F1 | Scopriamo la nuova factory Aston Martin da 200 milioni di £

Da quando Lawrence Stroll ha rivelato il suo progetto di riportare il nome Aston Martin in Formula 1, le ambizioni del team sono state tutt'altro che piccole.

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
1/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
2/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
3/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
4/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
5/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
6/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
7/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
8/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
9/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
10/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
11/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
12/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
13/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
14/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
15/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
16/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
17/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
18/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
19/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
20/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
21/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
22/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory tour
Aston Martin Silverstone factory tour
23/27

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Aston Martin Silverstone factory rendering
Aston Martin Silverstone factory rendering
24/27

Foto di: Aston Martin Racing

Aston Martin Silverstone factory rendering
Aston Martin Silverstone factory rendering
25/27

Foto di: Aston Martin Racing

Aston Martin Silverstone factory rendering
Aston Martin Silverstone factory rendering
26/27

Foto di: Aston Martin Racing

Aston Martin Silverstone factory rendering
Aston Martin Silverstone factory rendering
27/27

Foto di: Aston Martin Racing

Per il suo primo anno come Aston Martin, dopo il rebranding della Racing Point, è arrivato il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel per disputare le ultime due stagioni della sua carriera. E nel 2023, il suo posto sarà preso da Fernando Alonso, un altro pilota considerato tra i più grandi di tutti i tempi, che ha preferito legarsi alla squadra di Silverstone che proseguire il suo rapporto con l'Alpine.

A livello ingegneristico, sono arrivati talenti da tutta la griglia di partenza, rafforzando una squadra che, dopo anni passati a fare i conti con un budget ridotto, ha ora le carte in regola per puntare alle prime posizioni della griglia.

Già nel marzo 2021, Stroll aveva delineato un piano quinquennale che prevedeva che l'Aston Martin potesse competere per il titolo di F1, e una parte importante del progetto era costituita da una nuova factroy all'avanguardia da cui avrebbe operato. Lo scorso settembre è stato aperto il cantiere di 37.000 metri quadrati intorno alla fabbrica esistente a Silverstone, un tempo sede del lontano predecessore del team, la Jordan, con l'obiettivo di renderla operativa nel 2023.

La scorsa settimana, Motorsport.com ha fatto parte di un gruppo selezionato di media che hanno visitato la nuova factory Aston Martin per vedere come procedevano i piani per quello che promette di essere un passaggio fondamentale per il team per avvicinarsi alla lotta per il Mondiale.

Quando è stato aperto il cantiere a Silverstone, Stroll ha spiegato che voleva che il nuovo stabilimento Aston Martin fosse "l'opposto di quello che ha fatto Ron Dennis" con il McLaren Technology Centre di Woking: dare priorità alla funzione, non all'estetica.

La fabbrica sarà costruita in tre parti, la prima delle quali sarà completata nel maggio 2023. Questo sarà l'edificio principale per la squadra corse, dove verrà progettata la vettura e dove si svolgeranno tutte le principali operazioni. Il secondo edificio che verrà inaugurato ospiterà la nuova galleria del vento, la cui apertura è prevista per il terzo trimestre del 2024, prima che un terzo edificio venga aperto come spazio per i dipendenti e per gli eventi, che sarà sul sito della fabbrica esistente. I tre edifici saranno collegati tra loro da ponti.

Aston Martin Silverstone factory tour

Aston Martin Silverstone factory tour

Photo by: Dom Romney / Motorsport Images

Sebbene ci sia ancora molto da fare prima dell'apertura, l'edificio principale sta prendendo rapidamente forma. Il team svolgerà le sue attività al piano terra ed è stato fortemente coinvolto nel garantire che il design dell'edificio soddisfi le loro esigenze e che ci sia il giusto flusso tra tutti i reparti. Piccoli dettagli come la collocazione di armadietti o cassetti possono avere un grande impatto sui processi di lavoro, per cui è importante che vengano considerati ed implementati di conseguenza. La funzione prevale sulla moda.

Al piano superiore della fabbrica ci sarà un ufficio tecnico ad open space, un ambiente che il direttore tecnico Dan Fallows, ex Red Bull, è convinto possa favorire la creatività nella progettazione delle auto.

"Sono già stato in un grande ufficio open space, con la possibilità di camminare e parlare con le persone con estrema facilità", dice. "Fa un'enorme differenza in termini di interazioni, in particolare di quelle interazioni in cui si può parlare con qualcuno di una cosa e poi di tante altre. Spesso finiscono per essere le conversazioni più creative. È questo che stiamo cercando di costruire".

Il cuore della fabbrica principale è attraversato da una "strada" centrale lunga 160 metri che collegherà l'intero edificio, evitando i layout labirintici visti in altre factory di F1. Anche elementi come il posizionamento delle finestre, rivolte a nord per favorire gli schermi dei computer e bloccare i riflessi solari, sono stati considerati tenendo conto della forza lavoro. 

Il piano superiore ha finestre che corrono tutt'intorno e che offrono una vista sulla campagna del Northamptonshire e, dal balcone fuori dall'ufficio di Stroll, dove in futuro verranno prese molte delle decisioni del team, c'è una vista sulla pista di Silverstone.

