F1: riportare un Gran Premio in Africa è una priorità

La Formula 1 ha come priorità l'inserimento di una gara in Africa nel prossimo futuro: a rivelarlo è stata la persona incaricata proprio della gestione del calendario.

F1: riportare un Gran Premio in Africa è una priorità

Chloe Targett-Adams, direttore globale della promozione delle gare di F1, che si occupa degli organizzatori di eventi, ha rivelato che il continente africano è in cima alla lista dei desideri per i nuovi eventi.

Il campione del mondo in carica Lewis Hamilton ha sottolineato che per la Formula 1 sarebbe importante approdare in Africa. Ed anche l'ex grande capo del Circus, Bernie Ecclestone, ha cercato per molti anni di tornare in Sudafrica, che ha ospitato l'ultima volta un round del Mondiale nel 1993. E questo desiderio è proseguito anche sotto alla gestione di Liberty Media.

Mentre il Sudafrica rimane la sede più probabile, c'è stato anche l'interesse di altri paesi, in particolare il Marocco, che ha ospitato una gara nel 1958.

"Sono completamente d'accordo con Lewis, l'Africa è un continente in cui non corriamo e questo è sicuramente sbagliato", ha detto la Targett-Adams durante il seminario online Blackbook. "E' un posto che vogliamo molto, è una priorità. Siamo stati in trattativa per diverse opzioni per alcuni anni".

"Speriamo che, alla fine, saremo in grado di realizzare una gara lì a breve o a medio termine. Oltre all'Africa, gli Stati Uniti rimangono una chiara priorità strategica. Abbiamo già un grande evento ad Austin, dove speriamo di continuare a lavorare negli anni a venire con il nostro promoter".

"Ma stiamo cercando anche una seconda opportunità, una seconda proposta per gli Stati Uniti. Allo stesso modo anche in Asia, non abbiamo fatto mistero del fatto che anche questa è una priorità chiave".

La Targett-Adams ha insistito anche sul fatto che la F1 non ha rinunciato al GP del Vietnam. La gara inaugurale di Hanoi è stata rinviata l'anno scorso a causa della pandemia del COVID-19, poi è rimasta fuori dal calendario 2021 dopo uno scandalo politico locale.

"Il Vietnam è una location molto interessante per la Formula 1", ha detto. "C'è una popolazione molto giovane, un settore commerciale vibrante, quindi è un posto dove siamo molto entusiasti di poter correre".

"Nel 2020 doveva esserci la prima gara, su un incredibile circuito realizzato alla periferia di Hanoi. Poi, e del tutto comprensibilmente, nessuno vorrebbe lanciare la sua prima gara nel bel mezzo di una pandemia. Successivamente, ci sono stati alcuni problemi a livello locale, legati al cambiamento del governo, quindi abbiamo concordato con il promoter Vingroup che anche il 2021 non fosse ancora il momento giusto".

"Quindi continuiamo a lavorare con loro, e a lungo termine, ci piacerebbe avere ancora l'opportunità di organizzare una gara in Vietnam. Speriamo di riuscire ad arrivarci alla fine".

Targett-Adams ha ammesso che il problema principale è trovare lo spazio nel calendario sia per gli eventi nuovi che per quelli consolidati.

"Siamo una serie globale, siamo fortunati che ci sia molto interesse", ha aggiunto. "Allo stesso modo, ci sono spazi molto limitati sul calendario. Senza voler lasciare indietro nessuno dei capisaldi del calendario o delle relazioni a lungo termine, come possiamo gestire l'opportunità di portare la F1 in nuove località per raggiungere nuovi fan?".

"Ed è qui che l'alternanza tra circuiti già esistenti può diventare un concetto abbastanza interessante. L'Africa, gli Stati Uniti e l'Asia sono i luoghi dove puntiamo ad avere delle nuove gare in questo momento".

condividi
commenti
Red Bull: Perez vede un "buon potenziale" nella RB16B
Articolo precedente

Red Bull: Perez vede un "buon potenziale" nella RB16B

Articolo successivo

Ferrari: ecco come cambia l'organigramma della Scuderia

Ferrari: ecco come cambia l'organigramma della Scuderia
Carica i commenti