Un detrito avrebbe causato la rottura di Hamilton

Un detrito avrebbe causato la rottura di Hamilton

E' questa l'ipotesi della Pirelli che non ha ravvisato un cedimento strutturale della gomma

La Pirelli è giunta alla conclusione che quasi sicuramente è stato un detrito metallico a provocare il danno alla gomma posteriore di Lewis Hamilton durante l'ultima sessione di prove libere del Gp del Bahrein, che poi ha portato al cedimento della sospensione e del cambio della sua Mercedes, costandogli una penalità di cinque posizioni in griglia, che lo costringerà a scattare dal nono posto nella gara di domani. Paul Hembery ha infatti spiegato che alle spalle di Hamilton c'era Giedo van der Garde e che anche il pilota della Caterham è rientrato ai box con uno squarcio molto sospetto su uno dei suoi pneumatici, che sicuramente era dovuto al contatto con un detrito, in quanto non c'erano segni di cedimento strutturale della gomma. "Van der Garde era subito dietro e la sua gomma posteriore aveva un taglio di 10 cm, un taglio molto profondo che poteva essere stato solo causato da un detrito metallico. La nostra ipotesi è che un Lewis abbia incontrato un detrito metallico lungo la pista e che questo abbia colpito la sua monoposto a cavallo tra la sospensione, la ruota ed il freno. La gomma, infatti, non ha ceduto dal punto di vista strutturale ed è successa la stessa cosa anche su quella di van der Garde" ha spiegato Hembery ad Autosport.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton
Articolo di tipo Ultime notizie