Hembery: "Le temperature avranno un ruolo chiave"

La Pirelli porta in Bahrein le stesse mescole per la Cina, ma per il momento non ipotizza strategie

Hembery:

Bahrein, località spesso utilizzata in passato per i test in virtù del clima caldo tutto l’anno, ospita la terza gara della stagione in cui, come già in Australia e in Cina, saranno le medie e le soft le mescole da utilizzare. Rispetto alle due gare precedenti però, in Bahrein, il Gran Premio partirà al crepuscolo per finire al buio della sera. Per questo le temperature, sia dell’aria sia dell’asfalto, continueranno ad abbassarsi nel corso della gara.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: "Per il Bahrein abbiamo deciso di portare la stessa combinazione di mescole vista in Cina, anche se sul circuito di Sakhir le temperature giocheranno un ruolo più determinante. Tuttavia, con la gara che si svolge di sera, le condizioni non saranno così aggressive come è stato in Malesia – o come è accaduto due anni fa su questo tracciato, quando la gara iniziò di giorno. Il Gran Premio del Bahrain si caratterizza proprio per il cambiamento di performance degli pneumatici nel corso di tutto il fine settimana. Lo scorso anno la gara ebbe un finale emozionante per l’ingresso della safety car a 10 giri dal termine, che innescò una grande battaglia tra i due piloti Mercedes. È difficile dire cosa aspettarsi quest’anno, al di fuori del fatto che le probabilità di pioggia sono molto scarse!".

LA SFIDA MAGGIORE SUL FRONTE PNEUMATICI
L’asfalto del circuito del Bahrein è quello più abrasivo di tutto il campionato (secondo solo a Jerez in Spagna, utilizzato per i test). Per questo il degrado termico delle gomme avviene più velocemente. Tuttavia, questo fattore è in parte mitigato dal fatto che le temperature della pista e dell’aria scendono nel corso della gara, altro fattore che incide sul degrado degli pneumatici e che influenza quindi le strategie.

E’ fondamentale qui avere una buona trazione: fattore che mette sotto stress in particolare le gomme posteriori. Nel corso della giornata le temperature ambientali tendono ad essere alte e questo incide sul degrado termico, che però è meno preoccupante nel corso della gara che si svolge, invece, di sera. Il circuito è circondato dal deserto, i cui venti portano la sabbia a ricoprire l’asfalto riducendo così l’aderenza, in particolare all’inizio di ogni sessione.

Per quanto riguarda le strategie, i Team non possono scommettere su un eventuale intervento della safety car, scesa qui in pista solo nel 2007 e nel 2014.

L’impegno di Pirelli in Bahrain si moltiplica, con l’avvio del Campionato GP2; serie cadetta da cui provengono otto degli attuali piloti della F1. Per entrambe le competizioni, Pirelli vede aumentare il numero di pneumatici portati, che passa da 1.800 a 2.700, così come il numero di persone coinvolte, che da circa 55 passa a 65.

LA STRATEGIA VINCENTE DEL 2014
Lo scorso anno, l’ intervento della safety car a 10 giri dal termine della gara sparagliò le strategie favorendo un’ emozionante battaglia fino al traguardo. I primi sei classificati utilizzarono tutti una strategia a due soste, anche se erano possibili altre scelte. Lewis Hamilton optò per una sequenza soft-soft-media, mentre Nico Rosberg soft-media-soft. Quest’ultimo, pur realizzando verso la fine della gara il giro più veloce, non riuscì a sorpassare il compagno di squadra dopo l’ultimo pit stop. Sebastina Vettel su Red Bull arrivò quarto utilizzando una strategia differente: uno dei due soli piloti ad iniziare la gara con gomme medie.

DIFFERENZA ATTESA TRA LE DUE MESCOLE
1"5 -1"7 per giro.

METEO PREVISTO PER LA GARA
Asciutto e caldo. Si prevede che le temperature dell’aria saranno all’inizio intorno ai 29°C, per scendere fino ai 25° verso la fine della gara. Il rischio di pioggia è molto basso, anche se c’è stata qualche breve precipitazione nel passato durante il fine settimana di gara.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie