Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Racing Point: è un giapponese il... segreto di Stroll

La pole position di Lance nelle qualifiche del GP della Turchia esalta le doti sul bagnato del pilota canadese, ma da qualche anno la squadra di Silverstone si fa apprezzare anche con Perez per il perfetto sfruttamento delle gomme. E si è scoperto che nel team c'è un tecnico nipponico che era stato alla Bridgestone: si chiama Jun Matsuzaki l'ingegnere che studia le strategie che spesso premiano la squadra nella gestione degli pneumatici.

condividi
commenti
Racing Point: è un giapponese il... segreto di Stroll

Quando le qualifiche del Gran Premio di Turchia sono entrate nel vivo con il via della Q3 proprio nessuno poteva immaginare che dodici minuti dopo Lance Stroll avrebbe festeggiato la sua prima pole position in Formula 1.

A dirla tutta nessuno poteva immaginare un poleman diverso da Max Verstappen, dominatore delle sessioni Q1 e Q2 con (almeno) due secondi di margine su tutti. Mentre le vetture uscivano dai box per l’assalto alla pole position, è passata in secondo piano la scelta di pneumatici effettuata da Sergio Perez, unico a puntare subito sulle Intermedie.

L’attenzione è rimasta tutta su Verstappen, che al secondo giro lanciato è transitato in 1’52”326, ipotecando pesantemente la pole, ma poco dopo è arrivato sul traguardo Perez lasciando tutti di sasso, portandosi in prima posizione con il crono di 1’52”037. In un attimo nei box tutti hanno capito che la gomma giusta non era la full-wet, ed è suonato l’allarme. Nel frattempo il primo ad entrare ai box è stato proprio Stroll, chiamato dalla squadra appena è stato chiaro il passo molto veloce di Perez.

Stroll, il sottostimato

Il messicano è riuscito ad abbassare il suo tempo nel giro conclusivo a 1’49”321, completando un ‘run’ di sei tornate durante le quali è riuscito a prendere bene le misure alla pista. Nessuno poteva immaginare che Stroll sarebbe stato in grado di portare le sue gomme nella finestra di utilizzo perfetta dopo un solo giro lanciato (percorso in 1’51”470) per poi piazzare il crono di 1’47”765 che gli è valso clamorosamente la pole position.

Non è la prima volta che Lance conferma di avere una grande sensibilità di guida in condizioni di scarsa aderenza, ovvero un terreno dove generalmente emerge l’istinto del pilota.

Un aspetto che viene riconosciuto a tutti come un grande valore aggiunto, ma non a questo ragazzo, che paga dazio dall’essere entrato nel paddock di Formula 1 con il bollino di pilota pagante. Cosa vera, verissima, ma che non pregiudica la possibilità di crescere anno dopo anno.

Stroll non ha il killer-instinct dei cannibali, non riesce ancora a mantenere una costanza di rendimento nell’arco dell’intera stagione, ma guidare una monoposto di Formula 1 in condizioni come quelle viste oggi a Istanbul non è cosa proprio da tutti, ed è corretto rendere omaggio a chi lo ha saputo fare mettendosi anche in prima posizione.

Gestione gomme: il ruolo di Matsuzaki

L’exploit della Racing Point è maturato grazie a delle scelte strategiche rivelatesi ottime, ma non solo. Le due RP20 hanno ‘acceso’ le gomme intermedie in modo perfetto, e non è la prima volta che la squadra di Silverstone spicca nella gestione degli pneumatici.

Da anni Perez è diventato un vero e proprio maratoneta nelle gare in cui gli avversari accusano graining o blistering, e qualcuno nel paddock ha indicato una figura strategica che ha portato nel team un grande know-how nella cruciale gestione gomme.

È un ingegnere giapponese, Jun Matsuzaki, ex Bridgestone, che da diverse stagioni lavora molto con i piloti e gli ingegneri dedicandosi esclusivamente alla gestione degli pneumatici. Perez da anni lavora a stretto contato con Matsuzaki, studiando come ottimizzare la guida e aspetti tecnici che hanno trasformato il messicano da pilota ammazza-gomme a riferimento assoluto nella gestione degli pneumatici.

Oggi a Perez è mancato il timing giusto, ma ha indicato la via alla squadra e a Stroll per puntare al clamoroso risultato concretizzato al termine delle qualifiche.

Domani sarà un’altra storia, e Verstappen resta ovviamente l’uomo da battere con tutti i favori del pronostico, ma se sarà gara-pazza a causa delle condizioni della pista, (ipotesi che conviene non scartare) non è fantascienza pronosticare almeno una Racing Point sul podio turco. Al netto, ovviamente, di errori di strategia, ovvero ciò che è costato a Perez il podio di Imola.

Ferrari: la SF1000 a Istanbul naufraga con le full wet

Articolo precedente

Ferrari: la SF1000 a Istanbul naufraga con le full wet

Articolo successivo

Doccia fredda McLaren: penalità per Sainz e Norris

Doccia fredda McLaren: penalità per Sainz e Norris
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Turchia
Sotto-evento Qualifiche
Location Istanbul Park
Piloti Lance Stroll
Team Racing Point
Autore Roberto Chinchero