebbe avuto tutte le possibilità di vincere il Gran Premio di Ungheria se non avesse avuto il problema al DRS in qualifica che l'ha costretto a partire dalla settima posizione.

F1 | Secondo le simulazioni Hamilton poteva vincere in Ungheria

L'inizio della stagione 2022 non è stato dei più facili per Lewis Hamilton, che ha dovuto lottare con la Mercedes W13 e i suoi problemi di porpoising in ogni gara. Tuttavia, con il passare del tempo, il team tedesco è riuscito a risolvere alcune delle problematiche che hanno afflitto un progetto estremo e prima della pausa estiva disponeva già di una vettura in grado di lottare con Red Bull e Ferrari al vertice in alcune occasioni, come accaduto in Spagna, in Gran Bretagna o nell'ultimo round in Ungheria.

All'Hungaroring il britannico ha visto il suo compagno di squadra, George Russell, conquistare la prima pole position della sua carriera e la prima dell'anno per le Frecce d'Argento, e questo è indicativo del passo in avanti compiuto dalla squadra della stella.

Il sette volte campione del mondo, invece, è riuscito a conquistare solo il settimo posto nelle qualifiche di sabato, ma è stato un guasto al DRS a impedirgli di inseguire, o addirittura superare, il suo connazionale.

I dati della telemetria mostrano quanto sia stato veloce Lewis Hamilton nel suo primo tentativo in Q3, quando era a meno di due decimi da Russell. Durante l'ultimo giro di lancio, il DRS non si è aperto sulla vettura del sette volte campione causando una perdita di circa 20 km/h che lo ha costretto ad abortire il giro.

Dopo le qualifiche Lewis ha riconosciuto che la Mercedes avrebbe potuto monopolizzare la prima fila se non fosse stato per il problema al DRS. Forse solo Carlos Sainz jr. si sarebbe trovato in mezzo alle due vetture tedesche.

Tuttavia, la realtà è stata completamente diversa e il pilota di Stevenage è dovuto partire dalla settima posizione, compromettendo seriamente le sue possibilità di vittoria. Nemmeno il traffico è stato d'aiuto alla partenza, visto che Lando Norris lo ha bloccato fino all’ingresso ai box avvenuto all'11° giro. Liberatosi del pilota della McLaren Hamilton ha eguagliato il ritmo di Russell nonostante i due avessero pneumatici diversi (rispettivamente medium e soft).

La prima sosta importante è avvenuta al 16° giro, quando Ruseell si è recato ai box per montare un set di gomme medie, imitato dal sette volte campione al 19° giro, anche se la chiave di volta della gara è arrivata poco dopo quando i primi hanno ingaggiato una battaglia di cui hanno beneficiato solo Hamilton e Verstappen.

Lewis Hamilton, Mercedes W13

Lewis Hamilton, Mercedes W13

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Russell e Leclerc hanno dato vita a un bello spettacolo in pista per i tifosi, ma i tempi sul giro più alti hanno fatto sì che il gruppo si compattasse e Lewis, grazie a un overcut, è riuscito a superare il compagno di squadra.

A questo va aggiunta la pessima strategia dei box della Ferrari, ed il pit lento di Sainz, che hanno compromesso tutte le possibilità di podio contro la Mercedes.

Per tutta la durata della lotta per la vittoria, sia le Red Bull che George Russell hanno perso molti secondi, con Lewis Hamilton che è stato uno dei più furbi a ritardare la sua ultima sosta in pitlane fino al 51° giro, quando ha montato una mescola morbida usata per resistere fino alla fine e tagliare il traguardo in seconda posizione dietro solo a un Max Verstappen inarrestabile partito dalla decima piazza.

Se il britannico si fosse fermato prima si sarebbe trovato nel bel mezzo della lotta per il podio con la Ferrari, Sergio Pérez e il suo compagno di squadra, e questo non gli avrebbe permesso di costruire il margine necessario per salire sul secondo gradino del podio.

Tuttavia, senza i problemi del DRS, Lewis Hamilton avrebbe potuto vincere? Le simulazioni della Formula 1 riportano che senza traffico il sette volte campione del mondo avrebbe potuto creare il divario necessario per tenere a bada Max Verstappen, anche con la stessa strategia adottata.

Con il vantaggio delle gomme negli ultimi giri e la virtual safety car, Hamilton avrebbe potuto superare l'olandese per vincere la prima gara dell'anno e interrompere un digiuno di successi che dura dalla gara dello scorso anno a Jeddah.

Leggi anche:
condividi
commenti
F1 | Binotto esclusivo: "Momenti difficili tutti i giorni, ma siamo forti"
Articolo precedente

F1 | Binotto esclusivo: "Momenti difficili tutti i giorni, ma siamo forti"

Articolo successivo

F1 | Il circuito di Singapore presente nel prossimo Call of Duty

F1 | Il circuito di Singapore presente nel prossimo Call of Duty