F1, regole 2021: per trovare le zone grigie ecco un pool di esperti

condividi
commenti
F1, regole 2021: per trovare le zone grigie ecco un pool di esperti
Di:
21 lug 2019, 10:39

I boss di F1 hanno creato un pool di ingegneri delegato ad aggirare le regole per poter trovare subito le zone grigie delle norme 2021 ed evitare che accada in futuro.

Nel corso di questa settimana la F1 ha svelato quali potrebbero essere i punti cardine che disegneranno le monoposto di Formula 1 a partire dalla stagione 2021. Queste saranno improntate su concetti aerodinamici che dovranno permettere alle monoposto di tornare a lottare tra loro senza dover fare i conti con vortici nocivi - quelli attuali - che impediscono ai piloti di creare spettacolo lottando tra loro in gara.

FIA e F1 stanno discutendo sulla finalizzazione del nuovo concetto di monoposto, che dovrà entrare in vigore dal 2021. L'obiettivo dei vertici del Circus iridato è quello di garantire che l'intenzione di creare gare più spettacolari non deragli in virtù di eventuali aree grigie nel regolamento.

La preoccupazione principale è che le squadre possano trovare il modo di sfruttare i regolamenti per incrementare la velocità delle proprie monoposto e, allo stesso tempo, rovinare gli sforzi della F1 volti a portare le monoposto a seguirsi a vicenda senza dover alzare il piede a causa di interferenze dovute a vortici nocivi provenienti dalla monoposto che è davanti.

I dati attuali dell'ultimo concept di monoposto 2021 mostrano che la perdita di carico aerodinamico quando si segue da vicino un altro rivale sarebbe ridotta dal 45% al 5-10%.

Nikolaz Tombazis, capo del reparto tecnico della FIA, ha affermato che le parti in causa stanno compiendo uno sforzo senza precedenti per garantire che il lavoro sul design delle monoposto possa consentire buone corse e che questo non deragli nel corso del tempo.

"Stiamo facendo un grosso lavoro per cercare di infrangere le regole, ed è quello che mancava e che non è stato fatto per i regolamenti precedenti. Con le nuove norme è una grande opportunità cercare di spingerci all'estremo e vedere se alcune aree hanno delle scappatoie o vedere se possano sorgere nel tempo conseguenze indesiderate a causa delle nuove regole".

"Se abbiamo l'opportunità di farlo da soli, significa che potremmo evitare che alcune regole possano creare problemi in seguito. I miei colleghi di F1, nel loro reparto aerodinamico, lo stanno facendo. Non è questione di fare le regole. E' solo un gruppo di lavoro aerodinamico che cerca di simulare il lavoro aerodinamico che potrebbe avvenire in un team e vedere come potrebbero essere aggirate le regole".

"Parte del lavoro è anche stabilire se trovare un'ala più efficiente dal punto di vista del carico aerodinamico si possano negare alcuni aspetti positivi ottenuti con le prestazioni della prossima monoposto. Se si riscontrano tali casi reagiremo per cercare di evitare questi problemi".

FIA e i team stanno lavorando per cercare di trovare un accordo sul nuovo regolamento entro il 15 settembre, prima della ratifica da parte del Consiglio Mondiale del Motorsport che avverrà entro il 31 ottobre. E' però chiaro che la F1 continuerà a lavorare per evitare che le nuove regole possano essere aggirate.

Ross Brawn, managing director della F1, ha affermato: "Il gruppo di lavoro che abbiamo alla FOM non si fermerà una volta che le regole saranno deliberate. Andrà avanti a lavorare. Abbiamo potuto vedere che i team sono in grado di trovare soluzioni nuove che si evolvono nel tempo. Le analizzeremo e, se capiremo che queste creeranno situazioni negative, le respingeremo".

"Questo gruppo non lavorerà a senso unico. Monitoreremo, svilupperemo e ottimizzeremo le soluzioni per assicurarci di mantenere questi obiettivi e avere gare migliori".

Tombazis ha aggiunto: "Siamo consapevoli che quando i team svilupperanno le proprie monoposto non avranno l'obiettivo di rendere facile i sorpassi da parte delle altre monoposto. Ognuno si occuperà solo della propria macchina e questo potrebbe annullare alcuni benefici del nuovo regolamento".

"Il nostro compito è creare regole che cerchino di evitare il più possibile tutto ciò. Stiamo cercando di aggirare le regole per conto nostro proprio per evitare che possa accadere in futuro, per cercare di mantenere tutti i punti forti delle nostre regole e avere gare migliori".

Articolo successivo
Pirelli 2021 da 18: sarà la Renault a farle debuttare al Ricard

Articolo precedente

Pirelli 2021 da 18: sarà la Renault a farle debuttare al Ricard

Articolo successivo

Bottas: "Non voglio psicologi per battere Lewis. Non sono Rosberg"

Bottas: "Non voglio psicologi per battere Lewis. Non sono Rosberg"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble