F1, Paul Ricard, Libere 2: zampata di Verstappen davanti alle Mercedes

La Red Bull sorprende le due Mercedes grazie a Max Verstappen nella seconda sessione di prove libere del GP di Francia. Max ha preceduto Bottas di appena 8 millesimi, ma Valtteri ha colto la sua prestazione con le gomme medie, più dure. Terzo è Hamilton staccato di due decimi dal compagno, seguito dall'ottimo Alonso, quarto con l'Alpine, davanti a Leclerc con la Ferrari.

F1, Paul Ricard, Libere 2: zampata di Verstappen davanti alle Mercedes

La Mercedes voleva dare un segno di superiorità anche nel secondo turno di prove libere del GP di Francia, ma le frecce nere hanno dovuto fare i conti con la furia di Max Verstappen. L'olandese, una volta montate le gomme soft, prima ha abortito un giro dopo aver rotto la parte esterna della paratia dell'ala anteriore su un cordolo, ma poi ha stampato il miglior tempo in 1'32"872.

La Red Bull si dimostra nervosa, ma performante al Paul Ricard: i piani della squadra di Brackley di dare una dimostrazione di forza al ritorno su una pista permanente dopo le figuracce rimediate sui due tracciati cittadini sono saltati.

Ma c'è un interrogativo a cui bisogna dare una risposta: Valtteri Bottas è arrivato a 8 millesimi dalla prestazione di Verstappen con la W12 dotata di gomme medie e poi, una volta passato alle soft, non è riuscito a migliorare. Come mai? La freccia nera soffre le gomme rosse, oppure in Mercedes giocano a fare un po' di pretattica, perché nel passo gara il finlandese ha mostrato un'andatura inviadiabile, ma in linea con quella di Verstappen. Con 47 gradi di asfalto la mescola soft sembra faticare a chiudere il giro secco, segno che ancora ci sono problemi di bilanciamento.

Verstappen e Bottas sono stati gli unici capaci di andare sotto al muro di 1'33", mentre Lewis Hamilton la barriera non l'ha sfondata, pur ottenendo il suo tempo migliore con le soft in 1'33"125. Il campione del mondo poi si è lamentato della sua macchina che non stava funzionando a dovere. Scopriremo solo domani che partita stanno giocando gli uomini di Toto Wolff che hanno dato la sensazione di voler cercare la qualificazione in Q2 con le gialle.

Al quarto posto si è arrampicato Fernando Alonso con una rediviva Alpine: lo spagnolo dispone di una nuova scatola dello sterzo che gli conferisce una maggiore sicurezza nei curvoni veloci. L'alsaziano con 1'33"340 è riuscito a portare la A521 davanti alla Ferrari di Charles Leclerc. La competitività della blue nella gara di casa è confermata anche da Esteban Ocon che si è inserito subito dietro alla SF21 del monegasco. E a proposito di transalpini non si può trascurare la settima piazza di Pierre Gasly con l'AlphaTauri davanti a Carlos Sainz.

La Ferrari ha migliorato rispetto alla delusione del mattino: Leclerc ha trovato un guizzo con le soft che lo ha portato a sei decimi dalla vetta, mentre il distacco di Sainz è certamente più consistente. La Scuderia si conferma meno prestazionale rispetto a Monaco e Baku, ma si dimostra in grado di lottare nel gruppo di centro, visto che McLaren si deve accontentare della decima piazza di Lando Norris.

E' meglio non farsi condizionare dai tempi della papaya, perché spesso al venerdì resta coperta e poi emerge quando serve, ma Daniel Ricciardo è sprofondato al 14esimo posto dopo essere stato sesto in mattinata.

Non ha brillato nel giro secco Sergio Perez con la seconda Red Bull: il messicano è finito 12esimo con un'ala forse troppo carica e così è dietro anche ad Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo. A proposito del team di Hinwil da segnalare il nono posto di Kimi Raikkonen che ha piazzato una sua zampata con la C41.

Yuki Tsunoda si arrangia come può con l'AlphaTauri al 13esimo posto, mentre continuano a faticare le Aston Martin con Sebastian Vettel 15esimo seguito da Lance Stroll. La "verdona" sembra aver perso il tocco "magico" che aveva trovato a Baku.

Le due Williams di George Russell e Nicholas Latifi si confermano davanti alle Haas di Mick Schumacher e Nikita Mazepin.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 21 1'32.872 226.453
2 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 27 1'32.880 0.008 0.008 226.434
3 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 23 1'33.125 0.253 0.245 225.838
4 Spain Fernando Alonso
Alpine 25 1'33.340 0.468 0.215 225.318
5 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 23 1'33.550 0.678 0.210 224.812
6 France Esteban Ocon
Alpine 23 1'33.685 0.813 0.135 224.488
7 France Pierre Gasly
AlphaTauri 25 1'33.696 0.824 0.011 224.462
8 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 24 1'33.698 0.826 0.002 224.457
9 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 26 1'33.786 0.914 0.088 224.246
10 United Kingdom Lando Norris
McLaren 24 1'33.822 0.950 0.036 224.160
11 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 23 1'33.831 0.959 0.009 224.139
12 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 24 1'33.921 1.049 0.090 223.924
13 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 25 1'33.955 1.083 0.034 223.843
14 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 24 1'34.079 1.207 0.124 223.548
15 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 25 1'34.447 1.575 0.368 222.677
16 Canada Lance Stroll
Aston Martin 24 1'34.632 1.760 0.185 222.241
17 United Kingdom George Russell
Williams 25 1'35.266 2.394 0.634 220.762
18 Canada Nicholas Latifi
Williams 25 1'35.331 2.459 0.065 220.612
19 Germany Mick Schumacher
Haas 24 1'35.512 2.640 0.181 220.194
20 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 23 1'35.551 2.679 0.039 220.104
condividi
commenti
McLaren: sul telaio della MCL35 M spuntano le orecchie
Articolo precedente

McLaren: sul telaio della MCL35 M spuntano le orecchie

Articolo successivo

Hamilton: "Ci manca grip, ma i tempi non sono terribili"

Hamilton: "Ci manca grip, ma i tempi non sono terribili"
Carica i commenti