F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

F1 | Red Bull: quattro modifiche per far funzionare il DRS

La FIA ha autorizzato la modifica del sistema DRS della RB16B che negli ultimi GP ha mostrato dei grossi problemi di affidabilità. Anche se il pezzo è fra quelli omologati dall'inizio dell'anno, è stato concesso di cambiarlo per (giusti) motivi di sicurezza. Analizziamo i cambiamenti in quattro punti del sistema che in qualifica ha finzionato alla perfezione.

F1 | Red Bull: quattro modifiche per far funzionare il DRS

La Red Bull ha risolto il problema del DRS prima delle qualifiche. I tecnici di Adrian Newey hanno potuto intervenire sul sistema di richiamo del flap mobile dopo che nelle sessioni di prove libere del venerdì si era verificato lo “sfarfallamento” dell’ala quando era aperta.

La Federazione Internazionale è intervenuta chiedendo che le RB16B di Max Verstappen e di Sergio Perez si presentassero con un comando che potesse assicurare la regolare chiusura del flap alla fine del rettilineo. E per questo i commissari tecnici hanno concesso alla Red Bull di intervenire con delle modifiche che hanno riguardato il fissaggio del flap alle paratie laterali e, soprattutto all’irrobustimento della leva che è chiamata a sopportare lo sforzo comandato dall’attuatore.

Red Bull: ecco il comando del DRS usato nelle prove libere del venerdì

Red Bull: ecco il comando del DRS usato nelle prove libere del venerdì

Photo by: Giorgio Piola

Red Bull: ecco il comando del DRS modificato per le FP3 e le qualifiche

Red Bull: ecco il comando del DRS modificato per le FP3 e le qualifiche

Photo by: Giorgio Piola

Il disegno di Giorgio Piola ci mostra con precisione quali sono stati i quattro interventi che hanno permesso agli ingegneri di Pierre Waché di risolvere, finalmente, il problema, visto che il guaio si è ripetuto con puntuale ripetitività negli ultimi tre GP (Messico, Brasile e Qatar).

Leggi anche:

Il comando del DRS rientra fra i pezzi che sono congelati dall’inizio dell’anno, per cui la modifica al sistema (l’attuatore idraulico è rimasto lo stesso) ha avuto l’assenso della FIA: nelle prove libere di sabato mattina c’è stata molta fibrillazione nel box della Red Bull, perché c’era la necessità di trovare la giusta taratura dell’attuatore affinché funzionasse a dovere e, almeno all’inizio, non sembrava che le modifiche avessero dato i risultati attesi. Ma poi tutto è rientrato e anche la tensione è scemata perché il sistema era ok.

condividi
commenti
Caos bandiere gialle: non attivate le segnalazioni elettroniche
Articolo precedente

Caos bandiere gialle: non attivate le segnalazioni elettroniche

Articolo successivo

Strategie GP Qatar: la hard condiziona le scelte nei due stop

Strategie GP Qatar: la hard condiziona le scelte nei due stop
Carica i commenti