Sarà la fabbrica migliore della F1? È una domanda a cui è "facile rispondere", secondo il team principal Mike Krack: "Sì". Ma per quanto impressionante sia la fabbrica, la vera misura del suo successo sarà data da ciò che produrrà attraverso le future monoposto Aston Martin di F1.

La AMR23 sarà l'ultima vettura ad essere progettata e prodotta nello stabilimento esistente, mentre il passaggio alla primavera prossima significherà che il modello 2024 uscirà dal nuovo impianto. Nel 2025, la vettura avrà beneficiato dell'utilizzo della galleria del vento più moderna della F1. Anche la McLaren sta costruendo una nuova galleria del vento, il che significa che solo due squadre avranno un impianto costruito negli ultimi dieci anni.

"Non c'è dubbio che si tratterà di una struttura di livello mondiale, e potervi accedere 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in caso di necessità, è ovviamente molto importante", afferma Fallows. "Man mano che miglioriamo e che la disponibilità dei run in galleria del vento, che abbiamo dall'Aerodynamic Testing Restrictions, diminuirà, è chiaro che non passeremo più tanto tempo in galleria".

Aston Martin Silverstone factory tour

Aston Martin Silverstone factory tour

Photo by: Dom Romney / Motorsport Images

"Ma avere una struttura propria significa poter fare anche altri esperimenti, il che è inestimabile e qualcosa che al momento non possiamo permetterci di fare condividendo la galleria con un altro team".

Mettere tutto sotto lo stesso tetto è un passo importante per Aston Martin. Sebbene non intenda abbandonare la collaborazione con la Mercedes per il propulsore e alcune parti nell'immediato futuro, ritenendo che nessuno dei due sia un grosso svantaggio, le cose sotto il suo controllo saranno ora oggetto di grande attenzione.

"Abbiamo la possibilità, quando tutto è in loco, di essere molto più dettagliati in termini di analisi e di dettaglio del processo di produzione, analizzandolo in modo da poterlo migliorare molto di più rispetto a quando si utilizzano persone esterne", spiega Fallows. "È questa, probabilmente, la differenza fondamentale".

Questo dovrebbe dare ad Aston Martin ciò di cui ha bisogno per fare il prossimo passo avanti. La ripresa dopo un inizio d'anno difficile ha dato la certezza di essere sulla strada giusta per il prossimo anno, anche se Fallows ha detto di aspettarsi alcune "differenze significative" sulla AMR23. La motivazione offerta al personale dalla nuova sede di Silverstone è un altro aspetto che il team sta sfruttando, organizzando visite guidate periodiche per mostrare ai suoi dipendenti come procedono i progetti.

"Abbiamo un grande slancio", ha detto Krack. "Quando si entra qui si percepisce questo spirito. Onestamente, abbiamo motivo di credere che possiamo continuare su questa strada".

L'esborso di circa 200 milioni di sterline per una nuova fabbrica è la prova dell'impegno di Lawrence Stroll nel far funzionare il progetto Aston Martin F1, il che significa che deve avere in mente il lungo termine.

Sarà la prima struttura per team costruita tenendo conto del nuovo budget cap della F1, il che significa che l'efficienza creata dall'avere tutto sotto lo stesso tetto è ancora più preziosa. Se gli sviluppi possono essere più economici e veloci, si avrà più tempo e denaro per produrre altri pezzi o per cercare ulteriori aggiornamenti, il che farà progredire il team in pista.

"Si ha la possibilità di produrre tutto da soli, ma si può anche decidere di acquistare o produrre, e si possono fare le cose più velocemente", dice Krack. "Quindi, se si possono fare anche in modo più economico, significa che se ne possono fare di più. Si possono avere uno o due aggiornamenti in più rispetto a quelli che prima, per motivi di tempo e anche finanziari, non si potevano fare. Da questo punto di vista, credo sia un buon passo avanti".

Ma Krack ritiene che i vantaggi più significativi arriveranno dal punto di vista umano, grazie al fatto di avere tutto sotto allo stesso tetto. "Sarà molto diverso e molto più facile", afferma. "Da questo punto di vista, sono pienamente d'accordo nell'usare la parola game changer, per le dinamiche di squadra e la logistica".

Durante la progettazione e la costruzione dello stabilimento, Stroll ha chiarito che vuole che tutto dia il feeling "Aston Martin": deve avere una certa gravitas, un impegno per la qualità e la ricerca del successo. Mentre lo stabile si avvicina al completamento e il team si prepara a trasferirsi a metà della prossima stagione, lo slancio che sta raccogliendo non può che crescere a dismisura.

Aston Martin si prepara a fare il passo successivo e a provare ad entrare nell'élite della F1: la sua nuova fabbrica rappresenterà un momento importante e potrebbe fungere da dichiarazione d'intenti per i suoi rivali.

Leggi anche:
condividi
commenti

F1 | Brown: "Ricciardo in Red Bull? La scelta migliore"

F1 | Paradosso Ferrari: Binotto è out, ma resta capo ad interim!