Russell: "Non temo di essere scaricato dalla Williams"

Il pilota inglese non sembra affatto preoccupato all'idea che la nuova proprietà della squadra di Grove possa lasciarlo a piedi per fare posto a Sergio Perez. Il messicano arriverebbe con una buon dote di sponsor: "Ho un contratto valido con la Williams e conto di restare in squadra l'anno prossimo. I responsabili del team non mi hanno detto niente, ma verranno a Portimao per cui avrò modo di parlargli".

Russell: "Non temo di essere scaricato dalla Williams"

Nel paddock la convinzione è che George Russell abbia ancora buone possibilità di disputare il prossimo Mondiale di Formula 1 al volante della Williams.

“Diciamo un 60%”, ha sussurrato un addetto ai lavori, ma dipenderà anche da quanto vorranno mettere sul piatto gli sponsor che da inizio carriera supportano Sergio Perez, ovvero l’antagonista di Russell per il sedile al fianco di Nicolas Latifi.

Interrogato oggi a Portimao in merito a questa situazione, Russell ha indossato i panni del diplomatico dichiarando di non essere preoccupato in merito al suo futuro.
“Ho un accordo per il prossimo anno - ha confermato George - non è cambiato assolutamente nulla, dal punto di vista contrattuale, anche con la nuova proprietà. In realtà non ne ho ancora parlato con i nuovi proprietari della squadra, perché da parte mia non ci sono preoccupazioni, ma saranno presenti qui a Portimao in questo fine settimana. Sono sicuro che nel 2021 sarò in griglia con la Williams”.

Questa la visione di Russell, ma ci sono altri segnali che confermano una trattativa (quella tra Perez e la Williams) tutt’altro che arenata.

I nuovi proprietari del team, il fondo Dorilton Capital, stanno valutando entrambe la possibilità, ovvero proseguire con Russell o giocare la carta Perez, che oltre ad essere indubbiamente un buon pilota, consente di poter contare su un aiuto importante sul fronte finanziario.

Una possibilità, quest’ultima, di cui sono coscienti sia Russell che la Mercedes (il pilota inglese fa parte del programma Junior del team campione del mondo) al di là delle dichiarazioni ufficiali.

“Se nelle prossime settimane sorgessero motivi di preoccupazione – ha proseguito Russell – avrò modo di confrontarmi con la Mercedes, siamo in contatto costante e mi sento in una posizione privilegiata potendo contare sul loro sostegno".

"Se ci saranno problemi ne parlerò con loro, ma in questo momento non ho motivo di preoccuparmi e a lungo termine sono cosciente di essere in un’ottima posizione”.

“Non sono sorpreso che possano esserci speculazioni – ha concluso George – poiché ci sono molti ottimi piloti senza un volante, come Perez, i due attuali piloti della Haas ed anche Hulkenberg, e purtroppo in Formula 1 non c'è abbastanza posto per tutti coloro che meritano di essere qui”.

condividi
commenti
Steiner: “Due esordienti in Haas? Tutto è possibile”

Articolo precedente

Steiner: “Due esordienti in Haas? Tutto è possibile”

Articolo successivo

Perez: "Confermo, sto trattando con una squadra"

Perez: "Confermo, sto trattando con una squadra"
Carica i commenti