Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera
Formula 1 GP d'Italia

F1 | Rottura Porsche-Red Bull, Horner: "DNA troppo diversi"

Christian Horner ha dichiarato che i colloqui tra Red Bull e Porsche per una futura collaborazione si sono interrotti perché le due aziende hanno "un DNA piuttosto diverso".

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Porsche stava perseguendo una partnership che l'avrebbe portata a marchiare il propulsore 2026, attualmente in fase di sviluppo da parte di Red Bull Powertrains nel suo nuovo stabilimento di Milton Keynes.

L'accordo avrebbe comportato anche una partecipazione azionaria in Red Bull Racing e una ripartizione al 50-50 del processo decisionale.

Tuttavia, nelle ultime settimane le possibilità che l'accordo andasse in porto si sono affievolite e venerdì Porsche ha annunciato ufficialmente che i colloqui con Red Bull si sono interrotti.

Alla fine la Red Bull ha rinunciato all'accordo soprattutto perché temeva che la sua capacità di reagire rapidamente alle esigenze quotidiane della F1 sarebbe stata compromessa dall'approccio più aziendale della Porsche.

Horner insiste sul fatto che il progetto Red Bull PU non è mai stato subordinato al supporto di Porsche o di altri partner esterni.

"Ovviamente, dato che la Red Bull diventerà un costruttore di propulsori nel 2026, è sempre stato naturale tenere delle discussioni", ha dichiarato a Motorsport.com.

"Queste discussioni si sono concluse e siamo giunti alla conclusione che non era giusto per il coinvolgimento della Red Bull in F1".

"Ci siamo impegnati a diventare un produttore di motopropulsori un anno e mezzo fa, o poco più. Abbiamo investito moltissimo in strutture e persone e il primo motore Red Bull è stato acceso circa un mese fa".

Max Verstappen, Red Bull Racing RB18

Max Verstappen, Red Bull Racing RB18

Photo by: Red Bull Content Pool

"Si tratta quindi di un nuovo capitolo estremamente emozionante per Red Bull, che non è mai stato condizionato o dipendente da un coinvolgimento di terzi o di un OEM. Non è mai stato un prerequisito".

Alla domanda se un contributo finanziario da parte di Porsche sarebbe stato un vantaggio, Horner ha risposto: "Ma solo se fosse stato in linea con il nostro DNA e la nostra strategia a lungo termine".

"Non c'è mai stata una discussione finanziaria. Porsche è un grande marchio. Ma il DNA è molto diverso. Durante il processo di discussione è emerso chiaramente che c'era un disallineamento strategico".

"La Red Bull ha dimostrato ciò che è in grado di fare in F1. E ovviamente, come team indipendente e ora produttore di motori, non vediamo l'ora di andare a competere con i costruttori OEM sia con i propulsori che con i telai".

Horner ha ammesso che la Red Bull rimane aperta a discussioni con altri potenziali partner che potrebbero essere interessati a fregiarsi del marchio della PU 2026.

Tuttavia, è chiaro che l'azienda prenderebbe in considerazione un accordo solo se mantenesse un grado di autonomia superiore a quello che avrebbe avuto con Porsche.

"Siamo completamente concentrati su una power unit Red Bull. E se ci fosse un partner che la pensa come noi e che potrebbe dare un contributo al progetto, ovviamente dovremmo prenderlo in considerazione. Ma non è un prerequisito".

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Photo by: Red Bull Content Pool

"Saremo l'unica squadra, oltre alla Ferrari, ad avere motore e telaio in un'unica struttura, sotto lo stesso tetto".

"Crediamo che per la competitività a lungo termine della squadra sia assolutamente la cosa giusta da fare. E, naturalmente, ci sono anche altre opportunità.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Red Bull-Porsche: ecco tutti i motivi di una rottura
Articolo successivo F1 | Wurz propone di registrare i contratti dei giovani piloti

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera