Piero Ferrari: "Mio padre un grande innovatore!"

Il figlio, attuale vicepresidente del Cavallino, ricorda Enzo prima del 25esimo anniversario della scomparsa

Piero Ferrari:
Piero Ferrari ricorda il padre Enzo alla vigilia del venticinquesimo anniversario della sua scomparsa sul sito ufficiale della Ferrari facendo un breve ma significativo ritratto del genitore. Il vicepresidente del Cavallino è statp come sempre sincero e aperto... "Duro ed esigente, come padre e come capo, ma anche capace di gesti di grande generosità e di affettuosità inaspettate, aspetti questi ultimi che tendeva a nascondere - ha detto Piero - Coraggioso e innovatore, sempre con lo sguardo volto al futuro: basti pensare alla decisione di fondare la Scuderia nel 1929, l'anno della Grande Crisi, e al progetto di creare una fabbrica di automobili in un'Italia che era ancora piena delle macerie della Seconda Guerra Mondiale". "E' proprio per quella sua determinazione assoluta a guardare avanti, che gli faceva dire che la Ferrari più bella era quella che doveva ancora nascere, che mio padre avrebbe amato ciò che è diventata oggi l'azienda - ha proseguito Piero - sempre orientata al futuro e all'innovazione, che non si lascia tentare dal mercato, come l'avrebbe voluta lui. Luca di Montezemolo ha fatto e continua a fare un grande lavoro per mantenere intatte le caratteristiche fondamentali del DNA della Ferrari: ad esempio, avrebbe condiviso pienamente la decisione di voler mantenere la produzione sotto la soglia delle settemila vetture all'anno, aumentando però i ritorni economici". Potrebbero essere migliaia i ricordi del padre che il figlio potrebbe raccontare ma il riserbo è sicuramente una caratteristica di famiglia: "Dei tanti ricordi che ho, forse quelli che più mi sono rimasti nella memoria sono legati ai pranzi della domenica insieme a mia madre".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie