Quarta vittoria di fila per Sebastian Vettel in Corea

Quarta vittoria di fila per Sebastian Vettel in Corea

Il tedesco precede le due Lotus e vola a +77: in Giappone avrà il primo match point per il quarto Mondiale

Ottava vittoria stagionale e quarto titolo iridato ormai veramente ad un passo per Sebastian Vettel. Pur senza rifilare i distacchi abissali visti a Singapore, il pilota della Red Bull ha dominato anche il Gp di Corea, comandando praticamente dall'inizio alla fine e mettendo un'ipoteca importantissima sul suo quarto alloro consecutivo. Con Fernando Alonso che non è riuscito ad andare oltre al sesto posto, il tedesco ha portato a 77 punti il suo vantaggio nei confronti del ferrarista e questo vuol dire che si è già guadagnato un match point per chiudere i conti tra una settimana in Giappone: se vincerà anche a Suzuki e lo spagnolo non farà meglio del nono posto, per lui potrà cominciare la festa. Anche oggi è scattato con autorità dalla pole position e si è subito costruito un margine di sicurezza nei confronti di Romain Grosjean, che però è stato bravo a non far crescere mai il distacco della sua Lotus oltre ai 5". Neppure un doppio ingresso della safety car ha messo in dubbio le certezze di Vettel, che in entrambe le occasioni è ripartito in maniera perfetta, involandosi poi solitario verso l'ennesimo trionfo di questo 2013. Alla fine alle sue spalle però non si è piazzato Grosjean, nonostante si sia reso protagonista di una delle gare più belle della sua carriera, ma il compagno di squadra Kimi Raikkonen. Ancora una volta il finlandese della Lotus ha sfoderato una grande rimonta dopo una qualifica al di sotto delle aspettative, ma sicuramente l'arrivo della safety car, resosi necessario per l'esplosione della gomma anteriore destra di Sergio Perez, che ha riempito la pista di detriti, lo ha aiutato consentendogli di annullare il distacco che lo separava dal tandem di testa. Al restart poi "Iceman" è stato bravissimo a scavalcare Grosjean, al quale ha resistito con grinta fino alla fine. Sempre in occasione della ripartenza ha costruito il suo piccolo capolavoro anche Nico Hulkenberg, che ha regalato uno straordinario quarto posto alla Sauber. Il tedesco ha superato la Mercedes di Lewis Hamilton e poi è stato un vero e proprio incubo per il britannico, che non è più riuscito a rispondere neanche mettendogli una grande pressione fino alla fine. Nel box della squadra di Brackley forse dovrebbero fare mea culpa per la gestione della strategia di Lewis: per mantenere la sua gara su un piano a due soste, infatti, lo hanno tenuto in pista anche quando ha iniziato a girare quattro secondi più lento dei migliori e questo lo ha pagato alla distanza, ritrovandosi alle spalle di entrambe le Lotus dopo il secondo pit stop. Veniamo ora a Fernando Alonso, che questa volta non è riuscito a sfoderare una delle sue rimonte. Anzi, il due volte campione del mondo ha addirittura perso una posizione rispetto alla griglia di partenza. A complicargli la vita ci ha pensato Felipe Massa, che al primo giro si è girato in testacoda al suo interno, obbligandolo ad andare largo e a subire il sorpasso di Hulkenberg. Da quel momento in avanti ha passato la gara nella scia della Sauber, patendo anche parecchi problemi di graining sull'anteriore destra (questo comunque è capitato quasi a tutti). Fernando ha provato diverse volte l'attacco, senza mai riuscire a concretizzarlo, perchè la monoposto elvetica aveva un'ottima trazione in uscita dalla curva che immette sul lungo rettilineo del tracciato coreano. Una situazione che ha ricordato quasi quella di Abu Dhabi del 2010, quando Alonso non riusciva a scavalcare Vitaly Petrov. Sfortunata anche la gara di Nico Rosberg, che alla fine si è dovuto accontentare del settimo posto, dopo essere stato rallentato da una disavventura decisamente anomala: il muso della sua Mercedes si è infatti sganciato quando occupava la quarta posizione. Tante scintille, un grande spavento, ma fortunatamente il figlio d'arte è riuscito a raggiungere i box e a ripartire chiudendo settimo con un bel sorpasso ai danni della McLaren di Jenson Button a tre giri dalla fine. Il problema con l'ala di Rosberg però non è stato il solo momento di apprensione della corsa: poche centinaia di metri dopo il primo restart, Adrian Sutil è finito in testacoda in staccata ed ha centrato la Red Bull di Mark Webber, che ha immediatamente preso fuoco. In questo caso i commissari di Yeongam hanno mostrato tutti i loro limiti non riuscendo subito a domare le fiamme e lasciando il retrotreno della RB9 dell'australiano finisse quasi in cenere. Ma la cosa più clamorosa è che un mezzo dei pompieri si è infilato in pista prima che lo facesse la safety car e così il leader Sebastian Vettel si è improvvisamente trovato davanti un jeep che procedeva lentamente. Per fortuna non è successo nulla di grave, ma sicuramente si è trattato di una situazione pericolosa che si sarebbe potuta evitare. Dopo l'errore del primo giro, Felipe Massa è risalito fino al nono posto, portando a casa due punticini che hanno permesso alla Ferrari di mantenere il secondo posto nel costruttori. Il brasiliano però è finito sotto investigazione per un contatto avvenuto nel finale con Sergio Perez, che ha completato la zona punti con la sua McLaren. FORMULA 1, Yeongam, 06/10/2013 Classifica finale Gp di Corea 1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 55 giri 2. Kimi Raikkonen - Lotus-Renault - +4"2 3. Romain Grosjean - Lotus-Renault - +4"9 4. Nico Hulkenberg - Sauber-Ferrari - +24"1 5. Lewis Hamilton - Mercedes - +25"2 6. Fernando Alonso - Ferrari - +26"1 7. Nico Rosberg - Mercedes - +26"6 8. Jenson Button - McLaren-Mercedes - +32"2 9. Felipe Massa - Ferrari - +34"3 10. Sergio Perez - McLaren-Mercedes - +35"1 11. Esteban Gutierrez - Sauber-Ferrari - +35"9 12. Valtteri Bottas - Williams-Renault - +47"0 13. Pastor Maldonado - Williams-Renault - +50"0 14. Charles Pic - Caterham-Renault - +1'03"5 15. Giedo van der Garde - Caterham-Renault - +1'04"5 16. Jules Bianchi - Marussia-Cosworth - +1'07"9 17. Max Chilton - Marussia-Cosworth - +1'12"8 18. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - +2 giri 19. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - +3 giri 20. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - +5 giri La classifica del Mondiale Piloti: 1. Vettel 272; 2. Alonso 195; 3. Raikkonen 167; 4. Hamilton 161; 5. Webber 130; 6. Rosberg 122; 7. Massa 89; 8. Grosjean 72; 9. Button 58; 10. Hulkenberg 31; 11. Di Resta 36; 12. Sutil 26; 13. Perez 23; 14. Ricciardo 18; 15. Vergne 13; 16. Maldonado 1. La classifica del Mondiale Costruttori: 1. Red Bull-Renault 402; 2. Ferrari 284; 3. Mercedes 283; 4. Lotus-Renault 239; 5. McLaren-Mercedes 81; 6. Force India-Mercedes 62; 7. Sauber-Ferrari e Toro Rosso 31; 9. Williams-Renault 1.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie