F1 | San Paolo, Libere 1: Hamilton davanti con il motore nuovo

Lewis monta la PU5 che gli costerà cinque posizioni sulla griglia e risulta nettamente il più veloce nella prima (e unica) sessione di prove libere del GP di San Paolo prima delle qualifiche. La Mercedes si è lasciata a tre decimi le Red Bull di Verstappen e Perez, ma la sensazionè è che Max non abbia spinto per preservare il motore. Bottas è quarto a messo secondo, davanti all'ottimo Gasly che ha preceduto le due Ferrari di Sainz e Leclerc.

F1 | San Paolo, Libere 1: Hamilton davanti con il motore nuovo

Lewis Hamilton sfrutta il motore fresco (è la PU5 smarcata dal campione del mondo) e risulta il più veloce nell'unica ora di prove libere che precede la qualifica del GP di San Paolo, sorprendendo le due Red Bull date per grandi favorite sul circuito in altura di Interlagos.

L'inglese con 1'09"050, il tempo ottenuto con le gomme soft, ha centrato la prestazione con il secondo treno di rosse, dopo che l'epta campione si era lamentato dell'esagerato pompaggio dell'avantreno sulle asperità della pista brasiliana: i tecnici lo hanno accontentato rivedendo il set up e lui li ha ripagati con un'ottima prestazione che è migliore di un paio di decimi da quella ottenuta da Sebastian Vettel con la Ferrari nel secondo turno del 2019.

Max Verstappen è secondo a 367 millesimi: l'olandese è pressato a nemmeno un decimo dal compagno di squadra Sergio Perez. La sensazione è che in Red Bull non abbiano cercato il limite con il motore Honda, perché il divario fra i due conduttori di Milton Keynes è minore del solito, segno che Max ha ancora margine per sftuttare la RB16B.

Valtteri Bottas è quarto con la seconda W12: il finlandese paga mezzo secondo dal suo capitano, ma ha creato un solco sugli "altri". A svettare nel gruppo dietro ai top team è ancora una volta Pierre Gasly quinto con l'AlphaTauri. Il francese continua a stupire con la AT02 che limita a tre decimi il suo distacco dalla freccia nera di Bottas. Il transalpino ha rifilato un paio di decimi alle due Ferrari con Carlos Sainz sesto e Charles Leclerc settimo confermando una superiorità già vista in Messico.

Le due SF21 sono separate di appena 3 millesimi segno che sono arrivate vicino al limite nella configurazione da qualifica, dopo aver trascorso metà sessione con le hard, lavorando anche in funzione della gara.

La Scuderia, su una pista che sulla carta dovrebbe giocare a favore della McLaren nella battaglia per il terzo posto nel mondiale Costruttori, si è difesa piuttosto bene, segno che il lavoro di simulazione è stato più positivo di quello svolto in Messico. Le McLaren non hanno montato le gomme soft, dedicandosi alla messa a punto con le media sulle MCL35 M di entrambi i piloti: Lando Norris è 15esimo e Daniel Ricciardo addirittura 19esimo.

La pista brasiliana, invece, sembra andare incontro all'Alpine: tanto Esteban Ocon che Fernando Alonso, ottavo e nono, non hanno usato le soft, mostrando un gran potenziale con le gialle e con le hard.

La top 10 si chiude con Lance Stroll che piazza l'Aston Martin davanti a Yuki Tsunoda con la seconda AT02: il giapponese non sbaglia più e sta alzando il suo target prestazionale. Il nipponico si è messo dietro due campioni del mondo: Sebastian Vettel è 12esimo con la "verdona" avvicinato da Kimi Raikkonen con l'Alfa Romeo. Iceman è incalzato da Antonio Giovinazzi a cui è stato detto che non rientra più nei piani del team di Hinwil.

Impressiona Mick Schumacher ottimo 16esimo con la Haas: il tedeschino anche in questo frangente rifila mezzo secondo a Nikita Mazepin a parità di vettura (deludente). Il russo, quindi è inchiodato all'ultimo posto. George Russell è con la testa già alla Mercedes: l'inglese è di un soffio dietro a Nicholas Latifi a suo agio sulla Williams sui curvoni veloci di Interlagos. Alle 20 ora italiana ci sarà il via delle qualifiche e si farà subito molt sul serio...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 31 1'09.050 224.654
2 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 22 1'09.417 0.367 0.367 223.466
3 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 28 1'09.492 0.442 0.075 223.225
4 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 30 1'09.567 0.517 0.075 222.985
5 France Pierre Gasly
AlphaTauri 32 1'09.880 0.830 0.313 221.986
6 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 31 1'10.124 1.074 0.244 221.213
7 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 32 1'10.142 1.092 0.018 221.157
8 France Esteban Ocon
Alpine 27 1'10.145 1.095 0.003 221.147
9 Spain Fernando Alonso
Alpine 26 1'10.201 1.151 0.056 220.971
10 Canada Lance Stroll
Aston Martin 27 1'10.352 1.302 0.151 220.496
11 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 33 1'10.374 1.324 0.022 220.427
12 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 28 1'10.413 1.363 0.039 220.305
13 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 31 1'10.443 1.393 0.030 220.212
14 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 31 1'10.587 1.537 0.144 219.762
15 United Kingdom Lando Norris
McLaren 27 1'10.610 1.560 0.023 219.691
16 Germany Mick Schumacher
Haas 27 1'10.885 1.835 0.275 218.838
17 Canada Nicholas Latifi
Williams 23 1'10.902 1.852 0.017 218.786
18 United Kingdom George Russell
Williams 24 1'10.938 1.888 0.036 218.675
19 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 25 1'10.990 1.940 0.052 218.515
20 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 28 1'11.342 2.292 0.352 217.437
condividi
commenti
F1 | Ecco il casco-dedica di Hamilton ad Ayrton Senna
Articolo precedente

F1 | Ecco il casco-dedica di Hamilton ad Ayrton Senna

Articolo successivo

Mercedes, guai ai motori. Wolff: "Potenza cala di gara in gara"

Mercedes, guai ai motori. Wolff: "Potenza cala di gara in gara"
Carica i commenti