Renault: nuovo organigramma con Tokunaga?

Renault: nuovo organigramma con Tokunaga?

Il giapponese avrà più deleghe da Rob White nello sviluppo della power unit per il 2015

La Renault si prepara a reagire. A Viry-Chatillon, quartiere generale del reparto Formula 1, stanno lavorando solo per cancellare il difficile 2014, nonostante le tre vittorie di Daniel Ricciardo con la Red Bull RB10, le uniche che hanno interrotto lo strapotere della Mercedes.

Cyril Abiteboul, responsabile di Renault Sport F1, sta disegnando un nuovo organigramma che verrà ufficializzato in occasione dei test di Jerez in programma in Andalusia dal 1 al 4 febbraio, mentre i tecnici transalpini a stretto contatto con quelli di Milton Keynes stanno studiando come sfruttare al meglio i 32 gettoni di sviluppo concessi dalla FIA per le power unit 2015.

Stando alle indiscrezioni che ci giungono da Parigi in questi giorni di feste, dovrebbe crescere la responsabilità di Naoki Tokunaga nello sviluppo dei motori Energy F1: il giapponese, che da alcuni è soprannominato il “Ross Brawn dei motoristi” per la sua capacità analitica di affrontare e risolvere i problemi, avrà più deleghe da Rob White, l’inglese che è il vice-direttore di Renault Sport F1 e direttore tecnico. All’asiatico, infatti, dovrebbero competere oltre alla progettazione anche la ricerca e sviluppo.

Allo stato attuale delle cose la Renault dovrà fornire solo due dei quattro team che ha supportato nella stagione 2014: la Caterham naviga in cattive acque finanziarie, sebbene abbia ottenuto la possibilità di correre con la monoposto di quest’anno aggiornata, mentre la Lotus ha pensato bene di assicurarsi il V6 Turbo Mercedes per tentare un grosso salto di qualità dopo le cocenti delusioni dell’annata appena conclusa. A Viry-Chatillon, quindi, dovrebbero programmare degli investimenti di produzione più limitati per Red Bull Racing e Toro Rosso, potendo spendere qualche euro in più nella ricerca delle prestazioni.

Il ruolo di Naoki Tokunaga diventa strategico, visto che il giapponese ha trascorso diversi giorni alla settimana distaccato alla Red Bull Racing, per cui ha “raccolto” tutte le indicazioni dei tecnici diretti da Adrian Newey per permettere alla RB11 di sfidare nel 2015 più spesso le frecce d’argento.

Si dice che la power unit che ha deluso le aspettative quest’anno sia nata con dei forti vincoli di budget (specie nella scelta di alcuni fornitori) che avrebbero condizionato, almeno in parte, lo sviluppo di alcuni aspetti del propulsore, ma a Parigi ora sarebbero corsi ai ripari per ridurre sensibilmente il divario prestazionale dalla PU106 A della Mercedes, avendo l’ambizione di tornare a recitare il ruolo dei grandi protagonisti a partire dal 2016.

Naoki Tokanuga è stato vice-direttore tecnico della Lotus fino al 2012, quando a capo del gruppo di Enstone c’era l’attuale ferrarista, James Allison, e poi ha fatto il suo rientro in Renault potendo beneficiare anche di una preziosa esperienza telaistica.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie