F1: prima giornata in Red Bull per Sergio Perez

Prima giornata a Milton Keynes per Sergio Perez, nuovo pilota Red Bull che nel 2021 correrà accanto a Max Verstappen. Il messicano ha fatto il sedile per la monoposto 2021.

F1: prima giornata in Red Bull per Sergio Perez

"Hola, Red Bull Racing!". Felpa d'ordinanza grigio chiaro con finiture rosse nel cappuccio e nella zip chiusa, jeans beige e scarpe sportive. Il logo dell'impresa che produce da anni bibite energetiche posto in alto, all'altezza della spalla sinistra. Ma soprattutto un sorriso sincero. Si è presentato così, oggi, Sergio Perez, in quello che per lui è stato il primo giorno da pilota ufficiale Red Bull Racing nel quartier generale del team anglo-austriaco che ha sede a Milton Keynes.

Ad annunciare la presenza di Sergio nella factory di Red Bull è stato lo stesso team tramite una serie di filmati con cui ha documentato la visita del messicano, nuovo compagno di squadra di Max Verstappen a partire da questa stagione dopo aver preso il posto di Alexander Albon.

Il giro della factory per conoscere le strutture e il personale, ma anche con un obiettivo ancora più concreto: fare il sedile per la monoposto 2021 che la squadra diretta da Christian Horner affiderà a lui e a Max Verstappen.

 

Indossata la tuta, collare Hans e sotto casco ignifugo, Sergio si è calato nel mock up del telaio della RB16 per imprimere le sue forme alla sostanza da cui sarà modellato il sedile con cui correrà per l'intera stagione 2021 di Formula 1.

Per Perez è l'inizio di una nuova avventura dopo 8 anni passati alla Racing Point (prima Force India) che hanno fruttato diversi podi e la strepitosa vittoria ottenuta al Gran Premio di Sakhir 2020, senza contare il quarto posto finale nel Mondiale Piloti con 125 punti.

Per lui si tratterà della seconda, grande opportunità della carriera dopo aver corso nel 2013 con la McLaren prendendo il posto di Lewis Hamilton. Quella stagione, per Sergio, fu a dir poco complicata, in un team che di grande aveva solo il nome ed era ormai avviata verso una decadenza che solo nelle ultime 2 stagioni è stata rintuzzata.

Lui, poi, non arrivò a quell'opportunità maturo abbastanza per sopportare una stagione del genere, in un team del genere. Lo ha rivelato anni dopo lo stesso Perez che ora, a 31 anni, avrà la grande opportunità della vita: avere una vettura competitiva - più della recente Racing Point - per confermare quanto buona sia stata la scelta di Red Bull nel puntare su di lui.

 
condividi
commenti
Stroll: "Con Aston Martin penseremo fuori dagli schemi!"
Articolo precedente

Stroll: "Con Aston Martin penseremo fuori dagli schemi!"

Articolo successivo

Norris: "Col motore Mercedes abbiamo un buon pacchetto"

Norris: "Col motore Mercedes abbiamo un buon pacchetto"
Carica i commenti