F1 | Perez: "I ritiri hanno 'ucciso" la mia stagione"

Sergio Perez crede che possa essere ancora tutto aperto nella lotta per il titolo di Formula 1 dopo la pausa estiva, nonostante alcuni ritiri che hanno "ucciso" la sua stagione finora.

F1 | Perez: "I ritiri hanno 'ucciso" la mia stagione"

Perez ha ottenuto la sua seconda vittoria per la Red Bull nel Gran Premio di Monaco dello scorso maggio, portandosi a 15 punti dal compagno di squadra Max Verstappen, che comandava il Mondiale, ma da allora le loro fortune hanno preso direzioni diverse.

Mentre Verstappen ha vinto quattro delle sei gare disputate dopo Monaco, Perez ha ottenuto solo due secondi posti nello stesso periodo, oltre ai ritiri in Canada ed in Austria.

Il divario tra i due piloti della Red Bull è salito a 85 punti prima delle ultime nove gare della stagione, lasciando Perez a rimpiangere i ritiri. Inoltre, il messicano non è riuscito a vedere la bandiera a scacchi nella gara inaugurale della stagione in Bahrain.

"La stagione è ancora molto lunga", ha dichiarato Perez in vista del Gran Premio d'Ungheria.

"A dire il vero, ciò che ha 'ucciso' la prima metà della mia stagione sono stati i ritiri. Senza questi errori, il mio campionato sarebbe molto diverso da quello che è ora".

"Quindi sì. Ma nel complesso, credo che ci siano molti aspetti positivi da trarre da questa metà di stagione".

Sergio Perez, Red Bull Racing, walks back to the garage after crashing out at the restart

Sergio Perez, Red Bull Racing, walks back to the garage after crashing out at the restart

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

Perez è stato bloccato in Bahrain da un problema alla pompa dells benzina, prima che un problema al cambio lo costringesse al ritiro in Canada a metà giugno. In Austria, un contatto con George Russell nel giro iniziale ha costretto Perez a ritirarsi dalla gara, con Russell che ha ricevuto una penalità per aver causato la collisione.

Sebbene i ritiri abbiano danneggiato le speranze di Perez per il titolo, "Checo" è sembrato comunque fare un passo avanti nel 2022 con la Red Bull, dopo aver faticato ad abituarsi alla RB16B per tutto il 2021.

Le ottime prestazioni del messicano hanno spinto la Red Bull ad offrirgli un nuovo contratto biennale fino alla fine del 2024, firmato poco prima della vittoria di Monaco.

Quando Motorsport.com gli ha chiesto come valuta la sua stagione rispetto alla precedente con la Red Bull, Perez ha detto: "Con un voto piuttosto alto".

"Penso che sia stata un'ottima prima metà di stagione, molto completa, con buone gare, buoni risultati e naturalmente una buona costanza", ha detto Perez.

"Penso che sia lì, e tutto è aperto per il campionato".

La Red Bull si appresta ad affrontare la seconda parte della stagione con 97 punti di vantaggio sulla Ferrari nella classifica costruttori, ma Perez ha avvertito che non deve compiacersi perché "tutto è ancora molto aperto".

"Dobbiamo continuare a spingere", ha detto Perez. "La Ferrari è stata un po' più veloce di noi nelle ultime due gare, quindi dobbiamo continuare a spingere al massimo. Tutto può succedere".

"Penso che dopo il nostro ritorno in pista, la stagione inizierà molto rapidamente, quindi vedremo dopo le tre o quattro gare dopo la pausa estiva a che punto è la situazione. Spero che per allora sarò riuscito a chiudere il gap".

Leggi anche:
condividi
commenti
F1 | Alpine: Ocon ha le carte in regola per guidare il team nel 2023
Articolo precedente

F1 | Alpine: Ocon ha le carte in regola per guidare il team nel 2023

Articolo successivo

Video F1 | Ceccarelli: "Caso Piastri: l'emotività pessima consigliera"

Video F1 | Ceccarelli: "Caso Piastri: l'emotività pessima consigliera"