Costa: "La Mercedes? Un top team che vuole vincere!"

L'ex direttore tecnico Ferrari parla del suo trasferimento a Brackley per progettare le frecce d'argento

Costa:
Il silenzio è finito. Non ha mai parlato, rispettando le consegne che la Ferrari gli aveva imposto con il periodo di “gardening”, come lo chiamano gli inglesi. Eppure è proprio da Maranello che gli sono arrivati i primi messaggi di congratulazione dagli amici (molti) che ha lasciato nel Reparto Corse del Cavallino rampante. Alla Ferrari era entrato nel 1995 proveniente dalla Minardi per sviluppare il progetto della F50 in versione Gt. Aldo Costa, 50 anni, parmense laureato in ingegneria meccanica presso l'Università di Bologna, torna in Formula 1 dal 1 dicembre nel ruolo di responsabile della Progettazione e Sviluppo della Mercedes Gp, dopo essere stato direttore tecnico del Cavallino dal 2008 al mese di maggio 2011. Nel frattempo era stato responsabile della progettazione autotelaio dal 1996, diventando dal 1998 l'assistente del capo progettista Rory Byrne, al quale è succeduto nel 2004. Nel 2006 è stato nominato capo della Direzione Autotelaio; prima di prendere il posto di Ross Brawn. Adesso partirà nuova sfida professionale importante che promuove un tecnico italiano in un ruolo di primo piano in una struttura che ha l'ambizione di iniziare a vincere... “Ho una grandissimo entusiasmo per questa nuova avventura – ammette al telefono Aldo Costa con una voce squillante e serena – è una bella opportunità che mi è stata offerta: entro in un top team che ha l'ambizione di crescere e che vuole vincere. Ci metterò tutto l'impegno per fare bene visto che troverò delle persone che stimo e che conosco molto bene...”. La chiamata è arrivata da Ross Brawn, team principal della Mercedes Gp. L'ingegnere di Manchester conosce molto bene le qualità di Aldo Costa che gli affida un ruolo strategico nella gestione tecnica della squadra: “Sarà dal 1 dicembre il direttore dell'ingegneria – prosegue Costa - che tradotto in parole semplici significa che sarò il resposabile del progetto e dello sviluppo della macchina”. Il parmense arriva a Brackley quando la monoposto 2012 sarà già in avanzata fase di costruzione... “Non sono affatto preoccupato perché c'è un gruppo di lavoro molto valido – aggiunge Aldo – e cercherò di dare il mio contributo perché l'anno prossimo possano arrivare delle soddisfazioni per il team Mercedes. La sfida per me è elettrizzante: mi ha cercato un Costruttore importante che sta investendo per diventare vincente”. A Maranello è stato giubilato nel ruolo di Direttore Tecnico il 24 maggio quando era apparso chiaro a tutti che la 150° Italia non era una monoposto in grado di competere con la Red Bull Racing. Nel Reparto Corse avevano giudicato la Rossa una vettura troppo tradizionale per sfidare l'imbattibile RB7 e avevano dato la colpa a Costa che aveva ereditato nel 2008 il ruolo che era stato proprio di Ross Brawn... “In Mercedes Gp mi danno la responsabilità tecnica della macchina e tanto mi basta, non voglio commentare il passato, ma guardo solo avanti. Senza alcuna polemica”. Andrà a vivere in Gran Bretagna o farà avanti e indietro con l'Italia come altri progettisti che hanno contratti limitati solo ad alcune giornate lavorative della settimana? “Mi trasferirò a Brackley vicino alla sede della squadra voglio essere parte integrante del progetto e non voglio tradire la fiducia che mi è stata accordata”. Troverà Geoff Willis che è stato annunciato in parallelo alla sua nomina... “E' un tecnico molto preparato con una grandissima esperienza in Formula 1. A lui è affidato il compito di sviluppare le tecnologie perché la fabbrica disponga di tutte le strutture necessarie per andare a vincere. Entrambi risponderemo a Bob Bell che è il direttore tecnico, una persona che stimo, un tecnico capace. Insieme faremo in modo di portare la Mercedes a vincere...”. L'ha già chiamata Michael Schumacher che è stato fra i suoi grandi sostenitori per l'assunzione nella squadra delle frecce d'argento? “Non mi ha ancora chiamato (e sorride...) ma lo sentirò. Abbiamo tanti ricordi insieme”. Aldo Costa con la Ferrari ha vinto l'impressionante sequenza di titoli mondiali del periodo condiviso con il sette volte campione del mondo a cui ha aggiunto la perla di Kimi Raikkonen con la F2007. Ora volta pagina e inizia un nuovo cammino sicuramente difficile, quanto entusiasmante...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Michael Schumacher , Nico Rosberg
Articolo di tipo Ultime notizie