Red Bull: ecco le prime immagini della RB16B

Il team di Milton Keynes ha diffuso via web la prima fotografia della monoposto di Adrian Newey che dovrà affrontare il mondiale 2021 di F1 per sfidare la Mercedes: la sigla è RB16B, dando il segno della continuità del progetto dello scorso anno. Verstappen e Perez possono fare affidamento su una power unit Honda molto rivista che rappresenta il meglio della Casa giapponese prima del ritiro a fine stagione.

Red Bull: ecco le prime immagini della RB16B

Ecco la prima immagine della Red Bull RB16B che la squadra di Milton Keynes ha appena diffuso: come si può ben capire si tratta dell’evoluzione della monoposto dello scorso anno che ha vinto l’ultimo GP della stagione 2020 con Max Verstappen e ha l’ambizione di sfidare la Mercedes nella lotta per il mondiale che inizierà in Bahrain il 28 marzo.

Christian Horner ha ammesso candidamente che la vettura di Adrian Newey l’anno scorso ha patito una mancata correlazione fra i dati della pista e quelli di simulazione (CFD, galleria del vento e simulatore) all’inizio del campionato e poi, quando, sono stati capiti e interpretati i problemi la squadra ha cercato di reagire producendo una crescita molto interessante, frutto anche dei continui sviluppi portati in pista, mentre sulla W11 a Brackley avevano fermato l’evoluzione consapevoli della loro superiorità tecnica.

La macchina si è rivelata competitiva nella seconda parte della stagione, ma difficile da guidare, tanto che Alexander Albon, anche per questo motivo ci ha rimesso il posto a favore di Sergio Perez, mentre l’olandese è comunque riuscito a estrarre sempre il massimo dalla vettura di Milton Keynes grazie a una sensibilità di guida straordinaria e a un talento superiore che fa di Max un autentico fuoriclasse.

 

Dall’aspetto la RB16B non sembra troppo diversa dalla macchina da cui deriva, ma basta dare uno sguardo più attento per scoprire che ci sono alcuni aspetti interessanti da approfondire.

Vi diamo appuntamento a fra poco per la descrizione tecnica completa di una delle Formula 1 più attese di questa stagione di transizione, nella quale le regole FIA fissano molti paletti nello sviluppo, lasciando però piena liberta nella ricerca aerodinamica, dopo aver deciso dei tagli che dovrebbero costare, almeno sulla carta, una perdita di downforce pari al 10% del carico.

La RB16B nasce con la nuova power unit Honda la RA 621H: i tecnici nipponici in questa realizzazione hanno messo tutte le loro conoscenze prima di lasciare il Circus alla fine di questa stagione. Oltre agli interventi migliorativi in camera di combustione del 6 cilindri endotermico, i giapponesi diretti da Tanabe hanno migliorato la parte ibrida.

Red Bull Racing RB16B

Red Bull Racing RB16B

Photo by: Red Bull Racing

condividi
commenti
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

Articolo precedente

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

Articolo successivo

Alpine: i motori Renault costruiti e assemblati da Mecachrome

Alpine: i motori Renault costruiti e assemblati da Mecachrome
Carica i commenti