Rob White: "Abbiamo usato quasi tutti i gettoni 2015"

Il direttore tecnico di Renault Sport F1 ammette che è rimasto ben poco del motore 2014

Rob White:

Rob White, direttore tecnico di Renault Sport F1, lancia la stagione 2015: a Viry-Chatillon sono molto fiduciosi di aver svolto un grosso lavoro sulla power unit Energy F1 che verrà fornita a Red Bull Racing e Scuderia Toro Rosso. L’inglese, che è in Francia da oltre dieci anni, sembra aver ritrovato il sorriso, dopo un 2014 pieno di difficoltà specie all’inizio della stagione.

Quali sono le principali modifiche alla power unit Renault Energy F1 2015?
“Abbiamo fatto alcuni cambiamenti fondamentali per migliorare sia le prestazioni che l’affidabilità. Abbiamo aggiornato ogni sistema e sottosistema della power unit, dando la priorità alle prestazioni. Le principali modifiche riguardano il motore termico, il turbocompressore e la batteria. Il 6 cilindri avrà un nuova camera di combustione concetto e trombette mobili che sono concesse dalla normativa 2015. Il compressore è più efficiente, mentre i sistemi di recupero di energia sono in grado di sopportare maggiori sforzi. L'unità 2014 era già ben posizionata nel suo centro di gravità, tuttavia abbiamo rivisto l’installazione per avere una migliore integrazione col telaio. In sostanza, ci sono pochissime parti identiche tra i propulsori 2014 e 2015”.

La Renault come ha deciso di gestire i propri gettoni?
“Abbiamo sfruttato la maggior parte dei gettoni già per la prima gara, quindi l’uso di token nel corso della stagione sarà relativamente modesto. E allora è una questione strategica la scelta sul quando introdurre le modifiche. Chi le usa a inizio stagione, come noi, dispone di un motore tecnologicamente più avanzato, ma magari relativamente immaturo per trarne tutto il potenziale, mentre chi arriverà più avanti nella stagione disporrà di più chilometri di test, ma l'impatto sulle prestazioni sarà minore. Ricordo che potremo ancora fare delle modifiche finalizzate all'affidabilità”.

Quali sono gli obiettivi per il 2015?
“Prima di tutto dovremo raggiungere una buona affidabilità, ma cercheremo la velocità per chiudere il gap con chi sta davanti. La nostra aspettativa è di fare meglio dello scorso anno, ma è difficile quantificare il guadagno. Quello che posso dire è che siamo sulla buona strada per fare un significativo passo avanti in materia di prestazioni e risolvere le principali debolezze che ci hanno rallentato l’anno scorso”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie