Red Bull: la RB11 deve ancora sostenere i crash test?

Red Bull: la RB11 deve ancora sostenere i crash test?

Horner ammette che la macchina è in ritardo. Oggi o domani le prove di omologazione della scocca

Alla Red Bull Racing c’è agitazione perché la RB11 non avrebbe ancora superato il crash test che omologa la scocca e il muso in configurazione 2015. A Milton Keynes sono arrivati “lunghi” nell’assemblare la nuova creatura di Adrian Newey e hanno programmato le prove di crash oggi o domani a Cranfield, la struttura autorizzata dalla FIA.

Si può ben capire che tutto l’Ufficio Tecnico sia impegnatissimo in una corsa contro il tempo per fare in modo di spedire la macchina in tempo per essere presentata sulla pit lane di Jerez, prima che proprio domenica mattina inizino i test  daranno il via alla stagione 2015.

Christian Horner, ieri non aveva fatto mistero ai giornalisti di Autosport che “…non c’è alcun rischio di saltare il primo test stagionale, ma la vettura non è pronta per girare in pista perché siamo ancora nella fase di realizzazione dei componenti”.

Il team principal ha spiegato che la RB11 nasce con la gestazione più breve di una monoposto di Milton Keynes: “Probabilmente è il minor lasso di tempo che abbiamo mai avuto nelle nostre 10 stagioni per produrre ed assemblare una monoposto. E’ incredibile lo sforzo che stanno facendo i ragazzi in fabbrica, ma c’è ancora molto da fare prima di domenica. Mi auguro inoltre che il primo test sia decisamente migliore di quello dello scorso anno”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo , Daniil Kvyat
Articolo di tipo Ultime notizie